Archivi tag: Chechen Republic of Ichkeria

Zakatev scrive ai Radicali Italiani: sarete benvenuti come fratelli nella Cecenia libera!

A seguito del riconoscimento della Repubblica Cecena di Ichkeria da parte del Parlamento ucraino, il Primo Ministro Akhmed Zakayev si è rivolto ai Radicali Italiani per ringraziarli del loro sostegno. Nel Giugno scorso i Radicali avevano organizzato una visita a Roma per il Primo Ministro ceceno, durante la quale era stato ricevuto in via ufficiale dal Sottosegretario di Stato agli Esteri Benedetto della Vedova.

Ai nostri amici italiani di Radicali Italiani

A Silvja Manzi e Igor Boni

A Benedetto della Vedova e Riccardo Magi

18 ottobre 2022

Oggi il Parlamento ucraino ha riconosciuto la Repubblica Cecena di Ichkeria. Si tratta di un gesto molto più che formale: il popolo ucraino ha riconosciuto nella nostra battaglia la sua stessa battaglia, nelle nostre sofferenze le sue stesse sofferenze, nel nostro destino il suo stesso destino. Non potrà mai esserci libertà per nessuno, finché un solo popolo, e addirittura un solo uomo, dovrà subire la schiavitù.

Oggi gli Ucraini combattono per la loro indipendenza, così come i ceceni fanno ormai da ventidue lunghi anni. L’Europa, che prima non aveva capito l’importanza della nostra battaglia, oggi comincia a riconoscere che la guerra che oggi si combatte sulle sponde del Dnepr e nel Donbass è iniziato molti anni prima, quando la Russia ha preteso di piegare il nostro spirito spezzando i corpi dei nostri fratelli, dei nostri bambini, con i cingoli dei suoi carri armati.

In questo giorno così importante per la nostra nazione, che segna il primo, concreto passo verso la riconquista della nostra libertà dall’oppressione, rivolgo a voi, che in tutto questo avete creduto fin dall’inizio, il mio sentito ringraziamento per il sostegno che avete dato, e che continuate dare, alla nostra lotta. Spero che la purezza dei vostri ideali possa illuminare le coscienze di tutti gli uomini liberi.

Sarete benvenuti come fratelli nella Cecenia libera.

Akhmed Zakaev,

Primo Ministro della Repubblica Cecena di Ichkeria

ENGLISH VERSION

Following the recognition of the Chechen Republic of Ichkeria by the Ukrainian Parliament, Prime Minister Akhmed Zakayev addressed the Italian Radicals to thank them for their support. Last June the Radicals had organized a visit to Rome for the Chechen Prime Minister, during which he was officially received by the Undersecretary of State for Foreign Affairs Benedetto della Vedova.

To our Italian friends of Radicali Italiani

To Silvja Manzi and Igor Boni

To Benedetto della Vedova and Riccardo Magi

October 18, 2022

Today the Ukrainian Parliament recognized the Chechen Republic of Ichkeria. It is a much more than formal gesture: the Ukrainian people recognized their own battle in our battle, their own sufferings in our sufferings, their own destiny in our destiny. There can never be freedom for anyone, as long as a single people, and even a single man, has to suffer slavery.

Today the Ukrainians are fighting for their independence, just as the Chechens have been fighting for twenty-two long years now. Europe, which previously did not understand the importance of our battle, is now beginning to recognize that the war being fought today on the banks of the Dnieper and in the Donbass began many years earlier, when Russia tried to bend our spirit. breaking the bodies of our brothers, of our children, with the tracks of his tanks.

On this very important day for our nation, which marks the first concrete step towards regaining our freedom from oppression, I extend to you, who have believed in all this from the beginning, my heartfelt thanks for the support that you have given, and continue to dare, to our struggle. I hope that the purity of your ideals can enlighten the consciences of all free men.

You will be welcome as brothers in free Chechnya.

Akhmed Zakaev,

Prime Minister of the Chechen Republic of Ichkeria

THE GENERAL OF NAUR – MEMORIES OF APTI BATALOV (Part II)

The first meeting with Maskhadov

My first meeting with Aslan Maskhadov, Chief of the General Staff of the Armed Forces of the Chechen Republic took place a few days after my appointment. That day I was summoned to Grozny for a meeting of the commanders of the military units. When I arrived in Grozny, I introduced myself to his office, which if I remember correctly was on the second floor of the building that housed the Headquarters. After a short wait I was called by one of his guards and invited to enter. Maskhadov’s office, then still a Colonel, was not large. He was sitting on his desk and writing. I greeted him with the usual Chechen greeting, he got up from his chair and replied with a counter greeting. When he had finished, he looked at me and asked me what the purpose of my visit was.

I introduced myself, and Merzhuyev ‘s order regarding my appointment as Commander of the districts of Naursk and Nadterechny was placed on the table. Maskhadov took the document, read it, crossed out a sentence with his pen and said to me: Have it wright again, I don’t have enough cops. And he gave me back my order. I took the paper and looked at what he had erased. After seeing his correction the blood went to my head, my face started to burn with anger. Maskhadov had ticked “Police Captain”. Holding back the indignation with difficulty, I replied: I did not ask for this position, I will not go to anyone and I will not write anything! To be honest, in a way, I was satisfied with this “entry” into the ChRI authorities. Now I could legitimately refuse my appointment and go home in peace. But as I reached the door Maskhadov called me back: The meeting will start in an hour, please go to the Central Control Center. I didn’t know what he was talking about and so, after taking my leave, I asked a guard what the Central Control Center ( TsKP ) was, and where it was. The guard told me that it was the Central Command Post, and that I could reach it on the first floor of the Presidential Palace, in the right wing. I headed for my destination, keeping the order in my pocket. I still keep it in my personal archive. As I walked, I thought to myself: Something is rotten in the state of Denmark. The subsequent history of the Republic confirmed the validity of my hypothesis.

False alarms. Luckly!

Between 29 and 30 August , at the Ishcherskaya checkpoint , we arrested a boy of about 25 from the Stavropol District. Subjected to inspection, in his backpack we found a T-shirt, underwear, a black mask and a full-face balaclava, as well as a silk rope of about one meter in length. In his pocket we found a letter which, we discovered, was addressed to his sister. We questioned him about the purpose of his trip to Chechnya, and he replied without hesitation that he had come to join the opposition and protect the Russians from the oppression and violence of the Dudaevites. He said that he had already fought in Yugoslavia, on the side of the Serbs, and that the mask and the rope he had already used there. He said that once he reached his destination he would send the letter to his sister, the only one who loved him, to inform her of his arrival. After detaining him, I called for ad AN – 2 from Khankala delivered him to Grozny. A few days later the “volunteer” was shown on TV and President Dudaev, in front of the reporters, after showing the mask and the cordon, read aloud the “letter from a volunteer”.

As I wrote earlier, all settlements in the region were equipped with radio stations, there was a consolidated link between the district and the village commander’s offices, at any time of day I could contact the commander of each village and know the situation in this settlement. In addition to ensuring the safety of the Naur region from the Avturkhanov opposition, we, through our local supporters in the village of Znamenskoye , who were not few, monitored what was happening in the opposition camp, and relayed reports to Grozny. We had a signalman who knew radio stations well once he served in Afghanistan as radio operator in a GRU sabotage detachment.

One day, the operator tuned in to the opposition radio station in Znamenskoye , and listened to a radio conversation of our opponents that was endlessly repeated: Tonight , at zero – zero, the time X arrives. Fearing to be heard, I decided to deliver the report personally, and went to Grozny myself. Arriving at the Presidential Palace, I went to the Central Command Post, but found no one. It was late at night, but the news was too important, so I went to the sixth (or possibly seventh) floor, where Colonel Merzhuyev ‘s office was located . After listening to me, he confirmed my fears: Apparently tonight, or early in the morning, something will happen. The Ingush [I don’t know who he was referring to] received orders from Moscow to block the Rostov – Baku highway and to keep it ready for the mass advance of military vehicles.

Merzhuyev was visibly agitated by my message. Before leaving, he asked me to warn Abu Arsanukaev , commander of the Presidential Guard, to strengthen security around the Palace. Having found Arsanukaev , I sent him Mershuyev ‘s order , and he began to tinker with the armored vehicle parked at the entrance, a BRDM armed with a machine gun. After a brief check, it became clear that the vehicle’s machine gun was unable to fire. The guards present began to look for an alternative: it seems that a tank was available, stationed around a nearby corner, but that it was unable to move and that they should have towed it.

I thought, disconsolately, about the conversation with Merzhuyev , while observing the readiness or rather, the non-readiness of the defense of the Presidential Palace in the event of an attack. I returned to Ishcherskaya , waiting for the impending attack. Fortunately, neither that day nor the next day did anything happen. A week or two later Mershuyev apparently quit for health reasons.

Musa Merzhuyev (left) attends the Independence Day military parade, September 6, 1993

The hardest two hours of my life

On 23 August 1994 an opposition unit, mounted on trucks and escorted by two T – 64s, appeared near Chernokozovo, a few kilometers from Naurskaya. Waiting for him was a crowd of local residents, led by the Prefect, Aindi Akhaev , who literally seized the tanks, disarmed the avturkhanovites and sent them back, with a promise never to come back armed. Shortly thereafter, I received an ultimatum from Avturkhanov: either we would return the wagons to him and remove the roadblocks, or, in his words, he would march into the district in bloody boots . Receiving no response from us, he sent a messenger and asked me for a meeting on the bridge between Ishcherskaya and Znamenskoye . I accepted, and went to the birdge. Halfway there was a Volga, from which first a tall man with blond hair got out, then Avturkhanov.

We shook hands. His was sweaty, and visibly trembling. I mocked him, asking: What is it, Umar, don’t you have reliable Chechens to use as bodyguards? He muttered back to me, then moved on to threats. He asked me to return the tanks to him, and to my refusal he replied: I’ll give you two hours, otherwise I’ll reduce you to dust! He did not insist again on the dismantling of the roadblock, perhaps he had forgotten. I replied aloud, in Russian: we’ll see who cancels whom. We are waiting for you. I went back to my companions and told them about our conversation. We prepared to repel the attack. Fifteen minutes later, on the other side of the river we noticed a great commotion: civilian cars were massing at the checkpoint, a ZPU-2 anti-aircraft gun had appeared out of nowhere, and its turret rotated left and right, aimed at ours. locations.

The moment was very tense, and some of us started running away. A police officer who was with me along with four of his fellow soldiers stated that he had been urgently recalled to the District Police Department, and that they should leave us. I couldn’t resist, and I let them go. Other militiamen also left. I had to do something, so I ordered one of the tanks we had seized to be placed at the entrance to the Checkpoint, and aimed the gun at our opponents. At the sight of the tank, the opposition militants on the other side began to fidget, running back and forth. Two painful hours passed while we awaited the attack. If there had been a well-organized attack, we would never have been able to keep the bridge. They would have taken the tank back from us, and no one could have helped us. The difference between our forces and theirs was too great, we barely had two magazines each, and neither of us had military experience. If Avturkhanov had persisted, the bridge would have fallen. At the time I did not understand why he considered it so important to enter the Naursk District, being able to use the road from Lomaz – Yurt to Znamenskoye , along the right side of the Terek, to get to Grozny. Only some time ago, in a conversation with a guy who was an opposition militant at the time, I learned that the anti – Dudaevites had trouble getting the equipment through that street, because the inhabitants of Lomaz – Yurt (now Bratskoye ) they were for the most part supporters of Dudaev, and opposed arms in hand to the passing of arms against the government. Avturkhanov wanted to check the bridge in order to use the road on the left bank of the Terek. But these things I learned only later. I was not aware of this at the time, and I did not understand what this opposition showdown was for.

Eventually Avturkhanov gave up. There was no attack. The Avturkhanovites limited themselves to undermining their side of the bridge and damaging it, leaving only a narrow pedestrian passage. That day I learned about who was with me: I was very proud of the companions who remained. To be honest, these two hours were perhaps the hardest hours of my life for me. The most difficult because for the first time, I had to make a decision that could have had serious consequences. In those days the Chechens were not so indifferent to the bloodshed of their compatriots, they were not yet hardened by the hatred due to political differences!

