Archivi tag: Guerra in Cecenia

FREEDOM SOLD OR WAR BOUGHT? – REFLECTIONS BY APTI BATALOV (part 1)

I believe I am not mistaken when I say that one of the tragedies of the Chechen people originated on the day when Chechnya proclaimed itself an independent state. After choosing the first president, the Chechens naively believed that Russia would respect their choice. After all, Yeltsin said “take all the freedom you can swallow!” The Chechens did not know that “Swallowing freedom” they would regurgitate their blood.

The conquest of freedom

The Russians did not recognize the presidential elections held on October 27, 1991 in Chechnya. Rejecting any possibility of peaceful separation from Chechnya, the Kremlin has focused on the definitive solution of the Chechen “problem”. In planning actions against Chechen sovereignty, it was obvious that the Russian government would prioritize provocative and subversive activities, and this was evident from the growing activity of pro-Russian provocateurs on the territory of Chechnya. Funded and armed by Moscow, the leaders of the “anti-Dudaevites” began to form criminal groups under the cover of political slogans, calling themselves “opposition of the Dudaev regime”. In reality, the ideologues of this movement were full-time agents of the Russian special services and, following the instructions of the Lubyanka , they caused a civil war in the Chechens. Through these ” Mankurts ” [1], in the first half of the 90s of the twentieth century, Chechnya was transformed into a land of internal contrasts and social instability. Having already gained political independence from Moscow, many officials who held high positions in the state did what they could to discredit the idea of independence. With their actions they compromised the government, corrupted it, doing everything to make the Chechens repent of their choice. Every day, these people desecrated the idea of a free and sovereign state, and achieved many successes in this action, furthering the premises of the 1994/1996 Russo-Chechen War.

However, one detail had not been taken into consideration: the war imposed by the Kremlin would have ignited the genetic memory of the Chechens. All the people, with rare exceptions, took up arms and stood up to defend that choice. Evidently, after receiving the order to intensify their activities, the Russian special services agents began to increase their efforts to destabilize the political, economic and social situation throughout the Ichkeria territory. By sowing discord among the leaders of the state, creating an atmosphere of mutual distrust and enmity in the relations between yesterday’s comrades, the Russian mercenaries achieved the objectives set by Moscow. Instead of rallying around the president, in this hard and difficult time for the fate of the Chechen nation, and exercising their authority to defend and strengthen the authority of Ichkeria, the leaders of the country faced each other in the political arena with every sort of intrigue, against each other, using their credit only for speculative and populist purposes. After withdrawing troops from Ichkeria in 1996, the Russians invaded it with their agents. Terrible times came for Ichkeria, banditry assumed the proportions of a national catastrophe, kidnapping and the slave trade became the profession of a significant part of the former freedom fighters, lack of work and poverty swelled the ranks of criminals.

Heroes yesterday, enemies today

Thus there was no effective authority in Ichkeria. The comrades in arms of the President of yesterday, having had the opportunity to strengthen it, did not do so, but rather, having become politicians, they were the real antagonists of the President, doing everything to weaken his power. On every occasion, and under various pretexts, his authority was undermined: not a day passed without some “emergency” directed against the President. At that time I was convinced that these antagonists wanted to break Maskhadov psychologically. Imagine the state in which a person subjected to daily torture can be, every day more sophisticated and insidious. One fine day, the President collapsed… all this turmoil around the presidency drove the people to despair, their faith in authority and yesterday’s heroes disappeared. Social inequality, the absence of any guarantee of security, corrupt authorities at all levels, poverty and devastation: the Chechen people faced the 1999 war in these conditions … With an economic blockade, political and information isolation in place, the Chechen leadership he had no way of adequately preparing for Russian aggression.

The signs that the Russians were preparing a new war against Ichkeria appeared as early as February – March 1999. In February 1999, a demonstration of many thousands of people was held in support of the President’s policy in the city of Dzhokhar [formerly Grozny, NDR ]. The participants in the demonstration approved and supported in unison Maskhadov, the foreign and internal policy he pursued, and expressed the desire and willingness to take up arms to restore order in the country. Two or three Russian journalists were present at this gathering, being able to work without any restrictions. They assured me that the Russian media would report the demonstration, but not a single TV channel mentioned it. On the other hand, Russian public opinion began to be influenced by the idea that Maskhadov was a weak and indecisive person, that he had lost the support of the people, that power in Ichkeria was in the hands of the field commanders, that banditry and the slave trade flourished in Ichkeria. Obviously it would be wrong to deny these claims, which were partly true, but that the people did not support Maskhadov, or that he was weak, that was an absolute lie. The Chechen people had responded to the President’s appeal, and were willing to defend him. But the Russian media hid this fact from their audience. As for the field commanders, most of them obeyed without question the President and Commander the Chief of the Armed Forces.

But, as they say, no family is without monsters. On the occasion of the second anniversary of the signing of the Peace Treaty between Ichkeria and Russia on May 12 , 1997, well-organized celebrations were held in the city of Dzhokhar: events were held in the city center, horse races were held on the outskirts of the capital, with prizes in prize money, including “VAZ” 6 car models. It was a bright and festive day, during which the Ichkeria leadership showed all its desire for peace with Russia. Once again, Russian TV reporters worked on the event, as always without restrictions. And once again the media did not say a single word about the fact that similar celebrations were held in the city of Dzhokhar. All of this suggested that there would be no celebration the following year.


[1] Figuratively speaking, the word ” mankurt ” refers to people who have lost touch with their ethnic homeland , who have forgotten their kinship . For further information: https://en.wikipedia.org/wiki/Mankurt

CHECHENS, SHOW THAT YOU ARE A UNITED NATION! – INTERVIEW WITH USMAN FERZAULI

(English Version)

Usman Ferzauli, former First Deputy Foreign Minister and Director of the Department of Foreign Intelligence, then Minister of Foreign Affairs and Ambassador Extraordinary and Plenipotentiary to the Kingdom of Denmark, in service until 2016, has agreed to answer some of our questions on the current situation of the Chechen Republic of Ichkeria.

As a senior officer of the Chechen Republic of Ichkeria, you have gone through all stages of the republic’s history, from the most glorious to the most difficult. Today you support the cause of Chechnya from Europe. How is the management of Ichkeria experiencing this difficult and delicate moment?

I must say that today I am not an Ichkeria official on active duty . I believe that this status allows me to be more objective and free in the choice of terms to define the processes related to Ichkeria, without violating anyone’s rights or ambitions. I cannot speak on behalf of all Chechens, but I would insult the memory of my brothers in arms, who gave their lives for the sake of Ichkeria’s freedom, if I did not talk about what we all dreamed of and what we have dedicated our lives. Everyone is going through this difficult time in their own way. There are more than half a million Chechens outside of Ichkeria and Russia, and they are integrated into the social strata of their home countries. About three hundred thousand live in the territory of Russia proper. The remainder resides in Ichkeria. Our people have gone through a very difficult path, in the last 30 years we have faced 2 ethnic cleanups, which European politicians have called simply “… violation of human rights”. We have lost a quarter of the population during the wars and there is no family in Ichkeria that has not lost a loved one during this time. I mention these facts only because all this lives in us, in our children. And any information that mentions the word Ichkeria is a kind of detonator for all of us. Unfortunately, today I do not see a single national concept capable of developing mechanisms to get out of this difficult situation. Furthermore, it is not entirely ethical to try to change something in Ichkeria while sitting thousands of kilometers from the Homeland. Finally, I do not allow anyone to ask those Chechens living in Ichkeria today to engage in an open confrontation with the occupying authorities, because today Ichkeria is similar to Ukraine during the occupation by Nazi Germany. Ichkeria is governed by the dictatorship of the federal authorities. People are absolutely helpless. People have no right to be heard, to have their own opinion different from the official versions. The corruption is nationwide. This is the situation we are in …


A few days ago, the Ukrainian parliament recognized Ichkeria as a state illegally occupied by the Russian Federation and recognized the genocide committed by the Russians against the Chechens. How do you rate this event for Chechnya?

We are all happy with this step and we give an enthusiastic evaluation to these acts of the fraternal Ukrainian people. Thousands of our compatriots today fight together with the Ukrainians for a noble cause: against an aggressor who has no morals, pity, dignity. Undoubtedly, the recognition of Ichkeria as a temporarily occupied state and the establishment of a commission to investigate the genocide against our people are but the first glimpses of our people’s hopes for freedom and the consequent prosecution of military and political criminals. But this is a very tiring path, which will first of all require the unity of us Chechens, which unfortunately I do not see at the moment. The very concept of independence must go beyond the national framework with the involvement of international experts, support groups in the broad sense and, above all, an international administration set up for the transition period. Today the Chechens are divided globally and a peaceful solution to the problem of unification is, to put it mildly, very prosaic. Unfortunately, we still don’t find similar support from political leaders in European countries and North America and there are no clear signs that this will happen in the foreseeable future. But we are patient people, we have been waiting for 300 years, we will wait for more.

The forces demanding continuity with the Chechen Republic of Ichkeria today seem divided and sometimes even in conflict with each other, delegitimizing each other. What is the reason for this fragmentation?

This is a very sensitive issue. I am not an advocate of public whipping of my countrymen, no matter how much scoundrel they may be. Unfortunately, nothing is changing and they apparently haven’t learned from past mistakes. Somehow, the esteemed Vytautas Landsbergis, observing the disunity of the Chechens, said: “ My dear Chechens, well, show at least once that you are one united nation! “ The reason for the fragmentation of these groups (I cannot call them otherwise) are the sick ambitions of some and the very high presumption of others. We have already overcome this path of fragmentation in 1997, on the eve of the election of the President of the CRI and after, when the people who had to unite the people became a disaster for their own . nation . After the end of the first war, the lustration law was passed. But this law was not applied to domestic traitors and people who actively cooperated with the aggressor. Eventually, everything went back to anarchy. The same trend is observed today. Defectors, people who collaborated with the occupation regime and mere adventurers, as well as those who betrayed President Aslan Maskhadov, tempted by the conspiratorial ideas of controlling oil pipelines and uniting Chechnya and Dagestan, position themselves as the main “activists. of the liberation movement “.

How do the Chechen population at home and the diaspora in Europe perceive the litigation of various organizations defending the independence of Chechnya? And how credible are these organizations among the civilian population?

The feelings are very negative . The most interesting thing is that all these groups protect the interests of the group itself, which they arbitrarily declare to be the interests of the people of Ichkeria. As can be seen from publications and personal communication, there are conflicting statements. Someone renewed the ideas of the Caliphate with the establishment of Sharia law in Ichkeria immediately. Someone will go to war directly in the Chechen Republic and thus “free” Ichkeria from the invaders, with all the bloody consequences that will ensue. This is nothing but an illusion. There are also demands on the government of Ukraine to recognize Dagestan’s independence. We are not interested in Dagestan and we do not have the right to speak on behalf of the peoples of Dagestan, where 52 ethnic groups live and there is not a single dominant one. Throughout our history, we have not had a single beneficial idea from Dagestan, only conflicts, conflicts, wars, devastation and betrayal. Furthermore, the international community, primarily the European Union and the countries of North America, see Russia in the future as a united, stable and predictable country within its current borders. And our appeals for the recognition of the independence of Russian autonomies can be mistaken for attempts to divide Russia itself, and therefore we pour water on the mill of Russian propaganda. Yes, we are for the freedom of all peoples, but first of all we must not forget our national interests. Since our independence in principle also depends on the outside world, it is necessary to speak in a language that is acceptable and understandable to the world, leaving verbosity and rhetoric unacceptable to parlor adventurers.