After the war, when I was director of the National Security Service, I learned from an inmate that the Provisional Council had organized the August 23 Raid to try to take over the entire district. The raid on Naurskaya, stopped by Akhaev in Chernokozovo , was supposed to induce the population of the district to surrender, taking the militia behind while they were busy defending the checkpoints. What Avturkhanov’s strategists had not considered was the courage of the people of Naursk and Mekenskaya . They were simple people, but very determined, who with their courage made the plan of our adversaries fail.

Dudaev (left) Maskhadov (centre) Edilov (Right)

VERSIONE ITALIANA

PARTE II

Il primo incontro con Maskhadov

Il mio primo incontro con Aslan Maskhadov, Capo di Stato Maggiore Generale delle Forze Armate della Repubblica Cecena è avvenuto pochi giorni dopo la mia nomina. Quel giorno fui convocato a Grozny per una riunione dei comandanti delle unità militari. Arrivato a Grozny, mi presentai nel suo ufficio, che se non ricordo male si trovava al secondo piano dell’edificio che ospitava il Quartier Generale. Dopo una breve anticamera fui chiamato da una delle sue guardie ed invitato ad entrare. L’ufficio di Maskhadov, allora ancora Colonnello, non era grande. Egli era seduto sulla sua scrivania e scriveva. Lo salutai con il consueto saluto ceceno, lui si alzò dalla sedia e rispose con un contro saluto. Quando ebbe finito di scrivere, mi guardò e mi chiese quale fosse lo scopo della mia visita.

Mi presentai, e l’ordine di Merzhuyev riguardo la mia nomina a Comandante dei distretti di Naursk e Nadterechny gli fu posto sul tavolo. Maskhadov prese il documento, lo lesse, barrò una frase con la penna e mi disse: Fallo rifare, non ho abbastanza poliziotti. E mi restituì l’ordine. Io presi il foglio e guardai che cosa avesse cancellato. Dopo aver visto la sua correzione il sangue mi andò alla testa, il mio viso iniziò a bruciare di eccitazione. Maskhadov aveva barrato “Capitano della Polizia”. Trattenendo a fatica l’indignazione, risposi: Non ho chiesto io questa posizione, non andrò da nessuno e non scriverò nulla! Ad essere onesti, in un certo modo, ero soddisfatto di questo “ingresso” nelle autorità della ChRI. Ora potevo legittimamente rifiutare la mia nomina e tornare a casa in pace. Ma come raggiunsi la porta Maskhadov mi richiamò: La riunione comincerà tra un’ora, fatti trovare al Centro di Controllo Centrale. Io non sapevo di cosa stesse parlando e così, dopo essermi congedato, chiesi ad una guardia che cosa fosse il Centro di Controllo Centrale (TsKP), e dove si trovasse. La guardia mi precisò che si trattava del Posto di Comando Centrale, e che avrei potuto raggiungerlo al primo piano del Palazzo Presidenziale, nell’ala destra.

Dopo aver salutato, mi avviai verso la mia destinazione, tenendo l’ordine in tasca. Lo conservo ancora, nel mio archivio personale. Mentre camminavo, pensai tra me e me: “C’è del marcio in Danimarca”. La successiva storia della Repubblica confermò la validità di questa mia ipotesi.

Falsi allarmi. Per fortuna!

Tra il 29 ed il 30 Agosto, al posto di blocco di Ishcherskaya, fermammo un ragazzo di circa 25 anni proveniente dal Distretto di Stavropol. Sottoposto ad ispezione, nel suo zaino trovammo una maglietta, della biancheria, una maschera nera ed un passamontagna integrale, oltre ad una corda di seta di circa un metro di lunghezza. In tasca gli trovammo una lettera che, scoprimmo, era indirizzata alla sorella. Lo interrogammo riguardo lo scopo del suo viaggio in Cecenia, e lui rispose senza esitazione che era venuto per unirsi all’opposizione e proteggere i russi dall’oppressione e dalla violenza dei dudaeviti. Disse che aveva già combattuto in Jugoslavia, dalla parte dei serbi, e che la maschera e la corda li aveva già usati lì. Disse che una volta giunto a destinazione avrebbe inviato la lettera alla sorella, l’unica che gli volesse bene, per comunicarle il suo arrivo. Dopo averlo trattenuto, feci arrivare un AN – 2 da Khankala e lo feci consegnare a Grozny. Pochi giorni dopo il “volontario” fu mostrato alla TV ed il Presidente Dudaev, davanti ai giornalisti,  dopo aver mostrato la maschera ed il cordone, lesse ad alta voce la “lettera di un volontario”.

Come ho scritto in precedenza, tutti gli insediamenti della regione erano dotati di stazioni radio, c’era un collegamento consolidato tra il distretto e gli uffici del comandante del villaggio, a qualsiasi ora del giorno potevo contattare il comandante Di ogni villaggio e conoscere la situazione in questo insediamento. Oltre a garantire la sicurezza della regione di Naur da parte dell’opposizione di Avturkhanov, noi, attraverso i nostri sostenitori locali nel villaggio di Znamenskoye, che non erano pochi, monitoravamo quanto stava accadendo nel campo dell’opposizione, e trasmettevamo rapporti a Grozny. Avevamo un segnalatore che conosceva bene le stazioni radio, una volta ha attraversato l’Afghanistan dove era un operatore radio in un distaccamento di sabotaggio del GRU.

Un giorno, l’operatore si sintonizzò sulla stazione radio dell’opposizione a Znamenskoye, ed ascoltò una conversazione radio dei nostri avversari che si ripeteva incessantemente: Questa notte, a zero – zero, arriva l’ora X. Temendo che anche le nostre conversazioni fossero ascoltate, decisi di recapitare il rapporto personalmente, e mi recai di persona a Grozny. Giunto al Palazzo Presidenziale, mi recai al Posto di Comando Centrale, ma non trovai nessuno. Era notte fonda, ma la notizia era troppo importante, così mi recai al sesto (o forse al settimo) piano, dove si trovava l’ufficio del Colonnello Merzhuyev. Dopo avermi ascoltato, questi confermò i miei timori: A quanto pare questa notte, o al mattino presto, succederà qualcosa. L’Inguscio [non so a chi si riferisse] ha ricevuto ordini da Mosca di bloccare l’autostrata Rostov – Baku e di tenerla pronta per l’avanzata in massa di mezzi militari.

Merzhuyev era visibilmente agitato dal mio messaggio. Prima di prendere commiato, mi chiese di avvisare Abu Arsanukaev, comandante della Guardia Presidenziale, di rafforzare la sicurezza intorno al Palazzo. Trovato Arsanukaev, gli trasmisi l’ordine di Mershuyev, e questi si mise ad armeggiare con il mezzo blindato parcheggiato all’ingresso, un BRDM armato di mitragliatrice. Dopo un breve controllo, fu chiaro che la mitragliatrice del veicolo non era in grado di sparare. Le guardie presenti si misero a cercare un’alternativa: pare che fosse disponibile un carro armato, appostato dietro ad un angolo lì vicino, ma che non fosse in grado di muoversi e che avrebbero dovuto rimorchiarlo.

Ripensai, sconsolato, alla conversazione con Merzhuyev, mentre osservavo la prontezza o meglio, la non prontezza della difesa del Palazzo Presidenziale in caso di attacco. Tornai ad Ishcherskaya, aspettando l’attacco imminente. Fortunatamente, né quel giorno, né il giorno successivo accadde nulla. Una o due settimane dopo Mershuyev si licenziò a quanto pare per motivi di salute. Non l’ho più visto

Le due ore più difficili della mia vita

Il 23 Agosto 1994 un reparto dell’opposizione, montato su camion e scortato da due T – 64 comparve nei pressi di Chernokozovo, a pochi chilometri da Naur. Ad attenderlo c’era una folla di residenti locali, guidati dal Prefetto, Aindi Akhaev, i quali letteralmente sequestrarono i carri armati, disarmarono gli avturkhanoviti e li rispedirono indietro, con la promessa di non tornare mai più armati. Poco dopo ricevetti un ultimatum da Avturkhanov: o gli restituivamo i carri e rimuovevamo i posti di blocco, oppure, citando le sue parole, egli avrebbe marciato sul distretto con gli stivali insenguinati. Non ricevendo da noi alcuna risposta, inviò un messaggero e mi chiese un incontro sul ponte tra Ishcherskaya e Znamenskoye. Io accettai, e mi recai sul ponte. A metà strada c’era una Volga, dalla quale scese dapprima un uomo alto, coi capelli biondi, poi Avturkhanov.

Ci stringemmo la mano. La sua era sudata, e visibilmente tremante. Lo irrisi, chiedendogli: Che c’è, Umar, non hai ceceni affidabili da usare come guardie del corpo? Quello mi rispose bofonchiando, poi passò alle minacce. Mi chiese di restituirgli i carri armati, e al mio rifiuto rispose: ti do due ore, altrimenti vi riduco in polvere! Non insistette nuovamente sullo smantellamento del posto di blocco, forse se n’era dimenticato. Io gli risposi ad alta voce, in russo: vedremo chi cancellerà chi. Vi aspettiamo. Tornai dai miei compagni e raccontai loro della nostra conversazione. Ci preparammo a respingere l’attacco. Quindici minuti dopo, dall’altra parte del fiume notammo un gran trambusto: auto civili si stavano ammassando al posto di blocco, un cannone antiaereo ZPU – 2 era apparso dal nulla, e la sua torretta ruotava a destra e a sinistra, diretta contro le nostre posizioni.

Il momento era molto teso, ed alcuni di noi iniziarono a darsela a gambe. Un ufficiale di polizia che era con me insieme a quattro suoi commilitoni dichiarò che era stato richiamato urgentemente al Dipartimento di Polizia Distrettuale, e che avrebbero dovuto lasciarci. Non potevo oppormi, e li lasciai partire. Anche altri miliziani se ne andarono. Dovevo fare qualcosa, e allora ordinai che uno dei carri che avevamo sequestrato fosse posizionato all’ingresso del Checkpoint, e che puntasse il cannone contro i nostri avversari.  Alla vista del carro, dall’altra parte i militanti dell’opposizione iniziarono ad agitarsi, correndo avanti e indietro. Passarono due ore dolorose, mentre attendevamo l’attacco. Se ci fosse stato un attacco ben organizzato, non avremmo mai potuto tenere il ponte. Loro ci avrebbero ripreso il carro armato, e nessuno avrebbe potuto aiutarci. La differenza tra le nostre forze e le loro era troppo grande, noi avevamo appena due caricatori a testa, e nessuno di noi aveva esperienza militare. Se Avturkhanov avesse insistito, il ponte sarebbe caduto. Sul momento non capivo perché ritenesse così importante penetrare nel Distretto di Naursk, potendo utilizzare la strada che da Lomaz – Yurt procede pe Znamenskoye, costeggiando il lato destro del Terek, per arrivare a Grozny. Soltanto qualche tempo da, conversando con un tizio che a quel tempo era un militante dell’opposizione, ho saputo che gli anti – dudaeviti avevano problemi a far passare l’equipaggiamento da quella strada, perché gli abitanti di Lomaz – Yurt (oggi Bratskoye) erano per la maggior parte sostenitori di Dudaev, e si opponevano armi in pugno al passaggio di armi contro il governo. Avturkhanov voleva controllare il ponte per poter usare la strada sulla sponda sinistra del Terek. Ma queste cose le ho sapute soltanto dopo. All’epoca non ne ero informato, e non capivo a cosa servisse questa prova di forza da parte dell’opposizione. 

Alla fine Avturkhanov desistette. Non ci fu alcun attacco. Gli avturkhanoviti si limitarono a minare il loro versante del ponte e a danneggiarlo, lasciando soltanto uno stretto passaggio pedonale. Quel giorno imparai a conoscere chi era con me: fui molto orgoglioso dei compagni che erano rimasti. Ad essere sincero, per me  queste due ore sono state forse le ore più difficili della mia vita. Le più difficili perché per la prima volta, dovetti prendere una decisione che avrebbe potuto produrre gravi conseguenze. A quei tempi i ceceni non erano così indifferenti allo spargimento di sangue dei loro compatrioti, non erano ancora induriti dall’odio dovuto alle differenze politiche!

Dopo la guerra, quando ero direttore del Servizio di Sicurezza Nazionale, seppi da un detenuto che il Consiglio Provvisorio aveva organizzato il Raid del 23 Agosto per tentare di impossessarsi dell’intero distretto. Il raid su Naur, fermato da Akhaev a Chernokozovo, avrebbe dovuto indurre la popolazione del distretto ad arrendersi, prendendo la milizia alle spalle mentre era impegnata a difendere i posti di blocco. Quello che gli strateghi di Avturkhanov non avevano considerato era il coraggio delle popolazioni di Naursk e di Mekenskaya. Si trattava di persone semplici, ma molto determinate, che con il loro coraggio fecero fallire il piano dei nostri avversari.

THE GENERAL OF NAUR – MEMORIES OF APTI BATALOV (PART I)

Introduction

Apti Batalov was born in Ilic, in the Kamensky District of Kazakhistan, on October 19, 1956. Police officer, in September 1994 he was appointed military commander of the districts of Naur and Nadterechny, and in this role he organized the armed militias destined to become one of the most well-known military units of the Chechen army, the Naursk Battalion. The unit would have distinguished itself in many battles, and Batalov himself would have become, at the end of the conflict, one of the main officials of the Chechen army, coming to lead the General Staff of the Armed Forces with the rank of Brigadier General and the National Security Service.

Batalov agreed to share his war memories with me.

Winds of war

On June 20, 1994, I was appointed head of the Ishcherskaya Village Police Department in the Naursk District. The village is located on the left bank of the Terek, the north-eastern part of the village borders the Stavropol Territory while to the south, on the other side of the river, about a kilometer and a half, is the village of Znamenskoye, which at the time was the headquarters of the opposition. The city is crossed by a railway that leads from Russia to Dagestan. The western part of the village hosted a terminal for the loading of oil and a pumping station, through which the crude was shipped to Russia. The road that entered Chechnya from the Stavropol Territory forked in two: one route continued eastwards, reaching Chervlennaya and from there continuing to Dagestan, in the north, and another one run up to Grozny, in the south. The other crossed the Terek by a bridge, crossed the Nadterechny District and then penetrated deep into the country. Being a border settlement and a crossroads of roads to and from Russia, Ishcherskaya was one of the busiest places for criminals in all of Chechnya – a sort of criminal transit point.

At the end of June 1994 the chief of the district police, Zaindi Pashaev, called me and introduced me to the district military commander sent from Grozny. I was told to make myself available to the Commander and to assist him in organizing checkpoints around Ishcherskaya. He did not present any documents confirming his position, neither then nor subsequently. He was a man of about 25, 28 years, about five feet tall, very dynamic, fast in his movements and physically strong. A young man, who I later learned was President Dudaev’s son-in-law, having married the daughter of a brother of the President. His name was Duta Muzaev. He actively went to work, and I followed his directions, helping in all that needed to be done. We set up two checkpoints, one on the Russian-Chechen border, in front of the village of Galyugaevskaya, the other on the left access of the bridge over the Terek, in front of Znamenskoye.

In those days, while we were building the checkpoints, mass anti-Chechen pogroms began in the territories adjacent to Chechnya, a boy named Pashaev was killed, self-styled “Cossacks of Kursk” (actually agents of the GRU and FSK) began to damaging the houses where the Chechens lived, they burned the farms where cows and sheep were kept. It was not difficult to understand that behind these pogroms and murders there were forces interested in creating chaos and inter-ethnic massacres between the Cossack and Chechen populations. Refugees began pouring into Chechnya. Meanwhile , Russian armed units began to carry out all kinds of provocations. Armed units entered their armored vehicles in the Naur District and, under armed threat, carried out “passport control” operations declaring: “You are in our territory, and you are Russian citizens”.

In the first days of August Muzaev told me that he had had a physical problem with the muscles of his spine, and that he would have to return to Grozny for treatment. He left, and never came back. Shortly after Muzaev’s departure, I was summoned to Grozny by Colonel Merzhuyev. On 16 September I joined him in the capital and he informed me that due to the worsening of the situation on the borders of Ichkeria, since the Naursk District is located at the northern limit of the Republic, I had been recommended to the President to take the place of Military Commander in that district, and in the neighboring district of Nadterechny. To be honest this news surprised me, and shocked me, because it was clear that a war was about to break out between Russia and Chechnya. The Naur region was the most vulnerable, being on the border. After listening to Merzhuyev, I asked him: Don’t you really have a person more experienced than me for this position? I told him that I was absolutely not trained in military affairs, and that I had no idea how to play the role of military commander in these regions, especially in the Nadterechny District, which is almost entirely under the control of the opposition. Merzhuyev replied: Tell the President all this.

We went to meet the President, who received us after a short anteroom. It was my first meeting with Dudaev. He was dressed in civilian clothes, and he looked intelligent and serious. He asked me some not very important questions, after which he asked me: You have been recommended to me for the position of District Commander. Well, are you able to hold it? I was hoping that Merzhuyev would join the conversation, but looking at him I realized that he would remain silent. I’ll do whatever it takes, I replied. Dudaev did not detain us any longer, and dismissed us. Before leaving, Merzhuyev wrote an appointment order by hand, said he would send it to the Naur District Prefect, Aindi Akhaev, so that he would learn of the appointment and order his officials to carry out my orders. I had just become the first regional military commander in the history of Ichkeria. From that day on, my path was the struggle for Chechnya’s independence, which eventually led me to England.

Aindi Akhaev

Military Commander

Back in Naur, I started mobilizing volunteers for checkpoint service. People answered my call: they were ordinary Chechen boys, simple agricultural workers, yet they were people of great dignity, and with a deep sense of honor. Most of them were unarmed, some carrying shotguns, knives or daggers with them. My frequent appeals to Headquarters were eventually crowned with success, and they promised me from Grozny that they would send 10 AK-74 firearms. I thought I would get the guns from the State Security Department, but Geliskhanov, who at the time he led the department, found a different reason each time not to send the guns, and went on for about a month. When the weapons were finally delivered, I saw that they were old, worn, firearms, some even missing some parts. I had to sort it out differently, so I requisitioned the armory of the Naur Police Department. We managed to collect more than twenty AK 5.45 assault rifles, an RPK 5.45 machine gun, two PK – 7.62, two RPG grenade launchers, an automatic grenade launcher and a sniper rifle. I distributed all these weapons among the militia men on duty at the Checkpoints, and so we put on a well-armed force, able to counter the armed opposition deployed in Znamenskoye and the bandits who tried to penetrate taking advantage of the chaos. In addition to this, I formed local teams recruited from the residents of each village. We began holding gatherings in all the settlements in the region, leaving the residents to appoint their own commanders. These makeshift officers were the directors of state agricultural farms and other local businesses. In particular, they provided us with radio stations with which they were used to communicating with the district authorities. A person who specialized in these things helped us to establish communications, so that all units were coordinated with each other.

The summer and autumn of 1994 in Chechnya saw many social and political events. The Opposition has become more active in the districts of Urus – Martan, Gudermes and Grozny. In the village of Znamenskoye the armed groups of Labazanov and Gantemirov gathered, while the Cossacks of the Naur and Shelkov districts took action, sending delegations to Stavropol asking to annex the entire left bank of the Terek to Russia. Realizing that any public demonstration in support of this proposal would give courage and determination to the local opponents and the Cossacks, to prevent this from happening, I began to seek contacts to organize secret meetings with the leaders of the Chechen and Cossack opposition. I used to go to their house and there, over a cup of tea or vodka, I would say to them: If you want to gather, go to Znamenskoye, I promise you that none of your family will be punished for this. But if you start moving from that area, no one will be safe, not even you. They replied that they would not give in to my threats, but in the end no one in the Naur District spoke out against Dudaev in a public demonstration. A big help came from the district prefect, Aindi Akhaev, who was a very brave man and a devoted supporter of President Dudaev. The fortunate coexistence of these factors, in the end, determined the fact that the District of Naur remained loyal to Ichkeria until the end!

Umar Avturkhanov, leader dell’opposizione antidudaevita

Adding fuel to the fire

In the fall of 1994, enemy special services intensified their subversive activities throughout Ichkeria. In Grozny, terrorist attacks and all kinds of provocations began to occur frequently: the Russians actively sought to create an atmosphere of fear, panic and chaos throughout the Republic, while in several areas the so-called “opposition” declared with increasing certainty that they would not recognize the central government. Of course, the Naur District was also under attack from the special services. Several high-profile murders took place in the area, such as two Naurskaya residents, both of Cossack ethnicity, killed on the Tersky state farm. I, together with the district police chief, went to the scene of the crime: the murder had been committed with demonstrative cruelty, the victims’ stomachs had been slashed, and the bowels had been made out of the corpses. At the crime scene a trace was perfectly visible, as if it had been left on purpose, leading to a boy’s home: clothes smeared with blood, rubber boots with blood on the soles and other evidence clearly framing the young man.

However, something was not clear: the alleged perpetrator was a physically very weak, mentally unstable 17-18 year old boy. Furthermore, if the traces leading from the place where the bodies were found to his home were evident, there was no trace that led to the place where these people had been killed. It was obvious that this boy had been brought onto the scene by someone else, in order to be used as a scapegoat. When I asked the chief of the district police a few days later how the investigation was proceeding, he replied that because the district attorney had refused to arrest the suspect, the detainee had been released from custody. I was sure that the Russian special services were behind this crime, who were interested in creating a rift between Cossacks and Chechens, using the pretext of “genocide” to incite the former against the latter and provoke the secession of the northern districts from Chechnya.

Later, these suspicions of ours were proved by facts. The news of the brutal murder spread throughout the region with incredible speed, the Cossacks gathered in Naurskaya and demanded that the guilty be found, tried and sentenced. Aindi Akhaev met many of them, explained to them who the instigators of these murders were, and the Cossacks realized that the Russian government didn’t care about them at all, but was interested in using them as tools to provoke an inter-ethnic massacre. I too, present at this meeting, spoke in support of the Prefect’s version. Finally, thanks to him, the Naur region was spared from violence.

автоматический перевод на русский

ГЕНЕРАЛ НАУРА – ВОСПОМИНАНИЯ АПТИ БАТАЛОВА (ЧАСТЬ I)

Введение

Апти Баталов родился 19 октября 1956 года в селе Илыч Каменского района Казахстана. Офицер полиции, в сентябре 1994 года назначен военным комендантом Наурского и Надтеречного районов, и в этой роли организовывал вооруженные формирования, предназначенные для стать одной из самых известных воинских частей чеченской армии, Наурским батальоном. Подразделение отличилось бы во многих боях, а сам Баталов стал бы по окончании конфликта одним из главных чинов чеченской армии, придя возглавить Генеральный штаб Вооруженных Сил в звании бригадного генерала. и Служба национальной безопасности.

Баталов согласился поделиться со мной своими военными воспоминаниями.

Ветры войны

20 июня 1994 года я был назначен начальником Ищерского РОВД Наурского района. Село расположено на левом берегу Терека, северо-восточная часть села граничит со Ставропольским краем, а южнее, по другую сторону реки, примерно в полутора километрах, находится село Знаменское, который в то время был штабом оппозиции. Город пересекает железная дорога, ведущая из России в Дагестан. В западной части поселка находился терминал по отгрузке нефти и насосная станция, через которую нефть отгружалась в Россию. Дорога, въезжавшая в Чечню со стороны Ставропольского края, разветвлялась на две части: одна шла на восток до Червленной и оттуда в Дагестан на севере, а другая доходила до Грозного на юге. Другая по мосту пересекла Терек, пересекла Надтеречный район и затем проникла в глубь страны. Будучи пограничным поселком и перекрестком дорог в Россию и из России, Ищерская была одним из самых оживленных мест криминала во всей Чечне — этаким криминальным перевалочным пунктом.