Do you think it makes sense that the various institutional groups that call themselves “legitimate” come together as one and put aside their differences instead of acting independently? Or do you think there is someone among them worthy of leading others?

I am deeply convinced that Ichkeria should achieve independence without bloodshed, military confrontations and destructive wars. We’ve been through all of this before. One thing is quite clear to me, that without the consent of Russia, Ichkeria will not receive independence in that classic civilian form, as has happened before with the colonial territories. I am absolutely certain that no country in the world will announce a single sanction against Russia due to the violence and colonization of Ichkeria. We have seen all of this during two bloody wars. And in these matters, we need the political support of Ukraine and its partners. It is quite obvious that in matters of cooperation with Ichkeria, if this process continues, Ukraine needs a force that can be represented on behalf of the people of Ichkeria. And if all these groups really want freedom for their country, it is necessary to leave their ambitions alone and form a working group to carry this project forward .

At the moment, many young Chechens are fighting alongside the Ukrainian army, mainly on the Kherson front. It is clear that their battle is not only for the defense of Ukraine, but also for the restoration of Chechnya’s independence. If you could talk to each of them, what would you tell them?

With obvious envy, in the good sense of the word, I watch our boys participate in this war. It would be unethical to teach them something, because with their example they set an example and hope for all Chechens. For me, in principle, it does not matter what they are guided by. But to each, individually, I would give my hand and hug, as Chechen men do. We Chechens are laconic and don’t compliment each other, but I’m extremely proud to belong to the people they represent. Once again, they fully showed the whole world their nobility and the potential for courage in the fight against a common enemy. In my prayers I ask the Almighty to grant them health, good humor and long life in their free homeland.

How does the political fragmentation of the CRI affect those same soldiers fighting at the front under the Ichkeria banner?

At this stage, these guys are busy with their noble cause and, for objective reasons, don’t pay much attention to this issue. I know that there have been unsuccessful attempts by some groups to subjugate these battalions to themselves by luring them “under the banner of Ichkeria”. But the problem with the latter is that these guys since 2014, in one way or another, under the Ichkeria banner, position themselves as Ichkerians. At the same time, they are integrated into the structures of the Ukrainian armed forces, accept and carry out the tasks assigned to them by the command. Therefore, I doubt that at this stage they can be affected in any way beyond their functional responsibilities.

CECENI, MOSTRATE CHE SIETE UNA NAZIONE UNITA! – INTERVISTA AD USMAN FERZAULI

(Versione Italiana)

Usman Ferzauli, ex Primo Vice Ministro degli Esteri e Direttore del Dipartimento di Intelligence Estera, poi Ministro degli Affari Esteri ed Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario presso il Regno di Danimarca, in servizio fino al 2016, ha acconsentito a rispondere ad alcune nostre domande sulla situazione attuale della Repubblica Cecena di Ichkeria.

Come alto ufficiale della Repubblica cecena di Ichkeria, hai attraversato tutte le fasi della storia della repubblica, dalle più gloriose alle più difficili. Oggi sostieni la causa della Cecenia dall’Europa. Come sta vivendo questo momento difficile e delicato la dirigenza di Ichkeria?

Devo dire che oggi non sono un funzionario di Ichkeria in servizio attivo. Credo che questo status mi permetta di essere più obiettivo e libero nella scelta dei termini per definire i processi relativi all’Ichkeria, senza violare i diritti o le ambizioni di qualcuno. on posso parlare a nome di tutti i ceceni, ma insulterei la memoria dei miei fratelli d’armi, che hanno dato la vita per il bene della libertà di Ichkeria, se non parlassi di ciò che tutti abbiamo sognato e di ciò cui abbiamo dedicato le nostre vite. Ognuno sta attraversando questo momento difficile a modo suo. Ci sono più di mezzo milione di ceceni al di fuori di Ichkeria e della Russia, e sono integrati negli strati sociali dei loro paesi di residenza. Circa trecentomila vivono nel territorio della Russia vera e propria. Il resto risiede in Ichkeria. Il nostro popolo ha attraversato un percorso molto difficile, negli ultimi 30 anni abbiamo affrontato 2 pulizie etniche, che i politici europei hanno chiamato semplicemente “…violazione dei diritti umani”. Abbiamo perso un quarto della popolazione durante le guerre e non c’è famiglia a Ichkeria che non abbia perso la persona amata durante questo periodo. Cito questi fatti solo perché tutto questo vive in noi, nei nostri figli. E qualsiasi informazione che menzioni la parola Ichkeria è una specie di detonatore per tutti noi. Purtroppo non vedo oggi un unico concetto nazionale in grado di sviluppare meccanismi per uscire da questa difficile situazione. Inoltre, non è del tutto etico cercare di cambiare qualcosa a Ichkeria mentre si è seduti a migliaia di chilometri dalla Patria. Infine, non permetto a nessuno di chiedere a quei ceceni che oggi vivono a Ichkeria di avviare un confronto aperto con le autorità occupanti, perché oggi Ichkeria è simile all’Ucraina durante l’occupazione da parte della Germania nazista. In Ichkeria vige la dittatura delle autorità federali. Le persone sono assolutamente impotenti. Le persone non hanno il diritto di essere ascoltate, di avere la propria opinione diversa dalle versioni ufficiali. La corruzione è su scala nazionale. Questa è la situazione in cui ci troviamo…


Pochi giorni fa, il parlamento ucraino ha riconosciuto Ichkeria come uno stato occupato illegalmente dalla Federazione Russa e ha riconosciuto il genocidio commesso dai russi contro i ceceni. Come valuti questo evento per la Cecenia?

Siamo tutti contenti di questo passo e diamo una valutazione entusiasta a questi atti del fraterno popolo ucraino. Migliaia di nostri connazionali oggi combattono insieme agli ucraini per una nobile causa: contro un aggressore che non ha morale, pietà, dignità. Indubbiamente, il riconoscimento di Ichkeria come stato temporaneamente occupato e l’istituzione di una commissione che indaghi sul genocidio contro il nostro popolo non sono altro che i primi barlumi delle speranze del nostro popolo di ottenere la libertà e il conseguente perseguimento di criminali militari e politici. Ma questo è un percorso molto faticoso, che richiederà prima di tutto l’unità di noi ceceni, che purtroppo al momento non vedo. Il concetto stesso di indipendenza deve andare oltre il quadro nazionale con il coinvolgimento di esperti internazionali, gruppi di sostegno in senso lato e, soprattutto, di una amministrazione internazionale costituita per il periodo di transizione. Oggi i ceceni sono divisi a livello globale e una soluzione pacifica al problema dell’unificazione è, per usare un eufemismo, molto prosaica. Sfortunatamente, non troviamo ancora un sostegno simile da parte dei leader politici nei paesi europei e nel Nord America e non ci sono segnali chiari che ciò accadrà nel prossimo futuro . Ma siamo persone pazienti, stiamo aspettando da 300 anni, ne aspetteremo ancora.

Le forze che chiedono continuità con la Repubblica cecena di Ichkeria oggi sembrano divise e talvolta addirittura in conflitto tra loro, delegittimandosi a vicenda. Qual è il motivo di questa frammentazione?

Questa è una questione molto delicata. Non sono un sostenitore della fustigazione in nome pubblico dei miei connazionali, non importa quanto farabutti possano essere. Sfortunatamente, nulla sta cambiando e a quanto pare non hanno imparato dagli errori del passato. In qualche modo, lo stimato Vytautas Landsbergis, osservando la disunione dei ceceni, disse: “Miei cari ceceni, bene, mostrate almeno una volta che siete un’unica nazione unita!” Il motivo della frammentazione di questi gruppi (non posso chiamarli diversamente) sono le malate ambizioni di alcuni e l’altissima presunzione di altri. Abbiamo già superato questo percorso di frammentazione nel 1997, alla vigilia delle elezioni del Presidente della CRI e dopo, quando la gente che doveva unire il popolo divenne un disastro per la sua stessa nazione. Dopo la fine della prima guerra, fu approvata la legge sulla lustrazione. Ma questa legge non è stata applicata ai traditori nazionali e alle persone che hanno collaborato attivamente con l’aggressore. Alla fine, tutto è tornato all’anarchia. La stessa tendenza si osserva oggi. I disertori, le persone che hanno collaborato con il regime di occupazione ed i semplici avventurieri, così come coloro che hanno tradito il presidente Aslan Maskhadov, tentati dalle idee cospirative di controllare gli oleodotti e unire Cecenia e Daghestan, si posizionano come i principali “attivisti del movimento di liberazione”.

Come percepiscono la popolazione cecena in patria e la diaspora in Europa il contenzioso di varie organizzazioni che difendono l’indipendenza della Cecenia? E quanto sono credibili queste organizzazioni tra la popolazione civile?

Le percepiscono in modo molto negativo. La cosa più interessante è che tutti questi gruppi tutelano gli interessi del gruppo stesso, che dichiarano arbitrariamente essere interessi del popolo di Ichkeria. Come si vede dalle pubblicazioni e dalla comunicazione personale, ci sono dichiarazioni contrastanti. Qualcuno ha rinnovato le idee del Califfato con l’istituzione della legge della Sharia in Ichkeria immediatamente. Qualcuno andrà in guerra direttamente nella Repubblica Cecena e così “liberarà” Ichkeria dagli invasori, con tutte le sanguinose conseguenze che ne conseguiranno. Questa non è altro che un’illusione. Ci sono anche richieste al governo dell’Ucraina di riconoscere l’indipendenza del Daghestan. Non ci interessa il Daghestan e non abbiamo il diritto di parlare a nome dei popoli del Daghestan, dove vivono 52 gruppi etnici e non ce n’è uno solo dominante. Nel corso della nostra storia, non abbiamo avuto una sola idea benefica dal Daghestan, solo conflitti, conflitti, guerre, devastazioni e tradimenti. Inoltre, la comunità internazionale, in primis l’Unione Europea ei Paesi del Nord America, vedono la Russia nel futuro come un Paese unito, stabile e prevedibile entro i suoi attuali confini. E i nostri appelli al riconoscimento dell’indipendenza delle autonomie russe possono essere scambiati per tentativi di dividere la Russia stessa, e quindi versiamo acqua sul mulino della propaganda russa. Sì, siamo per la libertà di tutti i popoli, ma prima di tutto non dobbiamo dimenticare i nostri interessi nazionali. Poiché la nostra indipendenza in linea di principio dipende anche dal mondo esterno, è necessario parlare in una lingua che sia accettabile e comprensibile per il mondo, lasciando verbosità e retorica inaccettabile agli avventurieri da salotto.

Pensi che abbia senso che i vari gruppi istituzionali che si definiscono “legittimi” si uniscano come un’unica realtà e mettano da parte le loro differenze invece di agire in modo indipendente? O pensi che tra loro ci sia qualcuno degno di guidare gli altri?