В конце июня 1994 г. мне позвонил начальник районной милиции Заинди Пашаев и представил присланному из Грозного окружному военачальнику. Мне сказали явиться к командиру и помочь ему в организации блокпостов вокруг Ищерской. Никаких документов, подтверждающих его позицию, он не предъявлял ни тогда, ни впоследствии. Это был мужчина лет 25-28, ростом около пяти футов, очень динамичный, быстрый в движениях и крепкий физически. Молодой человек, как я потом узнал, был зятем президента Дудаева, женившимся на дочери брата президента. Звали его Дута Музаев. Он активно брался за работу, а я следовала его указаниям, помогая во всем, что нужно было делать. Поставили два блокпоста, один на российско-чеченской границе, перед станицей Галюгаевской, другой на левом подъезде к мосту через Терек, перед Знаменским.

В те дни, пока мы строили блокпосты, на прилегающих к Чечне территориях начались массовые античеченские погромы, был убит мальчик по имени Пашаев, самозваные «казаки Курска» (на самом деле агенты ГРУ и ФСК) начали повредив дома, в которых жили чеченцы, они сожгли фермы, где содержались коровы и овцы. Нетрудно было понять, что за этими погромами и убийствами стояли силы, заинтересованные в создании хаоса и межнациональных погромов между казачьим и чеченским населением. Беженцы начали прибывать в Чечню. Тем временем российские вооруженные формирования начали проводить всевозможные провокации. Вооруженные формирования въехали на своей бронетехнике в Наурский район и под угрозой оружия провели операцию «паспортный контроль», заявив: «Вы находитесь на нашей территории, и вы – граждане России».

В первых числах августа Музаев сказал мне, что у него физически возникли проблемы с мышцами позвоночника, и что ему придется вернуться в Грозный для лечения. Он ушел и больше не вернулся. Вскоре после отъезда Музаева меня вызвал в Грозный полковник Мержуев. 16 сентября я присоединился к нему в столице, и он сообщил мне, что в связи с ухудшением обстановки на границах Ичкерии, поскольку Наурский район находится на северной окраине республики, я рекомендован Президенту принять место Военкомата в этом районе и в соседнем Надтеречном районе. Честно говоря, эта новость меня удивила и шокировала, потому что было ясно, что вот-вот разразится война между Россией и Чечней. Наурский район был самым уязвимым, находясь на границе. Выслушав Мержуева, я спросил его: неужели у вас нет на эту должность человека более опытного, чем я? Я сказал ему, что я совершенно не обучен военному делу и понятия не имею, как играть роль военного коменданта в этих районах, особенно в Надтеречном районе, который почти полностью находится под контролем оппозиции. Мержуев ответил: Расскажите обо всем этом Президенту.

Мы пошли встречать президента, который принял нас после короткой приемной. Это была моя первая встреча с Дудаевым. Он был одет в штатское, выглядел интеллигентным и серьезным. Он задал мне несколько не очень важных вопросов, после чего спросил: Вы мне рекомендованы на должность командующего округом. Ну, ты в состоянии держать его? Я надеялся, что Мержуев присоединится к разговору, но, глядя на него, понял, что он будет молчать. Я сделаю все, что потребуется, — ответил я. Дудаев больше нас не задерживал и отпустил. Перед отъездом Мержуев написал от руки приказ о назначении, сказал, что направит его префекту Наурского района Айнди Ахаеву, чтобы тот узнал о назначении и приказал своим чиновникам выполнить мои распоряжения. Я только что стал первым в истории Ичкерии областным военачальником. С этого дня моим путем стала борьба за независимость Чечни, которая в конце концов привела меня в Англию.

Военный командующий

Вернувшись в Наур, я начал мобилизовывать добровольцев для обслуживания блокпостов. На мой зов откликнулись люди: это были обычные чеченские мальчишки, простые сельскохозяйственные рабочие, но люди большого достоинства, с глубоким чувством чести. Большинство из них были безоружны, некоторые несли с собой дробовики, ножи или кинжалы. Мои частые обращения в Ставку в итоге увенчались успехом, и из Грозного мне пообещали прислать 10 автоматов АК-74. Я думал, что получу оружие из ОГБ, но Гелисханов, который в то время руководил управлением, каждый раз находил разные причины не присылать ружья, и ездил около месяца. Когда оружие, наконец, доставили, я увидел, что оно старое, изношенное, огнестрельное, у некоторых даже не хватает некоторых частей. Пришлось разбираться по-другому, поэтому я реквизировал арсенал Наурского полицейского управления. Нам удалось собрать более двадцати автоматов АК 5,45, пулемет РПК 5,45, два ПК-7,62, два гранатомета РПГ, автоматический гранатомет и снайперскую винтовку. Все это оружие я раздал милиционерам, дежурившим на блокпостах, и таким образом мы сформировали хорошо вооруженный отряд, способный противостоять вооруженной оппозиции, дислоцированной в Знаменском, и бандитам, пытавшимся проникнуть, воспользовавшись хаосом. Кроме того, я сформировал местные команды, набранные из жителей каждой деревни. Мы начали проводить сходы во всех населенных пунктах района, предоставив жителям самим назначать себе командиров. Эти импровизированные офицеры были директорами совхозов и других местных предприятий. В частности, они предоставили нам радиостанции, с помощью которых они привыкли общаться с районными властями. Человек, который специализировался на этих вещах, помог нам наладить связь, чтобы все подразделения были согласованы друг с другом.

Летом и осенью 1994 года в Чечне произошло много общественно-политических событий. Оппозиция активизировалась в районах Уруса – Мартановском, Гудермесском и Грозненском. В селе Знаменском собрались вооруженные отряды Лабазанова и Гантемирова, а казаки Наурского и Шелковского уездов выступили, направив в Ставрополь делегации с просьбой присоединить к России весь левый берег Терека. Понимая, что любая публичная демонстрация в поддержку этого предложения придаст мужества и решимости местным противникам и казакам, чтобы этого не произошло, я стал искать контакты для организации тайных встреч с лидерами чеченской и казачьей оппозиции. Бывало, я прихожу к ним домой и там за чашкой чая или водки говорю им: если хотите собраться, езжайте в Знаменское, обещаю вам, что никто из вашей семьи не будет за это наказан. Но если вы начнете двигаться из этой области, никто не будет в безопасности, даже вы. Они ответили, что не поддадутся на мои угрозы, но в итоге никто в Наурском районе не выступил против Дудаева на публичной демонстрации. Большую помощь оказал префект района Айнди Ахаев, очень храбрый человек и преданный сторонник президента Дудаева. Удачное сосуществование этих факторов, в конечном итоге, определило тот факт, что Наурский округ до конца остался верен Ичкерии!

Добавление масла в огонь

Осенью 1994 года спецслужбы противника активизировали диверсионную деятельность по всей Ичкерии. В Грозном участились теракты и разного рода провокации: русские активно стремились создать атмосферу страха, паники и хаоса по всей республике, а в ряде районов так называемая «оппозиция» со все большей уверенностью заявляла, что они не признавал центральную власть. Конечно, Наурский район также подвергся обстрелу со стороны спецслужб. В этом районе произошло несколько громких убийств, например, двое жителей Наурской, оба казачьей национальности, убиты в совхозе «Терский». Я вместе с участковым полицмейстером выехал на место преступления: убийство совершено с демонстративной жестокостью, животы жертв вскрыты, из трупов сделаны кишки. На месте преступления был прекрасно виден след, как будто специально оставленный, ведущий к дому мальчика: одежда, перепачканная кровью, резиновые сапоги с кровью на подошвах и другие улики, явно подставлявшие молодого человека .

Однако что-то было непонятно: предполагаемый преступник был физически очень слабым, психически неуравновешенным парнем 17-18 лет. Кроме того, если следы, ведущие от места, где были обнаружены тела, к его дому, были очевидны, то не было никаких следов, ведущих к месту, где были убиты эти люди. Было очевидно, что этого мальчика привел на сцену кто-то другой, чтобы использовать его в качестве козла отпущения. Когда через несколько дней я спросил начальника районной полиции, как продвигается следствие, он ответил, что из-за отказа окружного прокурора задержать подозреваемого задержанный был освобожден из-под стражи. Я был уверен, что за этим преступлением стоят российские спецслужбы, заинтересованные в том, чтобы создать раскол между казаками и чеченцами, под предлогом «геноцида» настроить первых против вторых и спровоцировать отделение северных районов от Чечни.

Позднее эти наши подозрения подтвердились фактами. Весть о зверском убийстве с невероятной скоростью разнеслась по округе, казаки собрались в Наурской и потребовали найти виновного, судить и осудить. Айни Ахаев познакомился со многими лотосами, объяснил им, кто был зачинщиком этих убийств, и казаки поняли, что российское правительство вообще не заботится о них, а заинтересовано в том, чтобы использовать их как инструменты для провоцирования межнациональной бойни. Я тоже, присутствовавший на этом собрании, высказался в поддержку версии префекта. Наконец, благодаря ему Наурский край был избавлен от насилия.

TRADUZIONE IN ITALIANO

IL GENERALE DI NAUR – MEMORIE DI APTI BATALOV (PARTE I)

Introduzione

Apti Batalov è nato ad Ilic, nel Distretto di Kamensky, il 19 Ottobre 1956. Funzionario di polizia, nel Settembre del 1994 fu nominato comandante militare dei distretti di Naur e di Nadterechny, ed in questa veste organizzò le milizie armate destinate a diventare una delle più note unità militari dell’esercito ceceno, il Battaglione Naursk. L’unità si sarebbe distinta in molte battaglie, dalla difesa di Grozny, nel 1995, alla sua riconquista, l’anno successivo, lo stesso Batalov sarebbe diventato, alla fine del conflitto, uno dei principali funzionari dell’esercito ceceno, giungendo a guidare lo Stato Maggiore delle Forze Armate col grado di Generale di Brigata.

Ho contattato Batalov di mia iniziativa, per raccogliere i suoi ricordi di guerra, e lui ha accettato di condividerle con me.

Venti di guerra

Il 20 Giugno 1994 fui nominato capo del dipartimento di polizia del villaggio di Ishcherskaya, nel Distretto di Naursk. Il villaggio è situato sulla riva sinistra del Terek, la parte nordorientale del villaggio confina con il Territorio di Stavropol mentre a Sud, dall’altra parte del fiume, a circa un chilometro e mezzo, è situato il villaggio di Znamenskoye, che all’epoca era il quartier generale dell’opposizione. Una volta Ishcherskaya era un grande insediamento cosacco, ma a quel tempo non c’erano più di dieci famiglie di cosacchi del Terek. Ishcherskaya è attraversata da una ferrovia che porta dalla Russia al Daghestan. Infine, la parte occidentale del villaggio ospitava un terminal per il carico  del petrolio ed una stazione di pompaggio, tramite la quale il greggio veniva spedito in Russia. All’altezza della cittadina, la strada che dal Territorio di Stavropol entrava in Cecenia si biforcava in due: una rotta proseguiva verso est, raggiungendo Chervlennaya e da qui proseguendo fino in Daghestan, a nord, e fino a Grozny, a sud. L’altra attraversava il Terek tramite un ponte, attraversava il Distretto di Nadterechny per poi penetrare in profondità nel Paese. Trattandosi di un insediamento di frontiera e di un crocevia di strade da e per la Russia, Ishcherskaya era uno dei posti più affollati da criminali in tutta la Cecenia: una sorta di punto di transito criminale.

Alla fine di Giugno del 1994 il capo della polizia distrettuale, Zaindi Pashaev, mi chiamò e mi presentò al comandante militare del distretto inviato da Grozny. Mi fu detto di mettermi a disposizione del Comandante e di affiancarlo nell’organizzazione di posti di blocco nei dintorni di Ishcherskaya. Egli non presentò nessun documento che confermasse la sua posizione, né allora né successivamente. Era un uomo di circa 25, 28 anni, alto circa un metro e settanta, molto dinamico, veloce nei movimenti e fisicamente forte. Un uomo giovane, che più tardi capii essere il genero del Presidente Dudaev, avendo sposato la figlia di un fratello del Presidente. Si chiamava Duta Muzaev. Egli si mise attivamente al lavoro, ed io eseguii le sue indicazioni, aiutando in tutto ciò che doveva essere fatto. Mettemmo su due posti di blocco, uno sul confine russo – ceceno, di fronte al villaggio di Galyugaevskaya, l’altro sull’accesso sinistro del ponte sul Terek, di fronte a Znamenskoye.