Sono profondamente convinto che Ichkeria dovrebbe ottenere l’indipendenza senza spargimenti di sangue, scontri militari e guerre distruttive. Abbiamo già passato tutto questo. Una cosa è del tutto chiara per me, che senza il consenso della Russia, Ichkeria non riceverà l’indipendenza in quella classica forma civile, come è successo prima con i territori coloniali. Sono assolutamente certo che nessun Paese al mondo annuncerà una sola sanzione contro la Russia a causa della violenza e della colonizzazione di Ichkeria. Abbiamo visto tutto questo durante due sanguinose guerre. E in queste questioni, abbiamo bisogno del sostegno politico dell’Ucraina e dei suoi partner. È abbastanza ovvio che in materia di cooperazione con Ichkeria, se questo processo continua, l’Ucraina ha bisogno di una forza che possa essere rappresentata a nome del popolo di Ichkeria. E se tutti questi gruppi vogliono davvero la libertà per il loro paese, è necessario lasciare in pace le loro ambizioni e formare un gruppo di lavoro per portare avanti questo progetto.

Al momento, molti giovani ceceni stanno combattendo a fianco dell’esercito ucraino, principalmente sul fronte di Kherson. È chiaro che la loro battaglia non è solo per la difesa dell’Ucraina, ma anche per il ripristino dell’indipendenza della Cecenia. Se potessi parlare con ciascuno di loro, cosa diresti loro?

 Con palese invidia, nel buon senso della parola, osservo i nostri ragazzi partecipare a questa guerra. Non sarebbe etico insegnare loro qualcosa, perché con il loro esempio danno un esempio e una speranza a tutti i ceceni. Per me, in linea di principio, non importa da cosa sono guidati. Ma a ciascuno, individualmente, darei la mano e l’abbraccio, come fanno gli uomini ceceni. Noi ceceni siamo laconici e non ci complimentiamo a vicenda, ma sono estremamente orgoglioso di appartenere alle persone che loro rappresentano. Ancora una volta, hanno mostrato pienamente al mondo intero la loro nobiltà e il potenziale di coraggio nella lotta contro un nemico comune. Nelle mie preghiere chiedo all’Onnipotente di concedere loro salute, buon umore e lunga vita nella loro libera patria.

In che modo la frammentazione politica della CRI colpisce quegli stessi soldati che combattono al fronte sotto la bandiera di Ichkeria?

In questa fase, questi ragazzi sono impegnati con la loro nobile causa e, per ragioni oggettive, non prestano molta attenzione a questo problema. So che ci sono stati tentativi infruttuosi da parte di alcuni gruppi di soggiogare questi battaglioni a se stessi, attirandoli “sotto la bandiera di Ichkeria”. Ma il problema di quest’ultimo è che questi ragazzi dal 2014, in un modo o nell’altro, sotto la bandiera di Ichkeria, si posizionano come Ichkeriani. Allo stesso tempo, sono integrati nelle strutture delle forze armate ucraine, accettano e attuano i compiti loro assegnati dal comando. Pertanto, dubito che in questa fase possano essere influenzati in alcun modo al di là delle loro responsabilità funzionali.

Чеченцы, покажите, что вы сплочённая нация!
Интервью с Усманом Ферзаули

(русскоязычная версия)

Усман Ферзаули, бывший первый заместитель министра иностранных дел и директор Департамента внешней разведки, затем министр иностранных дел и Чрезвычайный и Полномочный Посол в Королевстве Дания, на службе до 2016 года, согласился ответить на некоторые наши вопросы о текущей ситуации. Чеченской Республики Ичкерия.

Вы как высокопоставленный офицер Чеченской Республики Ичкерия прошли все этапы истории республики, от самого славного до самого трудного. Сегодня вы поддерживаете дело Чечни из Европы. Как руководство Ичкерии переживает этот сложный и деликатный момент?

Должен сказать, что я сегодня не в руководстве Ичкерии. Считаю, что данный статус позволяет мне быть более объективным и свободным в выборе терминов определения процессов касающихся Ичкерии, не ущемляя чьих то прав или амбиций. Я так же не могу говорить от имени всех чеченцев, но я бы оскорбил память моих братьев по оружию, которые отдали свои жизни ради свободы Ичкерии, если бы не стал говорить о том, о чём мы все мечтали и чему посвятили свою жизнь. Это сложное время каждый переживает по-своему. За пределами Ичкерии и России более полумиллиона чеченцев и они интегрированы в социальных слоях стран проживания. Порядка триста тысяч проживают на территории собственно России. Ну и остальные в Ичкерии. Наш народ прошел очень трудный путь, буквально за последние 30 лет мы пережили 2 этнические чистки, которые европейские политики называли просто «..нарушением прав человека». Мы потеряли в процессе войн четверть населения, и нет в Ичкерии семьи, кто не потерял своего близкого человека именно в этот период. Я привожу эти факты только потому, что все это живёт в нас, в наших детях. И любая информация, где упоминается слово Ичкерия,  является для всех нас своего рода детонатором. К сожалению, я не вижу сегодня единой национальной концепции действий, способной выработать механизмы выхода из этой сложной ситуации. Более того, не совсем этично сидя за тысячи километров вдали от Родины, пытаться что-то изменить в Ичкерии. Я так же не допускаю, чтобы кто-либо требовал от тех чеченцев, которые проживают сегодня в Ичкерии, начал открытое противостояние с оккупационными властями, потому что сегодня Ичкерия подобна Украине во время оккупации нацистской Германией. В Ичкерии диктатура федеральных властей. Люди абсолютно бесправные. У людей нет прав быть услышанными, иметь собственное мнение отличное от официальных версий. Коррупция в национальном масштабе. Это та ситуация, в которой мы варимся…


Несколько дней назад украинский парламент признал Ичкерию государством, незаконно оккупированным Российской Федерацией, и признал геноцид, совершенный русскими в отношении чеченцев. Как вы оцениваете это событие для Чечни?

Мы все в восторге от этого шага и даём этим актам братского Украинского народа должную оценку. Тысячи наших земляков сегодня сражаются вместе с Украинцами за благородное дело – против агрессора, не имеющего ни морали, ни жалости, ни достоинства. Безусловно, признание Ичкерии временно оккупированным государством и совершения геноцида в отношении нашего народа есть не что иное, как первые проблески надежд нашего народа на обретение свободы и последующего привлечения к ответственности военно-политических преступников. Но это очень трудоёмкий путь, который потребует в первую очередь от нас, чеченцев, сплочённости, чего я, к сожалению, не вижу на данный момент. Сама концепция обретения независимости должна выйти за национальные рамки с вовлечением международных экспертов, группы поддержки в широком смысле и, самое главное, сформированная международная администрация на переходный период. Сегодня чеченцы разделены глобально, и мирное разрешение проблемы объединения, мягко говоря, весьма прозаичны. К сожалению, мы не находим всё ещё аналогичной поддержки политических лидеров в европейских странах и в Северной Америке и нет явных признаков того, что это произойдёт в ближайшей перспективе. Но мы люди терпеливые, мы ждали 300 лет, подождём ещё.

Силы, требующие преемственности с Чеченской Республикой Ичкерия, сегодня выглядят разрозненными, а иногда даже конфликтующими друг с другом, делегитимизирующими друг друга. В чем причина этой фрагментации?

Это очень деликатный вопрос. Я не сторонник публичной поимённой порки своих земляков, какими бы негодяями они ни были. К сожалению, ничего не меняется и видимо они не извлекли уроков из прошлых ошибок. Как-то многоуважаемый Витаутас Ландсбергис, наблюдая разрозненность чеченцев, сказал: Дорогие мои чеченцы, ну покажите хоть один раз, что вы единая сплочённая нация!                                                                                             

Причина фрагментации этих группировок (я их иначе не могу назвать) в больных амбициях одних, и чрезвычайно высокого самомнения других. Мы уже проходили этот путь фрагментации в 1997 году, накануне выборов Президента ЧРИ и после, когда люди, которые должны были объединить народ, стали бедствием для этого народа. После окончания первой войны был принят Закон о Люстрации. Но этот закон не был применён в отношении национальных предателей и людей, активно сотрудничавших с агрессором. В итоге всё вернулось в анархию. Сегодня наблюдается та же тенденция. Главными «активистами освободительного движения» позиционируют себя дезертиры, люди сотрудничавшие с оккупационным режимом и просто авантюристы, а также те, кто предал Президента Аслана Масхадова соблазнившись конспиративными идеями контроля нефтепроводов и объединения Чечни и Дагестана.   

Как чеченское население на родине и диаспора в Европе воспринимают сутяжничество различных организаций, защищающих независимость Чечни? И каким доверием пользуются эти организации среди гражданского населения?

Воспринимают очень негативно. Самое интересное в том, что все эти группировки несут в себе интересы собственно только самой группировки, которые декларируются ими произвольно якобы от имени народа Ичкерии. Как мы видим из публикаций и при личном общении, есть противоречивые декларации. Кто-то возобновил идеи Халифата с установлением немедленно законов Шариата в Ичкерии. Кто-то собирается идти воевать непосредственно в Чеченской Республике и таким образом «освободить» Ичкерию от оккупантов, со всеми вытекающими отсюда кровавыми последствиями. Это не более чем иллюзия. Есть так же призывы к Правительству Украины признать независимость Дагестана. Нам нет дела до Дагестана, и мы не имеем права говорить от имени народов Дагестана, где проживают 52 этнические группы, и нет ни одной доминирующей. За всю нашу историю мы не имели ни одной благотворной идеи от Дагестана, одни конфликты, распри, войны, разруху и предательство. Более того, международное сообщество, в первую очередь Европейский союз и страны Северной Америки видят Россию в перспективе единой в пределах своих нынешних границ, стабильной и предсказуемой страной. И наши призывы к признанию независимости российских автономий могут принять за попытки раскола самой России и таким образом мы льём воду на мельницу российской пропаганды. Да, мы за свободу всех народов, но нам в первую очередь нужно не забывать свои национальные интересы. Поскольку наша независимость в принципе зависит и от внешнего мира необходимо говорить на языке, который приемлем и который понятен миру, оставив словоблудие и неприемлемую риторику салонным авантюристам.

Считаете ли вы целесообразным, чтобы различные институциональные группы, определяющие себя как «законные», объединились в единую реальность и отложили в сторону свои разногласия, вместо того чтобы действовать независимо? Или ты считаешь, что среди них есть тот, кто достоин возглавить остальных?

Я глубоко убеждён в том, что Ичкерия должна получить независимость без кровопролития, военных столкновений и разрушительной войны. Мы всё это уже проходили. Мне совершенно понятно одно, что без согласия на то России Ичкерия не получит независимость в той классической цивилизованной форме, как это происходило ранее с колониальными территориями. Я совершенно уверен и в том, что ни одна страна в мире не объявит ни одной санкции  России из-за насилия и колонизации Ичкерии. Мы всё это видели в течение двух кровавых войн.  И в этих вопросах нам необходима политическая поддержка Украины и её партнёров.  Совершенно очевидно, что в вопросах сотрудничества с Ичкерией, если этот процесс будет иметь продолжение,  для Украины необходима сила, которая может быть представлена от имени народа Ичкерии. И если все эти группировки действительно желают свободы своей стране, необходимо оставить в покое свои амбиции и сформировать рабочую группу для продвижения этой работы.

На данный момент многие молодые чеченцы воюют на стороне украинской армии, в основном на Херсонском фронте. Понятно, что их битва ведется не только за защиту Украины, но и за восстановление независимости Чечни. Если бы вы могли поговорить с каждым из них, что бы вы им сказали?

Я с нескрываемой завистью, в хорошем смысле этого слова, наблюдаю за нашими парнями, участвующим на этой войне. Было бы не этично учить их чему-то, поскольку своим примером они дают пример и надежду всем чеченцам. Для меня в принципе неважно, чем они руководствуются. Но каждому в отдельности я подал бы свою руку и обнял, как это делают чеченские мужчины. Мы, чеченцы, немногословны и не делаем комплименты друг другу, но я чрезвычайно горд, что принадлежу к народу, который они представляют. Они ещё раз в полной мере показали всему миру своё благородство и  потенциал мужества в борьбе с общим врагом. В своих молитвах я прошу Всевышнего даровать им здоровья, бодрости духа и долгих лет жизни на своей свободной Родине.

Как политическая раздробленность ЧРИ сказывается на тех самых бойцах, сражающихся на фронте под знамёнами Ичкерии?

На данном этапе эти парни заняты своим благородным делом и в силу объективных причин они не уделяют этому вопросу много внимания. Я знаю, что были неудачные попытки некоторых группировок подчинить эти батальоны себе, заманив «под знамёна Ичкерии». Но проблема последних в том, что эти парни с 2014, так или иначе, под знамёнами Ичкерии, они и позиционируют себя как Ичкерийцы. При этом они интегрированы в структуры Вооруженных Сил Украины, принимают и реализуют задачи, поставленные перед ними командованием. Поэтому, я сомневаюсь в том, что на них можно оказать какое-то влияние, выходящее за рамки их функциональных обязанностей на данном этапе.

“THE ORIGIN OF THE WAR” – Akhyad Idigov’s speech to the PACE working group

Idigov Ahyad : Thank you for inviting the Chechen delegation to your meeting. President Aslan Maskhadov sent me here, realizing the importance of a political solution of the conflict in relations with Russia with the direct participation of the West in this process, we consider the work of the OWG as the beginning of the work to achieve peace with the participation of these three parties, without which it is not possible to achieve stability in general and in perspective. Of course, a significant disadvantage of the formation of the Joint Working Group, according to the PACE decision, is that today, under the pretext that the Chechen Republic of Ichkeria, in violation of international law, is an unrecognized state, our parliamentarians do not have been included in this important international body. If there are militarily opposing entities, the denial of the right of one of them to participate in the peace process is an unacceptable discrimination, in our case this happens in relation to the Chechen Republic of Ichkeria. We hope that the misunderstanding will be corrected soon. We have already presented proposals from the Chechen side to PACE on this.

As we know, the OWG should contribute to the implementation of resolutions no. 1444 and n. 1456 of 2000. and resolution no. 1221 of the same year, as well as some similar documents adopted at other times on the military situation in Chechnya. The resolutions call for peace between the belligerents and also indicate that Russia, a member of the Council of Europe, should follow the principles of this organization and not hesitate to find a political solution to the question. At the same time, they also ask the Chechen side for political dialogue, expressing protest against terrorism and extremism. You know that the president of the Chechen Republic of Ichkeria Maskhadov has declared his willingness to sit at the negotiating table, following the deliberations of the PACE , without any preconditions. However, this political process of peaceful settlement of the issue is interrupted by the Russian Federation-Russia. We ask: what will we do next? Will we call those who disturb the order in the European home to order, or will we say: “Everything is lawful for Russia”? This may therefore mean that the Council of Europe grants permission for violations of a similar nature to all other states. This may also mean that the Council of Europe no longer follows its basic principles.

Parliamentary gentlemen! The Chechen Republic of Ichkeria is part of Europe. More than 40 European commissions have visited Chechnya since the beginning of the second Russo-Chechen war. What have they done? Nothing has been done, people have been killed, tortured in concentration camps and all this is continuing …

I take this opportunity to hand over to the Secretary General of PACE Haller Bruno a document with my powers from President A. Maskhadov . Here too I offer a statement by the president of my country, Aslan Maskhadov , on the situation in and around Chechnya. In the statement, as can be seen, there are proposals on the world negotiation process between the Chechen Republic-Ichkeria and the Russian Federation-Russia. I am pleased to have the opportunity to present to you the legislative basis for the formation of the Chechen state since the collapse of the USSR. Along with this, I will try to present to you our vision of a way out of the deadlock in relations between Chechnya and Russia. All of this is of fundamental importance to us, since Russian propaganda brings false information to the whole world about the alleged illegality of the Chechen government’s actions.

Before the collapse of the Soviet Union (December 1991), the autonomous republics were transformed into union republics on April 26, 1990, in accordance with the law on the delimitation of powers between the USSR and the subjects of the Federation. And they began to be called the autonomous republics: the Soviet Socialist Republic of North Ossetia, the Soviet Dagestan, the Kalmyk Soviet Socialist Republic , etc. Thus, the republics that formed the USSR became – 35 (15 + 20). At the same time, almost simultaneously, the USSR recognized the independence of the three Baltic republics (Lithuania, Latvia and Estonia). The Chechen Republic was the one which, in addition to being renamed a trade union republic, also adopted all the attributes of an independent state. And he completed this process with the adoption of the Constitution on March 12, 1992. Everything was rigorously verified with international law, the laws of the RSFSR and the USSR. Declaration on State Sovereignty of the RSFSR of 12 June 1990.

And on March 31, 1992, when the Federal Treaty on the formation of a new state of the Russian Federation was signed – Russia between the RSFSR and the new union republics of the USSR, Chechnya did not participate in it.

On March 12, 1992, the Chechen Republic adopted a new constitution for an independent democratic state. All these processes took place in a coherent and peaceful way, although times were turbulent. Of course, they debated whether it was necessary to act in this way, because everyone in the world knows that Chechnya was included in the Russian Empire due to the colonial war. But the point was that the Russian empire – the USSR had collapsed. This gave them the right to self-determination. The very idea of independence was born because it is so far the only known mechanism in the world through which more or less all people can guarantee their safety. This is the main reason why the Chechen people were guided in choosing the right to build their own independent state.

After the end of the game in the “legal state” in the Russian Federation, the Supreme Soviet of the RSFSR was dissolved in October 1993. The new constitution of the Russian Federation was adopted illegally, arbitrarily inscribing an independent Chechen state! Basically, a “rule” was established in the constitution of the Russian Federation-Russia, which made it possible to wage war against an entire people, which is contrary to international law. It became clear that the new Russian Federation-Russia had deviated from the legal norms it was supposed to follow. Everything proceeded according to a new circle of imperial traditions, and this required the image of the enemy. The authorities have chosen the Chechen people as guilty of all the problems and shortcomings in the Russian Federation-Russia. And it will serve (according to them) as a unifying principle in the rebirth of the empire.

Hence the provocations of the Russian special services against the Chechen Republic until 1995, to start the first war, the explosions of houses in Moscow and other cities in the period 1996-1999, to start the second phase of the war. The Russian government needs war, so it continues to maintain the military situation in Chechnya, so the Russian Federation-Russia does not seek peace and refuses it to the West, which here wants stability in order to obtain favorable conditions for investments. But the Russian Federation-Russia is against it, so the war will continue until it becomes unprofitable for the Kremlin leadership, or until the West seriously demands an end to the genocide of the Chechen people and the establishment of peace on the basis of international law.

This is where, in our view, the roots of this bloody war lie. Any other peace-seeking method, regardless of the above, is doomed to fail early, as it provokes a new round of warfare, which plays into the game of the Russian army and Moscow itself as a whole. Flirting with numerous third and fourth forces means ignoring the resolution of the question of centuries of confrontation, which begins a new cycle of empire rebirth. And all this is an attempt to escape the solution of the problem of stability in the Caucasus. If the OWG can focus its attention on the areas that President Maskhadov talks about in his statement, the work of this respected international group of parliamentarians can be effective.

At the same time, we recognize that in all actions taken by the Chechen side to seek peace, there may be errors. In the course of the hostilities caused by the Russian aggression against Chechnya, there may be violations by the Chechen defense forces, and we do not approve of that. However, I would like to express myself on this in the words of Lohman Dietrich (Human Rights Watch), who gave a conference in the English Parliament on 28 February this year, in which I attended, as well as Lord Judd, who is here. These words were as follows: “The number of violations by Chechen fighters is negligible compared to what Russian troops are doing.”

I’m trying to talk about the fundamental things that everything else depends on.

How the OWG will act: the near future will show it and our collaboration with you in the future will depend on it. I wish it were fruitful and useful ….

Furthermore, Mr. Idigov spoke about the work done by the Parliament and the President of Chechnya in search of peace. On the creation and functioning in England of the “International Campaign for Peace and Human Rights in Chechnya” … He outlined the position of President A. Maskhadov and the Parliament on the events taking place in Chechnya.

LA PACE PRECARIA – Il trattato di pace Russo – Ceceno

Il 12 Maggio 1997 la Repubblica Cecena di Ichkeria e la Federazione Russa firmarono un trattato di pace con il quale intendevano porre fine alla Prima Guerra Russo – Cecena. Nonostante che in esso la Russia riconoscesse De Jure la Repubblica Cecena di Ichkeria, le clausole contenute nell’accordo furono interpretate in maniera assai differente dalle due parti. Il diverso approccio tenuto da Mosca e da Grozny rispetto al Trattato di Pace avrebbe impedito la risoluzione pacifica del conflitto, e creato le premesse per una nuova guerra.

Il testo del trattato in inglese e in russo

IL TRATTATO DI MOSCA

Il 12 Maggio1997 la delegazione cecena, composta da Maskhadov, Ugudov e Zakayev raggiunse Mosca, dove procedette alla firma solenne del Trattato di Pace tra la Federazione Russa e la Repubblica Cecena di Ichkeria. La firma del Trattato fu un evento epocale: per la prima volta in quattrocento anni di guerre e tensioni il governo di Mosca e quello di Grozny si promettevano ufficialmente la pace. Vennero firmati due documenti: il primo si intitolava “Trattato di Pace e Principi di Relazione tra la Federazione Russa e la Repubblica Cecena di Ichkeria”, il secondo si chiamava “Accordo tra il governo della Federazione Russa e il governo della Repubblica Cecena di Ichkeria sulla cooperazione economica reciprocamente vantaggiosa e la preparazione delle condizioni per la conclusione di un trattato su vasta scala tra la Federazione Russa e la Repubblica Cecena di Ichkeria”. I due documenti, dagli altisonanti titoli, avrebbero dovuto essere la base giuridica sulla quale si sarebbero costruiti i rapporti tra Russia e Cecenia. Il “Trattato di Pace” iniziava con un epico preambolo riguardo la reciproca volontà di “[…] Porre fine al confronto secolare, cercando di stabilire relazioni forti, uguali e reciprocamente vantaggiose […]”. Un iniziò di tutto rispetto, dal quale ci si aspetterebbe un lungo ed articolato Trattato. E invece niente di questo. Il Documento si costituiva di cinque articoli, e soltanto tre contenevano qualcosa di politicamente rilevante. In essi Russia e Cecenia si impegnavano:

  • A rinunciare in modo permanente all’uso ed alla minaccia dell’uso della forza come forma di risoluzione di eventuali controversie;
  • A Costruire le loro relazioni conformemente ai principi ed alle norme generalmente riconosciuti dal diritto internazionale, e ad interagire in aree definite da accordi specifici;
  • A considerare il Trattato come base per la conclusione di qualsiasi altra negoziazione.