In quei giorni, mentre stavamo realizzando i checkpoint, nei territori limitrofi alla Cecenia iniziarono pogrom anti – ceceni di massa, un  ragazzo di nome Pashaev fu ucciso, sedicenti “Cosacchi di Kursk” (in realtà agenti del GRU e dell’FSK) iniziarono a danneggiare le case dove vivevano i ceceni, bruciarono le fattorie dove venivano tenute mucche e pecore. Non era difficile capire che dietro a questi pogrom e omicidi c’erano forze interessate a creare caos e massacri interetnici tra la popolazione cosacca e quella cecena. I rifugiati iniziarono ad affluire in Cecenia. Nel frattempo reparti armati russi iniziarono a compiere ogni tipo di provocazione. Unità armate penetrarono sui loro veicoli blindati nel Distretto di Naur e, sotto minaccia armata, portarono avanti operazioni di “controllo passaporti” dichiarando: “Siete nel nostro territorio, e siete cittadini russi”.

Nei primi giorni di Agosto Muzaev mi disse che aveva avuto un problema fisico ai muscoli della spina dorsale, e che avrebbe dovuto tornare a Grozny per curarsi. Se ne andò, e non tornò più. Poco dopo la partenza di Muzaev, venni convocato a Grozny dal Colonnello Merzhuyev. Il 16 Settembre lo raggiunsi nella capitale e questi mi informò che a causa dell’aggravarsi della situazione ai confini di Ichkeria, essendo il Distretto di Naursk posto al limite settentrionale della Repubblica, ero stato raccomandato al Presidente per prendere il posto di Comandante Militare in quel distretto, e nel vicino distretto di Nadterechny. Ad essere onesti questa notizia mi sorprese, e mi sconvolse, perché era chiaro che tra Russia e Cecenia stesse per scoppiare una guerra. La regione di Naur era il più vulnerabile, essendo al confine. Dopo aver ascoltato Merzhuyev, gli chiesi: Davvero non avete una persone più esperta di me per questa posizione? Gli dissi che non ero assolutamente preparato negli affari militari, e che non avevo idea di come svolgere il ruolo di comandante militare in queste regioni, specialmente nel Distretto di Nadterechny, quasi totalmente sotto il controllo dell’opposizione. Merzhuyev mi rispose: Di’ tutto questo al Presidente. Andammo a colloquio dal Presidente, il quale ci ricevette dopo una breve anticamera. Fu il mio primo incontro con Dudaev. Era vestito in abiti civili, e si mostrò intelligente e serio. Mi fece alcune domande non molto importanti, dopo di che mi chiese: Mi sei stato raccomandato per la posizione di Comandante di Distretto. Bene, sei in grado di tenerla? Speravo che Merzhuyev si unisse alla conversazione, ma guardandolo realizzai che sarebbe rimasto in silenzio. Farò tutto ciò che serve, risposi. Dudaev non ci trattenne oltre, e ci congedò. Prima di uscire, Merzhuyev scrisse a mano un ordine di nomina, disse che lo avrebbe inviato al Prefetto del Distretto di Naur, Zayndi Akhaev, in modo tale che questi venisse a conoscenza della nomina e ordinasse ai suoi funzionari di eseguire i miei ordini. Ero appena diventato il primo comandante militare regionale della Storia di Ichkeria. Da quel giorno la mia strada fu la lotta per l’indipendenza della Cecenia, la quale, alla fine, mi ha portato in Inghilterra.

Comandante Militare

Tornato a Naur, inziai a mobilitare volontari per il servizio ai checkpoint. Le persone risposero alla mia chiamata: si trattava di ragazzi ceceni ordinari, semplici lavoratori agricoli, eppure erano persone di grande dignità, e con un profondo senso dell’onore. Erano quasi tutti disarmati, qualcuno portò con sé fucili da caccia, coltellacci o pugnali. I miei frequenti appelli al Quartier Generale furono infine coronati dal successo, e da Grozny mi promisero che avrebbero inviato 10 armi da fuoco AK – 74. Pensavo che avrei avuto le armi dal Dipartimento per la Sicurezza dello Stato, ma Geliskhanov, che a quel tempo guidava il dipartimento, trovava ogni volta una ragione diversa per non inviare la armi, e tirò avanti la cosa per circa un mese. Quando poi le armi, finalmente, furono consegnate, vidi che erano vecchie, logore, armi da fuoco, alcune mancanti addirittura di alcune parti. Dovetti risolvere la cosa in altro modo, così requisii l’armeria del Dipartimento di Polizia di Naur. Riuscimmo a raccogliere così più di venti fucili d’assalto AK 5.45, una mitragliatrice RPK 5.45, due PK – 7.62, due lanciagranate RPG un lanciagranate automatico ed un fucile da cecchino. Distibuii  tutte queste armi tra gli uomini della milizia in servizio ai Checkpoint, e così mettemmo su una forza ben armata, in grado di contrastare l’opposizione armata schierata a Znamenskoye ed i banditi che tentavano di penetrare approfittandosi del caos. Oltre a questo, costituii squadre locali reclutate dai residenti di ogni villaggio. Iniziammo a tenere raduni in tutti gli insediamenti della regione, lasciando ai residenti il compito di nominare i propri comandanti. Questi ufficiali improvvisati erano i direttori delle fattorie agricole di stato e di altre imprese locali. Ci fornirono in particolare le stazioni radio con le quali erano abituati a comunicare con le autorità del distretto. Una persona specializzata in queste cose ci aiutò a stabilite le comunicazioni, in modo tale che tutte le unità fossero coordinate tra loro.

L’estate e l’autunno del 1994 in Cecenia hanno visto molti eventi sociali e politici. L’Opposizione è diventata più attiva nei distretti di Urus – Martan, Gudermes e Grozny. Nel villaggio di Znamenskoye i gruppi armati di Labazanov e di Gantemirov si radunavano, mentre i cosacchi dei distretti di Naur e di Shelkov si attivarono, inviando delegazioni a Stavropol le quali chiedevano di annettere alla Russia tutta la riva sinistra del Terek. Comprendendo che qualsiasi manifestazione pubblica a supporto di questa proposta avrebbe dato coraggio e determinazione agli oppositori locali ed ai cosacchi, per evitare che ciò avvenisse ho iniziato a cercare contatti per organizzare incontri segreti con i capi dell’opposizione cecena e cosacca. Solitamente mi recavo a casa loro e là, davanti ad una tazza di te o a una vodka, dicevo loro: Se volete radunarvi, andate a Znamenskoye, ti prometto che nessuno della tua famiglia sarà punito per questo. Ma se iniziate a muovervi da quella zona, nessuno sarà in salvo, nemmeno tu. Loro rispondevano che non avrebbero ceduto alle mie minacce, ma alla fine nessuno, nel Distretto di Naur, si pronunciò contro Dudaev in una manifestazione pubblica. Un grosso aiuto mi arrivò dal Prefetto del distretto, Aindi Akhaev, che era un uomo davvero coraggioso ed un sostenitore devoto del Presidente Dudaev. La fortunata compresenza di questi fattori, alla fine, determinò il fatto che il Distretto di Naur rimase fedele ad Ichkeria fino alla fine!

L’ANGELO NERO SULLE MONTAGNE: LA BATTAGLIA DELLA GOLA DI KERIGO

DA KOMSOMOLSKOYE A PANKISI

A seguito della Battaglia di Komsomolskoye (5 – 20 Marzo 2000) Ruslan Gelayev, uno dei più audaci ed agguerriti comandanti dell’esercito della ChRI, riparò in Georgia con i resti delle sue unità, trovando riparo in una piccola gola abitata prevalentemente da Ceceni, la celebre Gola di Pankisi. Qui “L’angelo nero” installò il suo quartier generale, raccogliendo reduci e fuggiaschi ed instaurando una sorta di piccolo potentato personale, dal quale avrebbe più volte avviato campagne militari in Cecenia, in Inguscezia ed in Abkhazia.

Uomini di Gelayev si arrendono ai federali al termine della Battaglia per Komsomolskoye (2000)

Giunto a Pankisi nell’autunno del 2000, Gelayev passò tutto l’anno successivo a ricostituire le sue forze, abbandonando apparentemente il campo di battaglia e subendo, per questo, il biasimo del Presidente Maskhadov, il quale lo privò di tutti i suoi poteri e lo degradò con formale decreto. Fino alla primavera del 2002 il comandante ceceno rimase a Pankisi, studiando il modo migliore per tornare in Cecenia. Il rientro sul campo di battaglia era possibile soltanto attraverso l’Inguscezia (strada che aveva già percorso nel 2000, quando si era ritirato) o tramite la gola di Kerigo, la quale collegava direttamente Pankisi alla cittadina cecena di Baskhoy. Il primo percorso era più agevole, ma anche più pericoloso: durante la ritirata Gelayev  aveva perduto decine di uomini, trovandosi spesso in campo aperto sotto il fuoco dell’aereonautica federale ed incalzato dai mezzi blindati di Mosca. Inoltre, una volta arrivati in Cecenia, i gelayeviti avrebbero dovuto aprirsi un varco dalle pianure verso le montagne, rischiando di essere facilmente intercettati e distrutti. Il passaggio montano attraverso Kerigo appariva più sicuro, ma d’altra parte era molto più difficile da affrontare: non esistevano strade carrabili sicure (l’unica strada di una certa portanza era la Itum –  Khale / Shatili, stabilmente occupata dai russi fin dalla fine del 1999 – Per approfondire LEGGI QUI) e gli uomini di Gelayev avrebbero dovuto affrontare la traversata a piedi, trasportando in spalla, o a dorso di mulo, tutto ciò che sarebbe servito loro. D’altra parte, una volta sbucati in Cecenia, i Gelayeviti si sarebbero trovati in posizioni più favorevoli, ed avrebbero potuto facilmente ricongiungersi con gli uomini di Maskhadov che ancora combattevano nel sud montagnoso.

Militanti avanzano nella neve

LA VIA DELLE MONTAGNE

A confortare l’ipotesi di un passaggio attraverso le montagne c’era un felice precedente:  nell’estate del 2001 un altro comandante di campo, Magomed Tsagaraev, era riuscito a passare da Pankisi alla Cecenia attraverso la Gola dello Sharoargun, poco distante da Kerigo, con un gruppo di 60 uomini. La traversata non era stata facile, e le guardie di frontiera russe avevano intercettato ed ucciso alcuni dei suoi, ma Tsagaraev era comunque riuscito a passare con quasi tutti i suoi effettivi, raggiungendo con successo la zona di combattimento (salvo poi finire ucciso in una sparatoria poche settimane dopo). Gelayev era convinto di poter aprire una vera e propria rotta montana attraverso la quale far affluire alla spicciolata piccoli gruppi di 40/50 militanti per volta, eludendo la debole sorveglianza offerta dai servizi di frontiera federali (i quali avevano grosse difficoltà ad operare efficacemente in quell’area così brulla e frastagliata) e portando centinaia di uomini sulle montagne cecene entro l’inverno.

Nei mesi precedenti  il comandante ceceno inviò parecchie pattuglie in ricognizione, con lo scopo di mappare la posizione delle guardie di frontiera e seguire i loro spostamenti. Durante una di queste ricognizioni una pattuglia di Gelayev fu intercettata dai federali: i militanti si qualificarono come cacciatori, ma il fatto che fossero armati con fucili mitragliatori rese chiaro quale fosse lo scopo delle loro “battute di caccia”. I federali ebbero così piena consapevolezza che Gelayev stesse organizzando qualcosa, ed intensificarono la sorveglianza. Ciononostante l’Angelo Nero decise di procedere ugualmente, e nei primi giorni di Luglio guidò il primo distaccamento sulle montagne. La presenza dei gelayeviti non passò inosservata, ed il 21 Luglio i ceceni furono avvistati: con loro portavano armi da guerra, lanciagranate e perfino armi portatili terra – aria. Il 27 Luglio un primo reparto federale composto da una ventina di uomini, agli ordini del Maggiore Popov, intercettò una pattuglia avanzata cecena e si mosse a neutralizzarla. Il comando federale supportò l’azione inviando elicotteri da combattimento, e nel giro di poche ore combattimenti si accesero in tutta la gola. Popov aveva sottostimato l’entità delle forze nemiche, pensando di trovarsi davanti al massimo una decina di militanti, ma il rabbioso fuoco di risposta che ricevette, diretto anche contro gli elicotteri, rese presto chiaro che Gelayev aveva portato con sé svariate decine di uomini.