Di per sé le tre affermazioni possono essere considerate solide basi di negoziazione politica, ma a ben guardare si prestano a molteplici interpretazioni, come tutti gli altri “documenti”, “dichiarazioni” e “protocolli” firmati fino ad allora dalla marea di delegazioni che fin dal 1992 avevano cercato di trovare un accordo tra le parti. In particolare Maskhadov considerò il Trattato come il riconoscimento dell’Indipendenza cecena, dichiarando che la sua sottoscrizione apriva “Una nuova era politica per la Russia, il Caucaso e l’intero mondo musulmano”. Uno dei funzionari della politica estera cecena, delegato in Danimarca per conto della Repubblica Cecena di Ichkeria, Usman Ferzauli, quando venne inviato da Maskhadov a firmare le Convenzioni di Ginevra, dichiarò: “[…] La Russia, firmando nel maggio 1997 il Trattato di Pace con la Repubblica Cecena di Ichkeria di fatto ha riconosciuto la Repubblica. Abbiamo il diritto di considerarci un soggetto di diritto internazionale. […].”. Anche alcuni ricercatori internazionali, come Francis A. Boyle, professore presso il College Law dell’Università dell’Illinos, produssero ricerche giuridiche sul Trattato. Nella discussione di Boyle si legge: “L’elemento più importante del trattato è il suo titolo: “Trattato sulla pace e i principi delle interrelazioni tra la Federazione russa e l’Ichkeria della Repubblica cecena”

Maskhadov ed Eltsin si stringono la mano

IL PARERE FAVOREVOLE

Secondo i principi di base del diritto internazionale, un “trattato” è concluso tra due stati nazionali indipendenti. In altre parole, il CRI viene trattato dalla Federazione Russa come se fosse uno stato nazionale indipendente ai sensi del diritto e delle prassi internazionali. […] Allo stesso modo, l’uso del linguaggio “Trattato sui … principi di interrelazione” indica che la Russia sta trattando la CRI come uno stato nazionale indipendente anziché come un’unità componente della Federazione Russa. Normalmente, “i principi delle interrelazioni” tra uno stato federale come la Federazione Russa e un’unità componente sono determinati dalla Costituzione dello stato federale. Questo documento non dice nulla della Costituzione della Federazione Russa.  […]Certamente l’elemento più importante del titolo del Trattato è l’uso del termine “Repubblica Cecena di Ichkeria”. Questo è il nome preciso che il popolo ceceno e il governo ceceno hanno deciso di dare al loro stato nazionale indipendente. In altre parole, ancora una volta, la Federazione Russa ha fornito ai Ceceni il riconoscimento di fatto (anche se non ancora di diritto) come stato nazionale indipendente alle loro condizioni. […] L’articolo 1 del trattato è sostanzialmente in linea con il requisito dell’articolo 2, paragrafo 4 della Carta delle Nazioni Unite secondo cui gli Stati membri “si astengono dalle loro relazioni internazionali dalla minaccia o dall’uso della forza ….” Allo stesso modo, la Carta delle Nazioni Unite Articolo 2, paragrafo 3, impone agli Stati membri di “risolvere le loro controversie internazionali con mezzi pacifici ….” Quindi, con questo Trattato, la Federazione Russa ha formalmente riconosciuto il suo obbligo di trattare la CRI in conformità con questi due requisiti fondamentali della Carta delle Nazioni Unite. […] Il secondo articolo dell’accordo è estremamente importante: “Costruire le nostre relazioni corrispondenti ai principi e alle norme generalmente accettati del diritto internazionale …” Secondo la mia opinione professionale, l’unico modo in cui l’articolo 2 del presente trattato può essere correttamente letto alla luce di tutto ciò che è stato detto in precedenza nel suo testo è che la Federazione russa sta trattando l’IRC come se fosse di fatto (anche se non ancora de jure) stato nazionale indipendente ai sensi del diritto e delle prassi internazionali, con una propria personalità giuridica internazionale. Solo gli stati nazionali indipendenti sono soggetti ai “principi e norme generalmente accettati del diritto internazionale”.  […].”

Accordi di Khasavyurt: Maskhadov e Lebed si stringono la mano

IL PARERE CONTRARIO

Il governo Russo negò questa interpretazione, considerando l’assenza di qualsiasi affermazione chiara in merito. Rispetto a questo, negli anni successivi sarebbe sorto un lungo dibattito, il che già di per sé dimostra quanto generici fossero gli impegni assunti dalle parti e quanto poco chiaro fosse il documento in se. In una sua trattazione del tema, il ricercatore russo Andrei Babitski scrisse:

“L’essenza di questo documento è semplice. E’ solo un documento sulla cessazione delle operazioni militari. […] Non menziona la capitolazione da parte di nessuna delle parti, non proclama nessuno vincitore e non formula principi chiari per governare le relazioni tra Russia e Cecenia. La risposta a queste domande è stata rinviata. La cosa più importante era terminare la guerra.”.

Silvia Serravo, ricercatrice esperta in questioni caucasiche, specificò in un’intervista:

“Il documento contiene la possibilità di interpretazioni diverse. […] L’indipendenza della Cecenia non è stata riconosciuta. Tuttavia, il documento ha reso possibile, almeno per la parte cecena, interpretarlo come il riconoscimento da parte della Russia dell’indipendenza cecena. […] Il trattato può certamente essere considerato un risultato. […] Tuttavia si può sempre speculare sulla misura in cui le parti erano sincere quando fu firmato questo documento e se la conclusione del Trattato si basava su alcuni motivi fraudolenti.”

INDIPENDENZA “SOSPESA”

Il secondo documento, collaterale al primo, conteneva un altra generica serie di intese difficilmente realizzabili. In esso si definiva l’attuazione dei contenuti degli Accordi di Khasavyurt in fatto di ripristino dei servizi vitali per la popolazione civile, il regolare pagamento delle pensioni e degli stupendi pubblici da parte della Federazione Russa,  il pagamento di un risarcimento alle vittime dei combattimenti, la “piena attuazione del programma di ripristino del complesso socioeconomico” del paese, il rilascio di ostaggi e prigionieri, e lo scioglimento della Commissione Governativa congiunta riguardo alla gestione del periodo interbellico, contemporaneamente all’entrata in vigore del Governo uscito dalle Elezioni del Gennaio precedente.

Se il primo documento, come abbiamo visto, poteva lasciar pensare che la Russia volesse trattare la Cecenia come uno Stato indipendente, il secondo assomigliava molto ad un accordo interfederale tra una repubblica autonoma bisognosa di aiuto ed un governo centrale che intendeva corrisponderglielo. Particolarmente evidente era l’impegno, da parte di Mosca, di erogare gli stipendi pubblici dell’amministrazione cecena. Questo passo è fondamentale, perchè accettandolo Maskhadov riconobbe implicitamente l’autorità di Mosca di mantenere la struttura amministrativa della Cecenia esattamente come faceva ai tempi dell’Unione Sovietica. Non un solo accenno era previsto riguardo al riconoscimento, anche formale, all’indipendenza del paese. Il Trattato di Pace firmato da Maskhadov fu un documento utile ad accreditare lui presso l’opinione pubblica ma fallì nel rappresentare uno strumento diplomatico utile a risolvere alcunchè. Certamente pose ufficialmente fine alla guerra e ad ogni palese ingerenza del governo federale sulla politica interna del paese, ma niente oltre a questo.

Il Trattato non riconobbe in maniera inequivocabile l’indipendenza del paese, ma si limitò a stabilire gli strumenti tramite i quali i due stati avrebbero comunicato tra loro. Dette ampia libertà di interpretazione sia al governo ceceno, che vide in quelle poche righe un implicito riconoscimento da parte di Mosca, che al governo russo, che ci riconobbe esclusivamente l’impegno assunto a riportare su binari politici il conflitto. Sul momento comunque sia Maskhadov che Eltsin poterono dirsi soddisfatti: il primo tornava in patria con un trattato di pace tra le mani, qualcosa che i Ceceni non avevano mai visto in tutta la loro storia. Il secondo tirava un sospiro di sollievo e metteva un temporaneo tampone a quella emorragia di consensi che era stata la Prima Guerra Cecena.

L’ANGELO NERO SULLE MONTAGNE: LA BATTAGLIA DELLA GOLA DI KERIGO

DA KOMSOMOLSKOYE A PANKISI

A seguito della Battaglia di Komsomolskoye (5 – 20 Marzo 2000) Ruslan Gelayev, uno dei più audaci ed agguerriti comandanti dell’esercito della ChRI, riparò in Georgia con i resti delle sue unità, trovando riparo in una piccola gola abitata prevalentemente da Ceceni, la celebre Gola di Pankisi. Qui “L’angelo nero” installò il suo quartier generale, raccogliendo reduci e fuggiaschi ed instaurando una sorta di piccolo potentato personale, dal quale avrebbe più volte avviato campagne militari in Cecenia, in Inguscezia ed in Abkhazia.

Uomini di Gelayev si arrendono ai federali al termine della Battaglia per Komsomolskoye (2000)

Giunto a Pankisi nell’autunno del 2000, Gelayev passò tutto l’anno successivo a ricostituire le sue forze, abbandonando apparentemente il campo di battaglia e subendo, per questo, il biasimo del Presidente Maskhadov, il quale lo privò di tutti i suoi poteri e lo degradò con formale decreto. Fino alla primavera del 2002 il comandante ceceno rimase a Pankisi, studiando il modo migliore per tornare in Cecenia. Il rientro sul campo di battaglia era possibile soltanto attraverso l’Inguscezia (strada che aveva già percorso nel 2000, quando si era ritirato) o tramite la gola di Kerigo, la quale collegava direttamente Pankisi alla cittadina cecena di Baskhoy. Il primo percorso era più agevole, ma anche più pericoloso: durante la ritirata Gelayev  aveva perduto decine di uomini, trovandosi spesso in campo aperto sotto il fuoco dell’aereonautica federale ed incalzato dai mezzi blindati di Mosca. Inoltre, una volta arrivati in Cecenia, i gelayeviti avrebbero dovuto aprirsi un varco dalle pianure verso le montagne, rischiando di essere facilmente intercettati e distrutti. Il passaggio montano attraverso Kerigo appariva più sicuro, ma d’altra parte era molto più difficile da affrontare: non esistevano strade carrabili sicure (l’unica strada di una certa portanza era la Itum –  Khale / Shatili, stabilmente occupata dai russi fin dalla fine del 1999 – Per approfondire LEGGI QUI) e gli uomini di Gelayev avrebbero dovuto affrontare la traversata a piedi, trasportando in spalla, o a dorso di mulo, tutto ciò che sarebbe servito loro. D’altra parte, una volta sbucati in Cecenia, i Gelayeviti si sarebbero trovati in posizioni più favorevoli, ed avrebbero potuto facilmente ricongiungersi con gli uomini di Maskhadov che ancora combattevano nel sud montagnoso.

Militanti avanzano nella neve

LA VIA DELLE MONTAGNE

A confortare l’ipotesi di un passaggio attraverso le montagne c’era un felice precedente:  nell’estate del 2001 un altro comandante di campo, Magomed Tsagaraev, era riuscito a passare da Pankisi alla Cecenia attraverso la Gola dello Sharoargun, poco distante da Kerigo, con un gruppo di 60 uomini. La traversata non era stata facile, e le guardie di frontiera russe avevano intercettato ed ucciso alcuni dei suoi, ma Tsagaraev era comunque riuscito a passare con quasi tutti i suoi effettivi, raggiungendo con successo la zona di combattimento (salvo poi finire ucciso in una sparatoria poche settimane dopo). Gelayev era convinto di poter aprire una vera e propria rotta montana attraverso la quale far affluire alla spicciolata piccoli gruppi di 40/50 militanti per volta, eludendo la debole sorveglianza offerta dai servizi di frontiera federali (i quali avevano grosse difficoltà ad operare efficacemente in quell’area così brulla e frastagliata) e portando centinaia di uomini sulle montagne cecene entro l’inverno.

Nei mesi precedenti  il comandante ceceno inviò parecchie pattuglie in ricognizione, con lo scopo di mappare la posizione delle guardie di frontiera e seguire i loro spostamenti. Durante una di queste ricognizioni una pattuglia di Gelayev fu intercettata dai federali: i militanti si qualificarono come cacciatori, ma il fatto che fossero armati con fucili mitragliatori rese chiaro quale fosse lo scopo delle loro “battute di caccia”. I federali ebbero così piena consapevolezza che Gelayev stesse organizzando qualcosa, ed intensificarono la sorveglianza. Ciononostante l’Angelo Nero decise di procedere ugualmente, e nei primi giorni di Luglio guidò il primo distaccamento sulle montagne. La presenza dei gelayeviti non passò inosservata, ed il 21 Luglio i ceceni furono avvistati: con loro portavano armi da guerra, lanciagranate e perfino armi portatili terra – aria. Il 27 Luglio un primo reparto federale composto da una ventina di uomini, agli ordini del Maggiore Popov, intercettò una pattuglia avanzata cecena e si mosse a neutralizzarla. Il comando federale supportò l’azione inviando elicotteri da combattimento, e nel giro di poche ore combattimenti si accesero in tutta la gola. Popov aveva sottostimato l’entità delle forze nemiche, pensando di trovarsi davanti al massimo una decina di militanti, ma il rabbioso fuoco di risposta che ricevette, diretto anche contro gli elicotteri, rese presto chiaro che Gelayev aveva portato con sé svariate decine di uomini.

Ruslan Gelayev (al centro, in nero) circondato dai suoi uomini

LA BATTAGLIA

Non potendo procedere oltre per via della accanita resistenza dei militanti, Popov, optò per assumere una posizione difensiva e chiamare rinforzi: nel giro di alcune ore giunsero sul campo di battaglia alcune unità di mortaio che presero a bombardare le posizioni tenute dai gelayeviti. Il bombardamento fu efficace, e nel giro di poche ore produsse lo sbandamento della forza cecena. I russi presero ad avanzare, raggiunsero le posizioni nemiche e le assaltarono, prendendo cinque prigionieri e rinvenendo i resti di parecchi militanti. I prigionieri confermarono che la loro unità, composta da una venticinquina di uomini era l’avanguardia di un gruppo più corposo. I federali catturarono parecchie armi di ottima fattura, tra le quali 5 MANPADS.

Era chiaro che il reparto che era stato attaccato e distrutto dai russi non era né l’unico, né il più consistente, così le truppe federali continuarono ad affluire in zona, tentando di intercettare gli altri. Stavolta, tuttavia, le bande di Gelayev erano penetrate nei boschi circostanti la gola, e per stanarli sarebbe servita una lunga caccia all’uomo senza la copertura dell’artiglieria e dell’aereonautica. Reparti russi e ceceni si scontrarono nelle ore seguenti, in un complesso gioco di imboscate e sganciamenti durante il quale i reparti avversari giunsero a scontrarsi a distanza molto ravvicinata. In uno di questi scontri lo stesso Maggiore Popov rimase ucciso, probabilmente da un colpo di cecchino. Al calar del sole, Gelayev capì che anche se fosse riuscito ad aver ragione delle truppe federali (le quali, comunque continuavano ad affluire copiosamente) non avrebbe avuto alcuna possibilità di uscire dalla gola. Avendo perduto l’effetto sorpresa, e non potendo competere con i federali in campo aperto, decise quindi di far ritorno a Pankisi.

Mitragliere di Gelayev

Al termine della battaglia giacevano sul campo di battaglia almeno 25 militanti. Per parte sua l’esercito di Mosca aveva patito 8 morti e 7 feriti. Nei giorni seguenti i russi tentarono di intercettare i gelayeviti in ritirata, e secondo quanto dichiarato dal comando federale un altro contingente ceceno fu individuato, attaccato e distrutto prima che riuscisse ad attraversare il confine. Il fallimento dell’operazione convinse Gelayev a rientrare in Cecenia attraverso l’Inguscezia.

Le leggi di guerra della ChRI – L’adesione alla Convenzione di Ginevra

Allo scoppio della Prima Guerra Cecena, il Parlamento della ChRI varò un atto normativo volto ad allineare le leggi di guerra dello Stato alle convenzioni internazionali in materia di trattamento dei prigionieri di guerra. Coerentemente con l’obiettivo di mostrare al mondo che il conflitto con la Russia era da considerarsi a tutti gli effetti come una guerra tra due stati indipendenti, il Parlamento decise di seguire i principi dettati dal diritto internazionale per regolamentare l’attività delle sue forze armate. Il documento rimase per lo più sulla carta, o quantomeno la sua efficacia si limitò a quei reparti sui quali lo Stato Maggiore poteva applicare un controllo immediato ed effettivo.

D’altra parte diffuse violazioni non soltanto del diritto internazionale (il quale non fu mai riconosciuto dalla Federazione Russa come valevole in questo conflitto, coerentemente con la linea ufficiale di Mosca secondo la quale non si trattava di una guerra, ma di un’operazione anti – banditismo) ma anche delle regole del diritto civile e penale furono compiute anche dalle formazioni armate dipendenti dal Ministero della Difesa e dal Ministero degli Affari Interni della Russia.

Al di là della sua effettiva applicazione, dunque, il regolamento militare varato dal Parlamento fu un gesto di importante valore politico, volto a presentare ancora una volta la ChRI come uno Stato pienamente indipendente, ed a descrivere la guerra in atto come un conflitto tra stati.

PARLAMENTO DELLA REPUBBLICA CECENA DI ICHKERIA

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI PRIGIONIERI DI GUERRA

Prigionieri di guerra

1 – In conformità con la Legge Sulla difesa della Repubblica Cecena di Ichkeria, e con il diritto internazionale che disciplina le regole di guerra, durante lo svolgimento delle ostilità e delle operazioni militari, il personale delle forze armate avversarie, il personale della milizia ed i reparti volontari che combattono dalla parte del nemico, i mercenari, i membri delle forze armate nemiche che non prendono direttamente parte alle operazioni militari, ma che sono al loro servizio e portano apertamente le armi, i medici, gli avvocati, il personale di servizio vario, i membri dei servizi speciali, compresi i giornalisti (non combattenti) sono sottoposti alle leggi ed alle consuetudini di guerra.

2 – La Detenzione, l’arresto, l’incarcerazione, il divieto alla circolazione commessi non sulla base della legge, la presa di ostaggi o altre azioni che violini i diritti personali e gli interessi dei civili cono punibili dalla legge.

3 – I componenti delle missioni, i parlamentari e gli altri individui del campo nemico aventi diritto all’immunità non possono essere arrestati..

Luoghi e condizioni dei prigionieri di guerra

4 – I Prigionieri di guerra devono essere tenuti in appositi campi speciali, allestiti nel rispetto degli appositi standard internazionali.

5 – Ai prigionieri di guerra devono essere fornite condizioni simili a quelle offerte dalle forze armate nemiche.

6 – E’ vietato utilizzare con la forza i prigionieri di guerra in operazioni militari, ad eccezione degli ufficiali.

Diritti dei prigionieri di guerra

7 – I prigionieri di guerra hanno diritto di corrispondere con le loro famiglie, di ricevere pacchi contenenti cibo o vestiti.

8 – I prigionieri di guerra possono appellarsi alle autorità militari della parte che li detiene.

9 – I prigionieri di guerra possono eleggere tra loro dei procuratori che rappresentino i loro interessi davanti alla direzione militare della parte che li detiene.

Doveri dei prigionieri di guerra

10 – I prigionieri di guerra obbediscono alle leggi e agli ordini delle forze armate che li detengono e sono soggetti al regime del campo.

11 – I Prigionieri di guerra possono essere coinvolti in lavori non legati alle azioni di guerra.

Le responsabilità dei prigionieri di guerra

12 – Per i delitti commessi, i prigionieri di guerra possono essere giudicati soltanto dai tribunali militari. E’ esclusa la punizione collettiva per colpa individuale.

13 – Il Tribunale militare e la direzione militare, nel determinare la punizione dei prigionieri di guerra per tentativi di fuga ad altri delitti sono guidati dal diritto internazionale e dalle leggi locali.

13b – I prigionieri di guerra vengono rimpatriati al termine delle azioni di guerra.

14 – La disposizione di cui al punto 13b non si applica alle persone coinvolte in crimini per i quali siano state ritenute responsabili e condannate.

15 – Per la raccolta di tutte le informazioni sui prigionieri di guerra, si prevede la creazione di un Ufficio Centrale di Informazioni.






BILLINGSLEY INTERVISTA ILYAS AKHMADOV

Dodge Billingsley è un giornalista, scrittore e film maker statunitense. La sua attività lo ha portato sui principali teatri di guerra negli ultimi trent’anni, tra i quali i conflitti in Cecenia. Sull’argomento ha scritto il libro “Fangs of the lone wolf: chechen tactics in the Russian – Chechen wars” (Acquistabile QUI), una disamina sulla strategia di guerra dei ceceni desunta da una lunga serie di interviste ai protagonisti di quel conflitto. L’articolo che segue riporta alcuni stralci della sua intervista ad Ilyas Akhmadov, futuro Ministro degli Esteri della Repubblica Cecena di Ichkeria. L’Intervista è stata realizzata nel Gennaio 1998, nel bel mezzo del travagliato periodo interbellico tra il primo ed il secondo conflitto. Un documento interessantissimo per chi cerca informazioni sulle FORZE ARMATE della ChRi.

Puoi dirmi qualcosa riguardo al tuo background?

[…] Nel 1991, quando occorsero gli eventi riguardo alla sovranità della Repubblica Cecena che tutti noi conosciamo […] lavorai per sei mesi con il Ministero degli Esteri. In quel momento c’era un grosso problema nella regione montuosa del Karabakh. Fondamentalmente lavorai su quello, perché c’erano cittadini della repubbliche che erano stati coinvolti in quel conflitto, su base personale. Così le autorità di governo mi mandarono a riprenderli per riportarli a casa. Nello stesso tempo partecipai alla ricerca dei caduti, e nello scambio dei prigionieri. Durante la guerra (con la Russia 1994 -1996) e dopo che lasciai la città (Grozny) fui un membro della milizia per tre mesi. Quando ero nella milizia, feci soltanto quello che facevano gli altri soldati. Il Generale Basayev [Shamil Basayev, Ndr.] che a quel tempo era ancora Colonnello, mi assegnò al Quartier Generale, e per la maggior parte della guerra servii come ufficiale allo Stato Maggiore. Poi tornai da Basayev, dove servii come aiutante di campo.

Ilyas Akhmadov

Come funziona l’apparato militare ceceno? Sembra che ogni comandante di campo abbia il suo proprio esercito.

Basayev non ha il suo esercito. Era il comandante della Brigata Ricognizione e Assalto, che è l’unità d’elite dell’esercito ceceno. Ad oggi quella brigata, per tutti gli scopi pratici, è stata tolta dal servizio attivo e messa alle dipendenze del Comandante Supremo. Questo vuol dire che al momento l’unità non è acquartierata, ma in caso di guerra tornerà a formarsi. In questo senso non siamo soldati in servizio attivo. Questa brigata ha sostanzialmente cessato di esistere, ma si pone sotto l’autorità del Comandante Supremo in caso di guerra. La struttura attuale dell’esercito del Generale Raduev [Salman Raduev, Ndr.] invece, è una struttura autonoma. Ma questa è una conseguenza delle complicazioni generatesi nel periodo postbellico.