Ruslan Gelayev (al centro, in nero) circondato dai suoi uomini

LA BATTAGLIA

Non potendo procedere oltre per via della accanita resistenza dei militanti, Popov, optò per assumere una posizione difensiva e chiamare rinforzi: nel giro di alcune ore giunsero sul campo di battaglia alcune unità di mortaio che presero a bombardare le posizioni tenute dai gelayeviti. Il bombardamento fu efficace, e nel giro di poche ore produsse lo sbandamento della forza cecena. I russi presero ad avanzare, raggiunsero le posizioni nemiche e le assaltarono, prendendo cinque prigionieri e rinvenendo i resti di parecchi militanti. I prigionieri confermarono che la loro unità, composta da una venticinquina di uomini era l’avanguardia di un gruppo più corposo. I federali catturarono parecchie armi di ottima fattura, tra le quali 5 MANPADS.

Era chiaro che il reparto che era stato attaccato e distrutto dai russi non era né l’unico, né il più consistente, così le truppe federali continuarono ad affluire in zona, tentando di intercettare gli altri. Stavolta, tuttavia, le bande di Gelayev erano penetrate nei boschi circostanti la gola, e per stanarli sarebbe servita una lunga caccia all’uomo senza la copertura dell’artiglieria e dell’aereonautica. Reparti russi e ceceni si scontrarono nelle ore seguenti, in un complesso gioco di imboscate e sganciamenti durante il quale i reparti avversari giunsero a scontrarsi a distanza molto ravvicinata. In uno di questi scontri lo stesso Maggiore Popov rimase ucciso, probabilmente da un colpo di cecchino. Al calar del sole, Gelayev capì che anche se fosse riuscito ad aver ragione delle truppe federali (le quali, comunque continuavano ad affluire copiosamente) non avrebbe avuto alcuna possibilità di uscire dalla gola. Avendo perduto l’effetto sorpresa, e non potendo competere con i federali in campo aperto, decise quindi di far ritorno a Pankisi.

Mitragliere di Gelayev

Al termine della battaglia giacevano sul campo di battaglia almeno 25 militanti. Per parte sua l’esercito di Mosca aveva patito 8 morti e 7 feriti. Nei giorni seguenti i russi tentarono di intercettare i gelayeviti in ritirata, e secondo quanto dichiarato dal comando federale un altro contingente ceceno fu individuato, attaccato e distrutto prima che riuscisse ad attraversare il confine. Il fallimento dell’operazione convinse Gelayev a rientrare in Cecenia attraverso l’Inguscezia.

FREEDOM OR DEATH! BOOK IN ENGLISH AVAILABLE ON AMAZON

We are pleased to announce that the English version of the book is now available on Amazon. “Freedom or Death – History of the Chechen Republic of Ichkeria!” is available in both print and e-book format.

For this second edition we have decided, given the length of the work, to organize its publication in five volumes: today we present the first, “From Revolution to War (1991 – 1994)”.

The volume consist in 400 pages, and contains a complete reviewof the events that occurred in Chechnya from the birth of the Chechen National Congress to the First Chechen War.

Enjoy the reading!





DUDAEV IN AFGHANISTAN: VERITA’ O MENZOGNA?

IL MITO DI DUDAEV

Una delle storie più controverse riguardo i leader della Repubblica Cecena di Ichkeria riguarda il suo primo (e più celebre) presidente, Dzhokhar Dudaev. La sua figura è stata oggetto di attenzioni uguali e contrarie: i suoi oppositori lo demonizzarono, disegnandolo come un piccolo tiranno corrotto, privo di scrupoli morali e lontanissimo dai valori religiosi che dichiarava di possedere. Parimenti, i suoi sostenitori e nostalgici costruirono intorno a lui un mito, esaltandone la figura di campione dell’indipendenza e di paladino della libertà. Certamente Dudaev fu un personaggio eccentrico, dai forti tratti caratteriali, capace di suscitare la più grande ammirazione come la peggior antipatia. Al pari di molti leader nazionalpopolari la sua figura assunse talvolta tratti così peculiari da risultare grottesca, eppure ancora oggi migliaia di ceceni ( e sono solo) lo considerano un punto di riferimento, e in alcuni paesi come l’Estonia (dove prestò servizio militare) e la Turchia lo celebrano intitolandogli spazi pubblici o targhe commemorative.

Tra le tante storie che circolano riguardo a Dudaev, una in particolare ha destato l’attenzione dei giornalisti di allora e degli storici di oggi. Secondo quanto dichiarato nel 1994 dall’allora Ministro della Difesa russo, Pavel Grachev, egli avrebbe operato come Generale dell’Aviazione durante la Guerra in Afghanistan, distinguendosi per lo zelo con il quale avrebbe bombardato le posizioni dei mujahideen (ed i loro villaggi) almeno in due occasioni. Per parte sua, Dudaev negò sempre la sua presenza in Afghanistan, dichiarando che a quel tempo svolgeva i suoi compiti in Turkmenistan, lavorando alla formazione morale ed alla disciplina dei reparti.

Quale fosse il motivo per il quale Grachev rispolverò questa storia è evidente: l’Afghanistan è un paese islamico, e come stava per accadere alla Cecenia, anche l’Afghanistan era stato invaso dalle truppe di Mosca. Presentare Dudaev come un “massacratore di musulmani” era funzionale a indebolire la fiducia dei separatisti nel loro campione. Ma quanto di vero c’è nelle parole di Grachev? D’altra parte, per motivi ugualmente evidenti e di opposto interesse, anche Dudaev aveva i suoi motivi per negare ogni coinvolgimento. Cercheremo, per quanto possibile, di fare luce su questa storia.

Funerali di Dzhokhar Dudaev a Grozny, 25 Aprile 1996

LE PROVE

Gli articoli inerenti questa storia citano un documento ufficiale (che la redazione non è tuttavia riuscita a reperire)  che sarebbe un estratto del fascicolo militare di Dudaev. In questo estratto, corrispondente al periodo 1988 – 1989, sarebbero iscritte tre sortite di bombardamento sulle città afghane di Jalalabad, Ghazni e Gardez, durante le quali sarebbero state sganciate 1160 bombe FAB3000 e 56 bombe FAB1500. Il documento citerebbe anche il tentativo di Dudaev di ridurre al minimo i danni collaterali, onde evitare vittime civili. Una testimonianza indiretta del coinvolgimento del presidente ceceno in Afghanistan ci giunge anche dalla motivazione di uno dei due “Ordini della Stella Rossa” che avrebbe ricevuto durante il suo servizio. Il secondo, il particolare, datato 1989, citerebbe “per l’adempimento del servizio internazionale in Afghanistan”. Precisiamo che la redazione non è riuscita a trovare neanche questa seconda prova documentale).

A supporto della presenza di Dudaev in Afghanistan (oltre alle dichiarazioni di Grachev) c’è anche un’intervista del 2013, rilasciata da un comandante di campo mujahideen operante nella gola del Panshir, Jalaladdin Mokammal, il quale dichiarò in quel frangente che uno dei principali leader della resistenza sovietica, il leggendario Massoud, teneva contatti con alcuni alti esponenti dello stato sovietico, quali Eduard Shevardnadze e Dzhokhar Dudaev, allora in servizio tra le truppe di occupazione presso la base militare di Bagram (circostanza confermata dallo stesso Grachev, il quale avrebbe dichiarato di aver conosciuto proprio là il Generale ceceno). Secondo Mokammal, Dudaev avrebbe preavvisato Massoud dell’arrivo dei bombardieri, sabotando così l’azione di bombardamento che gli era stata ordinata. Se ciò fosse vero sarebbe sì confermata la presenza di Dudaev in Afghanistan, ma il suo ruolo nella vicenda sarebbe addirittura ribaltato. La moglie del Generale, Alla Dudaeva, nella sua agiografia “Million First” parla in un passo della “fiducia” che suo marito riponeva nella leadership afghana pre – talebana, proprio nella figura di Massoud, all’epoca Ministro della Difesa nel governo Rabbani.

Dzhokhar Dudaev nel 1987

Infine ci sono le parole degli storici militari. Una fonte, seppur secondaria, è rappresentata dalle parole dello storico Alexander Suprunov, il quale in uno dei suoi lavori afferma non soltanto che Dudaev avrebbe prestato servizio in Afghanistan, ma che si sarebbe prodigato in prima persona per effettuare i bombardamenti citati dal suo stato di servizio, “sviluppando personalmente una serie di approcci, forme e tecniche per distruggere il nemico dall’aria, usando i mezzi d’attacco dell’aviazione strategica”. La fonte citata sarebbe un documento depositato presso l’archivio dell’aereonautica nel quale si certifica che il Generale (all’epoca Colonnello) avrebbe preso parte attiva alle operazioni sviluppando originali tecniche di combattimento su terreno accidentato. Lo stesso documento (anche in questo caso irreperibile per la redazione) citerebbe circa 600 sortite da parte dell’unità di bombardieri pesanti comandata a quel tempo da Dzhokhar Dudaev.

CONVERGENZE E IPOTESI

Una possibile testimonianza convergente tra le dichiarazioni di Grachev e quelle di Dudaev potrebbe essere quella rilasciata da un sedicente ex sottoposto del Generale, che ora vive in Ucraina. Nell’intervista egli afferma che effettivamente Dudaev si trovava in Turkmenistan, presso la base militare di Mary, e che da qui la sua unità partisse per effettuare le missioni di bombardamento in Afghanistan. Secondo questa fonte Dudaev avrebbe compiuto ben più di tre sortite in territorio nemico, pilotando personalmente il suo velivolo d’attacco al suolo.

Dudaev da giovane in uniforme da pilota

Alla luce delle informazioni a noi pervenute non siamo in grado di stabilire se Dudaev abbia prestato servizio in Afghanistan, se abbia bombardato i mujahideen o se abbia segretamente collaborato con Massoud. Possiamo soltanto tracciare quella che ci sembra l’ipotesi più probabile, ovvero che Dudaev abbia effettivamente operato nello scacchiere afghano, magari da una base in Turkmenistan, che abbia partecipato alle azioni militari, magari limitando al massimo il suo coinvolgimento personale e cercando di evitare vittime tra la popolazione civile, dovendosi destreggiare tra la simpatia per gli afghani, islamici come lui, ed il senso del dovere verso l’Armata Rossa.

9 – 11/01/2000: IL CONTRATTACCO DEI LUPI – La Battaglia DI ARGUN

Agli inizi di Gennaio del 2000 le forze federali avevano stretto Grozny sotto assedio. Per quanto i separatisti controllassero ancora la gran parte della città, la chiusura del fronte alle loro spalle aveva interrotto i rifornimenti che dalla gola dell’Argun e dalle altre regioni montuose della Cecenia raggiungevano le retrovie poste nei quartieri meridionali della capitale cecena. Nel tentativo di riaprire un corridoio utile a ripristinare i collegamenti, Maskhadov decise di lanciare una controffensiva in quello che sembrava essere il punto più debole dello schieramento federale: il cosiddetto “Triangolo” costituito dalle cittadine di Shali, Argun e Gudermes. L’azione sarebbe stata portata avanti dai raggruppamenti di Basayev, che avrebbe mosso una sortita da dentro Grozny verso Argun, e da Khattab, che avrebbe mosso dalla gola verso la cittadina. Una volta presa Argun, le forze separatiste avrebbero dovuto procedere verso Gudermes, impegnando i federali per il tempo necessario a far giungere a Grozny i rifornimenti necessari a proseguire l’assedio. Due raggruppamenti minori, guidati da Salambek Arsaev, e Ramzan Akhmadov, avrebbero fiancheggiato le due azioni principali: Arsaev avrebbe dovuto prendere Shali, mentre Akhmadov si sarebbe installato a Mesker – Yurt. In questo modo i due avrebbero presidiato i centri di collegamento tra le posizioni separatiste e la cittadina di Argun, tenendo aperto il corridoio più a lungo possibile. A confortare le speranze di Maskhadov c’era la percezione che l’anello di unità federali disposte a sud di Grozny non fosse così impermeabile: il 3 Gennaio, infatti, il raggruppamento al seguito del comandante di campo Arbi Baraev era riuscito ad eludere l’accerchiamento a Sud  – Ovest della città, raggiungendo incolume Alkan – Khala e da qui attraversando il Sunzha fino ad Alkhan – Yurt.