Prima della guerra non c’era alcun esercito ceceno, almeno non nei termini usati dai russi. Tutte le componenti e le unità vennero organizzate durante la guerra su base regionale, perché questo era l’unico modo possibile. Le milizie locali si organizzarono secondo la regione nella quale vivevano i loro componenti. Così i “Fronti” che  erano 7 (più tardi, evidentemente, ne furono costituiti altri di volta in volta, al punto che ad un certo punto furono addirittura 14) erano costituiti su base regionale.

[…] Solo adesso che la guerra è finita l’esercito ceceno sta iniziando ad organizzarsi secondo uno schema classico. Al momento è difficile distinguere tra il nuovo esercito che si sta organizzando ed il vecchio esercito, costituito dai resti delle unità che erano esistite durante la guerra. Non ci sono problemi particolarmente complessi rispetto al fatto che al momento sembra ci siano due differenti eserciti. In ogni caso, sono entrambi subordinati [al Quartier Generale, ndr.]. Questi ultimi sono i resti di quei fronti e di quelle unità che non sono state inserite nella struttura della Guardia Nazionale e delle forze ad essa integrate. Quando la formazione dell’esercito sarà completa, tutti coloro che portano armi e divise ma che non ne faranno parte consegneranno armi e munizioni. Per le nostre condizioni il nostro esercito non potrà contare più di cinque o seimila uomini, ma si tratta di un’approssimazione.

Soldati della Guardia Nazionale effettuano un’esercitazione dimostrativa

La guerra ha attraversato tre fasi. Nelle pianure i ribelli ceceni soffrirono parecchio. Soffrirono anche nel centro, tra le pianure e le montagne.

Prima di tutto non esistono ribelli ceceni. Questa è una creazione dei media russi. La parola “ribelle” fa riferimento ad un’organizzazione semi – clandestina. Un’organizzazione di questo tipo è gestita da “ribelli”. Ma noi non abbiamo mai avuto nessun “ribelle”. Sfortunatamente alcuni dei nostri comandanti meno educati si sono appropriati di questa parola senza pensare troppo alle implicazioni derivanti da suo uso. Da questi essa ha iniziato a girare tra di noi. Come dicevo, al Dicembre 1994 avevamo 4 unità in servizio attivo. Tutto il resto era organizzato essenzialmente come una milizia locale. Poi, verso la fine di Febbraio [1995, ndr.] Dudaev dette l’ordine di smantellare le milizie, le quali dal momento divennero parte della struttura dell’esercito regolare. Quindi, dal Febbraio 1995 in avanti avemmo le forze armate della Repubblica Cecena di Ichkeria. In questo senso non è possibile chiamarle “ribelli”.

Riguardo le fasi? Se ti basi sulle regioni [di combattimento, ndr.] ebbene, ci furono tre fasi. La Battaglia per la città (Grozny) dal 31 dicembre 1994 al 23 Febbraio 1995; la battaglia nelle pianure dal Marzo 1995 al 10 Maggio 1995; e dal 10 Maggio 1995, all’avvio dell’invasione su larga scala di Vedeno, Shatoi e Chiri – Yurt, completata nel Giugno del 1995. Il raid del Battaglione di Ricognizione e Sabotaggio a Budennovsk sotto il comando dell’allora Colonnello Basayev rovinò i loro [dei russi, ndr.] piani.

Quale fu la portata del Raid di Basayev sulla città russa di Budennovsk?

In primo luogo il raid di Budennovsk ebbe una portata più politica che tattica. Ma se lo guardi sotto il profilo dell’arte della guerra, questo mostra che, a dispetto degli annunci dei leader militari russi secondo i quali il nostro esercito era stato distrutto, che Dudaev aveva perso il controllo delle sue unità, l’ingegnosa azione 350 chilometri nelle retrovie russe, la cattura del territorio, con un gruppo di 150/160 soldati, parla da solo. Il Generale Basayev perse soltanto 19 uomini durante quell’operazione di cinque giorni. Se non vado errato, solo 3 dei suoi uomini furono uccisi dalle truppe d’elite dell’esercito russo durante un blitz durato cinque ore. […]. Guardandolo dal punto di vista militare […] Penso che neanche gli americani, e non intendo essere offensivo, quando evacuarono la loro ambasciata in Iran, fecero più errori di quanti ne fece Basayev nel condurre la sua operazione. […].

Raid di Budennovsk: Shamil Basayev (a destra) e Aslambek Ismailov (a sinistra) durante le trattative con le autorità federali.

Mi hai detto che la guerra può essere divisa in tre fasi. Quante perdite ci furono in ognuna di queste?

È piuttosto difficile rispondere, perché come dicevo l’esercito ceceno non aveva ancora sviluppato un ordine di battaglia in senso classico. […] Le perdite totali tra i nostri combattenti sono state basate includendo anche i civili i quali, in determinate occasioni, si sono uniti ai combattimenti. Loro morirono in maggior quantità, perché non avevano esperienza. […] La maggior parte delle vittime si ebbero durante le battaglie del 1995, fra la gente che, non possedendo un’arma, cercava costantemente di catturarne una. La tattica era estremamente semplice. Se un soldato russo con un fucile d’assalto veniva lasciato nella zona neutrale, i cecchini russi usavano la seguente tattica: chiunque fosse arrivato all’arma per primo veniva ferito. Egli avrebbe, naturalmente, chiesto aiuto. Puoi lasciare un cadavere fino al calar delle tenebre, quando è possibile recuperarlo, ma quando un soldato ferito chiede aiuto, normalmente tre o quattro persone moriranno cercando di soccorrerlo. In questo modo era possibile uccidere, con un fucile d’assalto, cinque o sei persone che non avevano un’arma e cercavano di prenderne una.[…].

Com’era per un membro ordinario della milizia partecipare alle operazioni militari? Puoi parlarci della tua esperienza personale?

Da un punto di vista, ovviamente, era difficile per noi combattere con i russi, perché loro erano completamente equipaggiati. […] D’altra parte la maggior parte dei soldati aveva servito nei ranghi dell’esercito sovietico. […] E’ un bel vantaggio quando il nemico parla una lingua che tu capisci molto bene. Usavamo piuttosto spesso tattiche di disinformazione via radio. Le radio presenti nei veicoli catturati venivano sintonizzate sulla frequenza della loro stessa unità. I nostri operatori radio spesso riuscivano a dirigere il fuoco dell’artiglieria russa contro le loro stesse posizioni. Usavamo spesso anche la tattica di viaggiare parallelamente alle colonne russe per penetrarvi in mezzo. Questo spesso succedeva quando le colonne marciavano di notte, o quando riuscivamo a penetrare tra due posizioni, a causa della carenza di coordinamento tra le unità dell’esercito federale e quelle del Ministero degli Interni. Era sufficiente penetrare tra le due colonne, sparare qualche colpo in una direzione e nell’altra, e quelle colonne si sarebbero ingaggiate a vicenda per tre o quattro ore. Queste tattiche erano usate molto spesso.

I resti di un carro da battaglia federale distrutto lungo la strada. Gola di Yarish – Mardy

“LIBERTA’ O MORTE!” – Seconda Edizione

Siamo lieti di comunicare che da oggi è disponibile la seconda edizione del libro “Libertà o Morte! Storia della Repubblica Cecena di Ichkeria” in vendita su Amazon sia in versione cartacea che in E – Book.

Per questa seconda edizione abbiamo deciso, data la lunghezza del lavoro, di organizzarne la pubblicazione in cinque volumi: oggi esce il primo di questi, “Dalla Rivoluzione alla Guerra (1991 – 1994)”.

Il volume si compone di 340 pagine, e contiene numerose aggiunte e modifiche rispetto alla versione precedente. Dalla settimana prossima sarà possibile acquistarlo anche in lingua inglese. Buona lettura!

ACQUISTA IL LIBRO

Khattab – La Spada dell’Islam (Documentario)

Questo documentario di propaganda è uno dei pochi documenti sulla vita di Khattab del quale esista una traduzione in inglese. Si tratta di un lungometraggio nel quale sono disponibili molte scene riguardanti la sua storia personale, militare e terroristica durante il suo “periodo ceceno”.

La seconda parte del video è disponibile al seguente indirizzo:

IBN AL – KHATTAB: MEMORIE DI UN TERRORISTA (PARTE 3)

l-Suwaylim: “Memories of Amir Khattab: The Experience of the Arab Ansar in Cecenia, Afghanistan e Tagikistan”. Dai più conosciuto come Emir Al Khattab, è stato il più celebre “Comandante di Campo” della guerriglia cecena, mettendo in atto alcune delle più audaci azioni di guerra contro l’esercito russo, e rendendosi parimenti responsabile di alcuni tra i più odiosi atti terroristici che abbiano macchiato il suolo del Caucaso. Fervente islamista, fu tra i promotori della “svolta fondamentalista” della resistenza cecena, preparando centinaia di giovani combattenti al “martirio” e costituendo l’organizzazione alla base dell’autoproclamato “Emirato Islamico”. In questa sede pubblichiamo alcuni stralci dell’intervista. Chiariamo subito che il nostro intento non è quello di glorificare una figura di Al Khattab, di giustificarne le azioni o di supportare il radicalismo islamico (come specificato nella sezione “Mission” di questo blog). Nel nostro trattare l’argomento della Repubblica Cecena di Ichkeria non possiamo ignorare la voce di questa parte della “resistenza” che fu così fondamentale per l’evoluzione confessionale della ChRI. Per questo, e per nessun altro motivo, riportiamo alcuni stralci del libro di Ibn Al Khattab. In appendice il racconto della sua morte nelle parole di uno dei suoi più leali Mijahideen, Abu Al – Walid.