Per chi volesse approfondire raccomandiamo una delle principali fonti di ricerca in merito: https://lostarmour.info (CLICCA PER APRIRE)

POSIZIONAMENTO

I reparti della ChRI impiegati per l’operazione furono messi in moto nella notte tra il 5 e il 6 Gennaio. Il primo a manovrare fu Akhmadov, al comando di un centinaio di uomini. Dopo essersi raggruppato all’imbocco della Gola di Argun, il suo gruppo si diresse su Mesker  -Yurt. Tuttavia, a causa del tempo avverso (nevicava copiosamente) e del fatto che gli uomini si muovessero in piena notte per evitare di essere individuati fece sì che anziché raggiungere l’obiettivo designato, Akhmadov si ritrovò nei dintorni del vicino villaggio di Germenchuk, qualche chilometro più a sud. Presa la strada per raggiungere Mesker – Yurt, lui e i suoi uomini si trovarono alle prime luci dell’alba a metà strada tra i due villaggi, e decisero così di acquartierarsi in un’area industriale semiabbandonata, dove avrebbero potuto attendere nuovamente il calare del buio per rimettersi in viaggio. Qui i militanti furono notati da alcuni civili, i quali presumibilmente allertarono le autorità federali. Pensando che si trattasse di un piccolo gruppo di sequestratori il comando russo inviò un plotone a “ripulire” l’area, ma questo venne ben presto ingaggiato e sopraffatto dagli uomini di Akhmadov. Un piccolo reparto di rinforzo giunto in soccorso fu costretto a ripiegare sotto il tiro dei lanciagranate. Oltre a 3 morti il plotone patì anche la presa di tre prigionieri, due dei quali sarebbero morti in cattività nelle settimane successive. Dopo aver respinto l’avanguardia federale Akhmadov si sbrigò a sloggiare dal suo nascondiglio, prevedendo l’arrivo di forze più consistenti appoggiate da carri armati. Queste effettivamente giunsero sul posto la mattina dopo, solo per constatare che i separatisti avevano già lasciato la posizione per iniziare il raid su Argun. Gli altri raggruppamenti al seguito di Khattab e Arsaev si posizionarono correttamente senza incontrare problemi: alcuni dei militanti giunsero in città nottetempo, altri si mischiarono alla popolazione e presero posizione ad Argun attendendo l’avvio dell’operazione.  

Video girato dai separatisti che mostra la situazione appena terminati gli scontri con le avanguardie federali nell’area industriale a nord di Germenchuk

L’ATTACCO

La mattina del 9 Gennaio tutte le unità si attivarono, prendendo rapidamente il controllo di Argun: le unità federali furono assediate nelle loro basi, mentre i separatisti occupavano l’area prospicienti la stazione ferroviaria, il ponte sul fiume Dzalkha, via d’accesso alla città da Est, e la strada di collegamento tra i villaggi di Mesker – Yurt e Tsotsin – Yurt. Gli uomini di Arsaev presero posizione a Shali. Circa 500 uomini armati, sotto l’abile direzione di Maskhadov e guidati sul campo da comandanti esperti, presero di sorpresa la guarnigione federale, anch’essa ammontante a non meno di 500 uomini ma per lo più concentrata nelle basi di acquartieramento. Lo scopo dei separatisti non era quello di annientare il contingente russo, quanto quello di costringerlo ad asserragliarsi sulle sue posizioni in modo da poter aprire la strada ai rifornimenti per la guarnigione di Grozny. Così sia i reparti appostati intorno alla stazione, sia quelli schierati intorno alla base militare di Argun mantennero un costante fuoco intimidatorio che costrinse i difensori a rimanere fermi, mentre le altre unità di Maskhadov prendevano posizione ad aprivano il varco. Le unità che si trovavano a passare nei paraggi finirono sotto i colpi dei lanciagranate. Alcuni reparti isolati tentarono di penetrare in città per dare man forte ai difensori, ma furono anch’essi sommersi dal tiro dei militanti.

Mentre ad Argun si consumavano le prime fasi dell’attacco, negli altri quadranti dell’operazione gli uomini di Maskhadov si preparavano a difendere le posizioni. Gli uomini di Akhmadov, raggiunta Meskher – Yurt, si posizionarono all’altezza del ponte sul fiume Dzhalka, dove intercettarono una colonna federale che si stava avvicinando al villaggio. L’attacco, quasi interamente ripreso dai suoi propagandisti, fu guidato da Khattab in persona: morirono almeno 17 miliari federali, e certamente di più furono i feriti. Non sono note le perdite tra i separatisti, anche se probabilmente non furono ingenti, data la totale impreparazione della colonna russa, la quale non stava muovendo consapevole dell’attacco.  Successivamente agli eventi Khattab avrebbe dichiarato l’uccisione di “centinaia” di soldati russi. La realtà è certamente diversa, ma sicuramente l’azione fu un pieno successo dei militanti. Una delle ultime vittorie sul campo prima della caduta di Grozny.

Ricostruzione grafica della Battaglia di Argun. Il rettangolo azzurro in alto a sinistra è la stazione ferroviaria, quello nel centro è il Quartier Generale delle forze federali in città. Le frecce arancioni segnano i punti nei quali i separatisti ingaggiarono i reparti inviati di soccorso, respingendoli.

IL FIASCO DI SHALI

A Shali, nel frattempo gli uomini di Arsaev erano entrati in azione, assediando la piccola guarnigione federale nella sua base. La cittadina era considerata il centro più facile da prendere, sia perchè era il più geograficamente vicino alle posizioni separatiste, sia perchè era il centro meno presidiato tra i tre. Tra i separatisti vi era la convinzione che le poche unità a difesa della base locale si sarebbero facilmente arrese se gli attaccanti avessero mostrato sufficiente forza. Di questo sembrava fermamente convinto Arsaev.

Dopo aver circondato il distaccamento nemico i separatisti inviarono un ultimatum, tramite il Capo di Stato Maggiore del reparto, Abdul Malik Mezhidov, invitando i russi ad arrendersi. Ricevuto un secco rifiuto dai difensori, i militanti rimasero ai margini della base avendo cura che il nemico non tentasse sortite. A poca distanza dalla base Arsaev organizzò una dimostrazione con i suoi uomini, schierandoli in piazza ed accogliendo anche numerosi simpatizzanti civili, volendo così dimostrare sia la fedeltà della popolazione ai separatisti, sia il numero dei suoi uomini, in grado di superare i federali di quattro o cinque volte. Il comandante della guarnigione russa decise allora di tentare una carta poco ortodossa, al limite (anzi, oltre il limite) del concesso. Consapevole di rischiare una strage di civili, chiese il supporto dell’artiglieria missilistica, la quale lanciò con estrema precisione un potente missile Tochka – U , in grado di polverizzare un intero edificio. Il missile centrò in pieno il raduno di Arsaev, provocando la morte di decine di militanti e di altrettanti civili. Non è dato sapere in quanti morirono, ma certamente non è assurda l’ipotesi che a perdere la vita fu almeno un centinaio di persone, in buona parte militanti separatisti. Diverse centinaia furono i feriti, tra i quali sicuramente moltissimi civili.

Arsaev tentò di vendicare l’azione lanciando rabbiosi attacchi contro la base federale, ma l’intervento dell’artiglieria, guidata sul campo dai difensori, impedì che i separatisti facessero progressi e scoraggiò molti di loro, i quali presero a ritirarsi fuori dalla città. I limitati successi ottenuti da Khattab ad Argun furono quindi rapidamente vanificati, ed i separatisti dovettero presto evacuare i loro obiettivi.

Video amatoriale che mostra i resti dei caduti federali durante gli scontri ad Argun

LA RISPOSTA RUSSA E LA FINE DELL’OFFENSIVA

L’avanzata di Basayev, in concomitanza con lo spostamento di unità federali intenti ad avanzare nei quartieri sud – orientali della città, aprì un corridoio che per due giorni permise l’arrivo di rifornimenti alla capitale assediata. Il sopraggiungere delle unità inviate da Mosca a chiudere il passaggio costrinse i reparti della ChRI ad indietreggiare, per poi disperdersi tra le colline e ricongiungersi nella Gola di Argun. Basayev, con i suoi uomini, rientrò in città, dove avrebbe sostenuto l’assedio fino alla fine di Gennaio. Le perdite russe ammontarono a più di ottanta morti e almeno un centinaio di feriti, ma i ceceni lasciarono sul campo almeno il doppio degli uomini, in buona parte combattenti di valore. Sul piano tattico, quindi, l’operazione fu un completo fallimento, e se servì a ritardare di quattro o cinque giorni l’assalto finale russo a Grozny, costò la vita a molti buoni combattenti ed un indurimento delle condizioni dei civili: per ordine del Comandante in Capo Kazantsev da ora in avanti soltanto i maschi al di sotto dei dieci anni o al di sopra dei sessanta sarebbero stati considerati rifugiati, e tutti gli altri avrebbero dovuto essere considerati “sospetti terroristi. D’altra parte l’offensiva ebbe un importante effetto propagandistico: per la prima volta dall’inizio della Seconda Guerra Cecena i separatisti erano tornati a prendere l’iniziativa, occupando due delle principali città del Paese e dimostrando all’opinione pubblica di essere ancora in grado di mettere in crisi la macchina bellica federale.

LE ELEZIONI DEL 1997 SULLE PAGINE DEL NEW YORK TIMES

Il 27 Gennaio 1997 in Ichkeria si tennero le prime elezioni dalla fine della guerra: la popolazione si recò in massa alle urne, vivendo quell’esperienza con grande passione e spirito partecipativo. La contesa vide confrontarsi i principali leader politici e militari della repubblica: Basayev, Yandarbiev, Ugudov, Zakayev, Arsanov, e ovviamente il grande favorito: l’ex Capo di Stato Maggiore dell’esercito separatista Aslan Maskhadov. Allineato su posizioni moderate, cui aderiva la maggioranza della popolazione civile (oltre che parte dell’establishment militare) egli fu in testa fin dall’inizio della campagna elettorale, conquistando infine quasi il 60% dei voti e lasciando in minoranza sia i dudaeviti radicali (rappresentati dall’ex Presidente ad Interim Zelimkha  Yandarbiev) sia l’ala militare oltranzista (rappresentata da Shamil Basayev). Un ciclo di articoli editi dal New York Times, dei quali pubblichiamo una traduzione, racconta le impressioni che il mondo occidentale ebbe di quei momenti così fatali per la storia postbellica della Repubblica Cecena di Ichkeria. Il link agli articoli in lingua originale sono reperibili quì:

Principali preoccupazioni degli elettori ceceni: ordine e stabilità

di Alessandra Stanley

24 GENNAIO 1997 – La guerra è finita ed ora la battaglia per il controllo della repubblica secessionista della Cecenia si sta conducendo sulle onde radio. In un piccolo canale di proprietà privata, Aslan Maskhadov, primo ministro e capo di stato maggiore delle forze cecene durante la guerra, fissa la telecamera indossando un maglione ed una giacca civile, e racconta lentamente la storia della sua vita, a partire dalla sua nascita e dalla giovinezza ai tentativi di entrare in un’accademia militare sovietica contro la volontà di sua madre. In un altro, il suo principale avversario, Shamil Basayev, il comandante ceceno che ha guidato la tragica presa di ostaggi nell’ospedale di Budennovsk nel giugno 1995, vie mostrato in una sorta di video musicale sulla jihad.  Immagini audaci di lui che affronta il governo russo a Budennovsk e che guida le truppe in battaglia a Grozny in stile montaggio – flash sullo sfondo di una musica popolare e marziale cecena.