LA SECONDA JIHAD

Le operazioni militari sono di nuovo iniziate in Cecenia, ed abbiamo iniziato per prepararci a difendere la regione settentrionale di Shelkovsky, le colline a Nord di Grozny ed il Distretto di Urus – Martan. Su questi fronti si trovavano i nostri fratelli Ramzan Tsakaev, Ramzan Akhmadov e Yakub Al -Hamidi. Sul fronte occidentale c’era il nostro fratello Abu Al Walid, che si trovava ad Argun insieme ad altri gruppi, a Grozny c’erano i fratelli Abu Zarr “Herat” e “Bagram” Ismail, che Allah abbia pietà di lui. E nostro fratelloa Abu Jafaar a Serzhen Yurt. Le operazioni iniziarono. […]

[Dopo l’assedio di Grozny, ndr] Molte sono state le difficoltà a Shatoi, una delle regioni più importanti della Cecenia dal punto di vista militare. Questa è una zona montuosa e una volta che hai preso il controllo delle strade e delle alture, è finita. Ma faceva molto freddo, e nevicava. I Muhajideen erano esausti e malati ed era difficile radunare le persone e prepararsi. Abbiamo tenuto uno shura [consiglio, ndr] al quale hanno partecipato Gelayev, Shamil [Basayev] Arbi [Baraev] e Ramzan [Akhmadov]. Abbiamo detto loro di prendere il controllo delle montagne prima che i russi vi atterrassero. Loro risposero: “Abbiamo bisogno di una settimana per riposare”. Così i russi atterrarono. Il primo gruppo sbarcò in un’area circoscritta e gradualmente iniziò ad occupare il territorio circostante. Dopo che presero le alture divenne difficile rimanere in quella zona. […]

Da sinistra a destra: Abu Al – Walid, Shamil Basayev, Ibn Al – Khattab e Ramzan Akhmadov

L’ASSEDIO DI GROZNY

Luscita da Grozny fu molto difficile, poiché il numero dei Mujahideen era di oltre 3000 persone e l’errore più grande in questo case fu che tutti i gruppi iniziarono a partire contemporaneamente. Così facendo fecero capire ai russi che stavano lasciando la città, e questi iniziarono a minare l’area. La sortita fu guidata da Shamil [Basayev] e Arbi [Baraev], i quali posizionarono gruppi di sicurezza nelle zone di raccolta dei MIjahideen. Tuttavia tali gruppi attirarono l’attenzione dei russi i quali, dopo essersi conto di cosa stava succedendo, li minarono ed iniziarono ad aspettare. Quando i Mujahideen iniziarono ad andarsene, molti furono fatti saltare in aria dalle mine, tra i quali Shamil, il suo vice Khunkharpasha, così come il comandante in capo di Grozny Aslambek [Ismailov, ndr.] il quale fu ucciso da un colpo di mortaio. […] Fu preso chiaro che il terreno era disseminato di mine a pressione. I feriti furono raccolti e, nonostante le ferite, continuarono a camminare.

Shamil chiese 20/30 volontari per attraversare il campo minato e liberare il sentiero. Tutti tacevano e nessuno si offrì volontario. Allora disse: “Andrò io”. Dopo essere saltato su una mina richiamò la gente all’ordine. Gli andò dietro uno dei parenti di Dzhokhar Dudaev, di nome Lechi [Lechi Dudaev, sindaco di Grozny allo scoppio della Seconda Guerra, ndr.] il quale fu ucciso da una mina, dopodiché fu la volta di Khunkarpasha. Costoro spianarono la strada ai Mujahideen i quali, lasciando Grozny, entrarono nel villaggio di Ermolovka. I russi bombardarono il villaggio con l’artiglieria. Poi entrarono in un altro villaggio, poi in un terzo, e così via fino a raggiungere le montagne. Ricevemmo la notizia che c’erano morti e feriti tra gli emiri e ci fu richiesto di inviare trattori e camion per aiutarli. Lo spirito del Mujahideen tornò alto quando seppero che Khattab stava inviando loro 40 camion e trattori, con provviste e cibo. Molti di loro, felicissimi per la notizia, dissero che avrebbero continuato a camminare finchè non ci avessero trovati. […] Quando ho visto Shamil ferito sono scoppiato in lacrime, ma lui al contrario era di buon umore e, ridendo, ha detto: “I russi mi hanno fatto un regalo! Ora, se dovrò attraversare un campo minato, sarà molto più facile per me!” […].

LA GOLA DI ARGUN

Dopo che i russi presero il controllo delle zone montuose, incontrai i fratelli e dissi loro: “Se non usciamo da questa cona i russi inizieranno a restringere l’accerchiamento, e la situazione non farà che peggiorare”. I nemici di alla cominciavano a dire “La finiremo con loro entro una settimana, e mostreremo i corpi dei mercenari”, facendo l’elenco dei vari comandanti. […] Descrivevano la situazione come se avessero già finito con noi.

Uscimmo da Shatoi con grande difficoltà. […] Uscimmo di notte, scalammo un’alta montagna per poi scendere in una profonda gola. […] Pensavo che nella colonna ci sarebbero state dalle 500 alle 700 persone, ma si scoprì presto che c’erano ben 1250 Mujahideen con noi. Fu molto difficile organizzare i gruppi. Nominammo un Emiro pe ogni gruppo, ma non li conoscevamo bene tutti. […] Quando iniziò la sortita notai che la colonna era come un alveare: conversazioni, urla, ecc. Iniziai a mettere ordine nei gruppi, comunicando con gli emiri. Dissi loro: “Non accendete fuochi. I russi sono ovunque, se scoprono la nostra posizione bruceranno la terra qui.” Alcuni sentirono il mio ordine, altri no. Ma faceva molto freddo, era impossibile dormire la notte e durante il giorno non potevamo, perché dovevamo andare avanti. Rimanemmo affamati, infreddoliti e fradici per 4/5 giorni senza sosta. Non potevamo toglierci le scarpe ed i nostri piedi erano bianchi perché il sangue aveva smesso di scorrere dentro di essi. Faceva un freddo insopportabile e un giovane cominciò ad accendere un fuoco. […].

Ibn Al – Khattab nella foresta

I fratelli iniziarono ad ammalarsi, sopraggiunse la diarrea, la loro pelle divenne pallida per il freddo e la fame e le loro labbra si screpolarono. Iniziammo a cercare una via d’uscita ma i russi erano su ogni collina, con le loro migliori forze le “forze speciali”. Annunciarono di essere pronti a schiacciare i criminali terroristi. Erano molto ben preparati a questo. Avevano vestiti, tende, stufe, come se fossero in un albergo a cinque stelle. Avevano tutto, mentre noi giravamo di foresta in foresta. Radunai i combattenti nella gola e dissi loro di appiccare un fuoco. Nelle vicinanze c’era un villaggio in rovina abbandonato dagli abitanti. Alcuni Miujahideen vi entrarono e iniziarono a mangiare ciò che c’era rimasto: polli, mucche, senza lasciare nulla indietro. I russi bruciavano villaggi e uccidevano persone ogni giorno, saccheggiavano villaggi, penetrandovi a notte fonda. Li inseguimmo, e prendemmo solo ciò di cui avevamo bisogno, dicendo: “Inshallah, poi restituiremo tutto”.  […].

LA SORTITA

Abbiamo iniziato ad uscire dalla gola. Sono passati 18 giorni e solo Allah sa in quale stato ci trovassimo. […] Allah ha ordinato di attaccare i russi al mattino. Li abbiamo attaccati da 15 metri e i russi avevano paura di sporgere la testa. I Mujahideen uccisero più di cinquanta infedeli. Distruggemmo due gruppi d’assalto, mentre il governo russo annunciava che i leader dei Mujahideen erano stati uccisi. Siamo andati avanti. […] Dopo aver ucciso tutti i russi in questa battaglia, questi iniziarono a bombardarci intensamente ed a spararci contro con l’artiglieria, e molti fratelli furono uccisi. Ci dividemmo in grandi gruppi. […] Il bombardamento era sempre più intenso, cercai di incontrare Shamil, ma non riuscii a farlo, la maggior parte degli emiri erano feriti o esausti. Ci siamo resi conto che la situazione era fuori controllo e che gli uomini, che pure continuavano a muoversi, lo stavano facendo di propria iniziativa, a caso. 

[Dopo aver individuato un sentiero libero dai russi e dalle mine] Ho informato subito mio fratello Shamil [Basayev] e subito ci siamo incamminati su quel sentiero. […] Continuammo a camminare fino a mezzanotte lungo la stessa strada che avevamo preso prima. La strada era piena di Mijahideen. […] Per Allah, donne e bambini hanno pianto quando hanno visto lo stato dei Mujahideen. Molti non potevano camminare e venivano trasportati. Ricordo come i fratelli portavano lo sceicco Abu Umar sulle spalle. Altri erano molto malati. Avevano le gambe rotte, molti di loro avevano perduto le scarpe, essendo rimasti bloccati nel fango, e camminavano a piedi nudi sul ghiaccio. I loro piedi erano così gonfi che non erano in grado di indossare scarpe nuove.

Khattab a cavallo

APPENDICE – LA MORTE DI KHATTAB

Le memorie di Ibn Al – Khattab non raccontano soltanto gli eventi da lui vissuti, ma contengono anche una serie di “consigli” e indicazioni sia di natura religiosa che militare, che in questa sede evitiamo di trascrivere (nella sezione BIBLIOGRAFIA è comunque presente il link al documento completo in lingua russa).

Nel Marzo 2002 Khattab fu raggiunto da una lettera avvelenata, spirando nel giro di poche ore. Il resoconto del suo omicidio è reso da uno dei suoi più fedeli segueci, Abu Al Walid Al – Hamidi (conosciuto ai più semplicemente come Abu Al Walid):

“I nemici di Allah stavano pianificando questa vile operazione da un anno, e loro stessi lo hanno ammesso. Sono convinto che sia così, perché uno degli accusati dell’omicidio di Khattab lavorava con lui da un anno, e molti fratelli avevano avvertito l’Emiro che questi lavorava per i servizi speciali. […] Khattab si comportava con molta attenzione, li incontrava raramente e lontano dalle basi. Sembravano necessari per il trasporto di materiali poiché, nonostante la presenza di persone più affidabili che portavano la posta all’estero,  questi due erano i più veloci e coraggiosi. La situazione rimase così per diversi mesi, fecero un buon lavoro e conoscevano tutte le rotte che usavamo per spedire cose all’estero. […] Questi due portavano denaro, lettere, apparecchi radio dai paesi vicini e quando venne il momento, prepararono del veleno e lo misero in una delle lettere dei fratelli arabi. […] Portarono queste lettere con alcune cose e, consegnandole alle guardie di Khattab, dissero che tra queste cose c’erano lettere molto importanti, che avrebbero dovuto essere consegnate a Khattab il prima possibile. Naturalmente questi fratelli, rischiando la propria vita, furono immediatamente mandati a consegnare le lettere, e caddero in un’imboscata, dove uno di loro fu ucciso. Gettando tutte le loro cose, presero solo una borsa con le lettere pensando che ci fosse qualcosa di molto importante dentro, non immaginando che là dentro ci fosse il destino del loro comandante e amato amico. Sono arrivati da Khattab, e come al solito egli iniziò a sfogliare le lettere, così fu il primo a prendere la lettera scritta in arabo. […].

Il cadavere di Khattab subito dopo l’avvelenamento

Dopo alcuni minuti si sentì stordito, la sua vista si offuscò. Dal momento che stava digiunando pensò che ciò fosse causato dal digiuno, così si sdraiò per un po’. Dopo qualche minuto tornò a leggere la lettera, ma non riusciva a leggerne il testo e così, sentendosi molto stanco, andò a letto e dormì fino all’alba. Dopo la preghiera, cominciò a sentire la mancanza d’aria e una nebbia negli occhi. Disse a coloro che erano con lui di raccogliere rapidamente le cose nel caso avessero dovuto andarsene rapidamente. […] Quando arrivò il momento di pregare non riuscì a condurre la preghiera. Dopo di chè il dolore si intensificò […]. Poi tacque e svenne. […] Quando il dottore arrivò, dopo un lungo e pericoloso viaggio, ed ebbe esaminato Khattab versando sudore, si rese conto che si trattava di sintomi da avvelenamento. Chiese ai fratelli cosa avesse mangiato, loro risposero che mangiavano tutti dallo stesso piatto, e che bevevano dallo stesso recipiente, e che non mangiava né beveva separatamente da molto tempo. Ma si ricordarono della lettera. Il medico, dopo averla esaminata, confermò che era avvelenata e disse a tutti coloro che l’avevano avuta tra le mani di lavarsi accuratamente. […] La mattina dopo lo seppellirono in un luogo sicuro e giurarono di non dire a nessuno della sua morte e del suo luogo di sepoltura finchè non lo avessi saputo.