Dopo 21 mesi di incessanti bombardamenti aerei e d’artiglieria, la Cecenia è un mosaico di edifici bruciati e macerie. Non c’è ancora acqua corrente e la gente fa la fila per ore per riempire i secchi dalle colonnine in strada. Ma l’elettricità è tornata nella maggior parte delle zone e le persone la usano principalmente per alimentare i loro televisori. Le elezioni cecene, [previste per] lunedì sono una campagna elettorale in stile anni ’90,  sullo sfondo di alcune delle peggiori distruzioni urbane dalla Seconda Guerra Mondiale.

Manifesto elettorale di Aslan Maskhadov

Ci sono 16 candidati alla presidenza, e tutti sostengono l’indipendenza dalla Russia. Sui volantini e i manifesti incollati sulle finestre sbarrate e gli edifici bombardati in tutta Grozny, i cinque principali candidati della campagna promettono tutti di ristabilire l’ordine. E tutti dicono di voler favorire l’instaurazione di una società islamica. Ma il background ed il temperamento dei due candidati più noti e favoriti, il signor Maskhadov ed il signor Basayev forniscono un netto contrasto.

Il signor Basayev, 32 anni, che è ancora il nemico pubblico numero 1 in Russia, simboleggia la sfida e il rischio. Il signor Maskhadov, 46 anni, che ha negoziato e firmato l’accordo che ha portato al ritiro della truppe russe, è a favore della moderazione e del compromesso. Stanche della guerra, per persone stanno affrontando una sconcertante, e a volte sgradevole competizione tra ex alleati che hanno combattuto insieme i russi e che ora combattono tra di loro. L’indipendenza, che la Russia rifiuta di accettare ma che la maggior parte dei ceceni da già per scontata, non è il tema principale della campagna. Lo sono l’ordine e la stabilità. I ceceni che sono sopravvissuti a malapena alla guerra ora sono terrorizzati dalla pace. “Ogni notte viviamo nella paura che i banditi battano alla nostra porta” dice Tarabek Dejetayeva, 40 anni, una donna cecena il cui quartiere, dove metà degli edifici rimangono rovine bombardate e dove non c’è più acqua corrente, è stato ripetutamente colpito da colpi dai colpi di arma da fuoco dei ladri. “Dobbiamo scegliere un uomo forte che possa fermarlo”. Dice che voterà per Mr. Basayev.

I pochi occidentali che ancora lavorano a Grozny sperano che un presidente democraticamente eletto possa ristabilire l’ordine. “Queste elezioni non cambieranno nulla riguardo lo status della Cecenia: lo stallo con la Russia rimarrà, non importa chi sarà il vincitore” dice Tim Guildimann, capo della missione a Grozny dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa [OSCE] che sta aiutando ad organizzare ed a monitorare le elezioni. “Al vincitore daranno la legittimità per garantire la stabilità all’interno della Repubblica”. Quando 60 osservatori dell’organizzazione europea arriveranno in Cecenia questo fine settimana per monitorare le elezioni, questi saranno scortati da guardie armate del governo ceceno.

Shamil Basayev tiene un comizio elettorale

I candidati parlano di legge ed orine. Mercoledì, durante una manifestazione a Starye Atagi, Shamil Basayev è salito sui gradini di una moschea e si è lamentato del fatto che il governo, guidato dal Presidente Zelimkhan Yandarbiev, non ha fatto nulla per fermare il crimine dilagante e la corruzione. Il signor Yandarbiev, che è anch’egli candidato di primo piano, sta correndo principalmente sulle orme di Dzhokhar M. Dudaev, il presidente ribelle ceceno che è stato ucciso lo scorso Aprile ed ha nominato Yandarbiev suo successore. In un enorme raduno commemorativo per il signor Dudaev oggi (dove è stato insignito del titolo postumo di Generalissimo) il signor Yandarbiev ha fatto pressione sulla sua forza ribattezzando Grozny, la capitale, in Dzhokhar – Ghala, “Città di Dzhokhar”.

Ma gli elettori parlano di criminalità dilagante e mancanza di controllo da parte del governo. Dal ritiro russo le fazioni rivali sono entrate in guerra per il controllo dei loro territori. Le rapine, i rapimenti e gli omicidi si sono moltiplicati. A Dicembre sei operatori della Croce Rossa sono stati uccisi da uomini armati spingendo tutti gli altri operatori stranieri a lasciare la Cecenia. Un sacerdote ortodosso russo è stato rapito due settimane fa. Due giornalisti russi sono scomparsi la scorsa settimana.

L’esuberante e popolare Mr. Basayev è forse il candidato più visibile, tiene raduni e discorsi in tutta la Cecenia. Il signor Maskhadov è forse il meno in evidenza. Ha interrotto tutte le campagne la scorsa settimana e ora trascorre le sue giornate in una casa pesantemente sorvegliata fuori Grozny, ricevendo gli anziani del villaggio. Oggi, in una breve intervista, era circondato da guardie del corpo armate mentre parlava delle sue preoccupazioni per la sicurezza, promettendo di raggruppare i combattenti ceceni in un esercito organizzato e di sciogliere i reparti che sarebbero rifiutati di arruolarsi. Uno dei suoi migliori aiutanti militari ha detto che Maskhadov aveva smesso di fare  campagna elettorale per motivi di sicurezza. “Secondo me la minaccia viene dalla parte russa”, ha detto l’assistente, Hussein Iskhanov. “Non è nell’interesse della Russia che Maskhadov vinca”.  In realtà i suoi rivali affermano che è una figura fin troppo conveniente per la Russia. Dipingono in signor Maskhadov come qualcuno che piegherà la schiena per compiacere Mosca. Il signor Basayev al contrario dice che solo lui può costringere la Russia a concedere l’indipedenza alla Cecenia. “Con me la Russia ha solo una scelta: lasciarci in pace”, ha detto ai suoi sostenitori. “Con Yandarbiev ne hanno sette, con Maskhadov nove o dieci.”

Movladi Ugudov (a sinistra) e Shamil Basayev (a destra) durante un dibattito per le elezioni del Gennaio 1997

Ma molti in Cecenia favoriscono il signor Maskhadov proprio perché è meno intransigente del signor Basayevv – ed ha meno probabilità di provocare Mosca. “Sono per Maskhadov, è istruito, è civile ed è per la pace: è lui che ha firmato la pace coi russi” dice Leila Khuchiyeva, una donna cecena che vende pane in un mercato di strada. “Basayev è un eroe nazionale, ma non è un presidente”. Tutti i favoriti sono eroi di guerra, ma hanno dimostrato capacità mediatica in tempo di pace. Istruita dagli europei, la commissione elettorale cecena ha stabilito un regolamento che assegna a ciascun candidato circa 3.000 dollari per coprire i costi della campagna elettorale e 20 minuti di trasmissione gratuita alla televisione ed alla radio del governo. C’è un limite di spesa di centomila dollari, ma la commissione ha poca capacità di monitorare le spese effettive. E alcuni candidati hanno più “tempo uguale” di altri. Il signor Basayev ha il suo canale televisivo, una minuscola stazione a basso costo di proprietà di un uomo d’affari. Il signor Maskhadov ha anch’egli una stazione privata a sua disposizione, anch’essa di proprietà di un uomo d’affari che sostiene la sua candidatura. Il signor Yandarbiev si avvale liberamente del canale governativo. Non ci sono sondaggi affidabili, ma alcuni analisti politici affermano che il signor Basayev stia guadagnando rapidamente su Maskhadov.

I CINQUEMILA GIORNI DI ICHKERIA – PARTE 7 (Novembre – Dicembre 1991)

1 – 2 Novembre

CONFEDERAZIONE DEL CAUCASO – Si riunisce a Sukhumi l’Assemblea dei Popoli Montanari del Caucaso, embrione della Confederazione dei Popoli Montanari del Caucaso. Vengono costituiti un Parlamento ed un Presidium di governo, e promulgata una dichiarazione nella quale si afferma: “I popoli partecipanti dichiarano che intendono agire con spirito di fratellanza, amicizia e cooperazione, con l’intento di sviluppare de rafforzare i legami politici, socioeconomici e culturali tra i Montanari del Caucaso, seguendo i principi di sovranità statale, cooperazione, mutuo sostegno e non interferenza negli affari interni delle repubbliche che rappresentano”.  

2 Novembre

POLITICA NAZIONALE – Prima sessione del Parlamento della Repubblica. Hussein Akhmadov viene nominato Presidente del Parlamento, Bektimar Mezhidov e Magomed Gushakayev sono nominati vice – presidenti. Il Congresso dei Deputati del Popolo ed il Soviet Supremo Russo dichiarano di non riconoscere il risultato delle elezioni di Ottobre, né le istituzioni nate da esse.

POLITICA LOCALE – Ad Urus – Martan è scontro per il vertice dell’amministrazione cittadina tra l’ex Presidente del Comitato Esecutivo cittadino, Dadaev, e l’ex Presidente del Comitato Cittadino del PCUS, Usamov. Il secondo aveva sostiuito il primo dopo che ad Aprile, il Consiglio Cittadino aveva revocato la carica al primo. Un successivo intervento del Presidium del Soviet Supremo Ceceno – Inguscio lo aveva reintegrato nel ruolo, ma Usamov si oppone alla decisione e si rifiuta di abbandonare l’ufficio.

3 Novembre

POLITICA NAZIONALE – Il Parlamento vota i primi provvedimenti legislativi: vengono approvati bandiera ed inno nazionale, russo e ceceno sono istituite lingue di Stato, viene decretato lo scioglimento di tutti i gruppi armati ad eccezione di quelli inquadrati sotto la Guardia Nazionale (ufficialmente istituita in questo giorno)

CONFLITTI SOCIALI – A seguito dell’aumentare esponenziale dei crimini comuni, la Guardia Nazionale assume compiti di polizia in affiancamento alle unità del Ministero degli Affari Interni.

Hussein Akhmadov, primo Presidente del Parlamento della Repubblica Cecena.

4 Novembre

RIVOLUZIONE CECENA – Vista la situazione di caos nel quale si trova il paese, la Commissione Elettorale per il rinnovo del Soviet Supremo sposta le elezioni previste per il 17 Novembre all’8 Dicembre. E’ una vittoria dei secessionisti, che in questo modo ottengono il rinvio delle elezioni per il Soviet Supremo e guadagnano tempo per consolidare la loro posizione. Il Presidente della Commissione Elettorale incaricata di organizzare la consultazione, Gerzeliev, conferma che il voto ci sarà, e che si tratta dell’occasione per “avviare il ripristino dell’ordine costituzionale nella nostra repubblica.”

POLITICA ESTERA – Il Presidente della neonata Repubblica di Georgia, Zviad Gamsakhurdia, invia le sue congratulazioni a Dudaev ed al Parlamento appena eletto, e si propone di riconoscere ufficialmente la Cecenia come uno Stato indipendente non appena il parlamento georgiano potrà discutere la sua mozione.

POLITICA NAZIONALE – Il Parlamento costituisce il Servizio di Sicurezza Nazionale, organo di polizia destinato alla protezione degli edifici dello Stato e dell’ordine costituzionale. Eredita le funzioni del dissolto KGB.

5 Novembre

RIVOLUZIONE CECENA – Akhmed Arsanov diffida il Presidente georgiano Gamsakhurdia dal riconoscere la Cecenia e in generale dall’intervenire negli affari interni del paese, generando discordia e scontro politico. La diffida è inviata dal neocostituito Comitato per la Sicurezza e l’Unità della Repubblica Ceceno – Inguscia.

Il Maggior Generale Pyotr Sokolov, comandante della guarnigione dell’esercito federale in Cecenia, dichiara che le forze armate manterranno un atteggiamento neutrale rispetto agli eventi politici in svolgimento nel Paese, e raccomanda alla popolazione di rispettare le esigenze si sicurezza dei suoi uomini. In particolare egli lamenta continue incursioni, talvolta armate, dei depositi dell’esercito e in particolare in quelli del reggimento corazzato di addestramento di stanza a Shali.

Da Mosca giunge la condanna alle elezioni popolari del 27 Ottobre da parte del Vicepresidente del Soviet Supremo russo, Filarov, e del Primo Vicepresidente del Consiglio dei Ministri russo, Lobov. Nel telegramma i due leader dichiarano di essere disposti ad intraprendere tutte le misure previste dalla legge a tutela dell’ordine costituzionale.

POLITICA NAZIONALE – Il Parlamento appena eletto proclama l’interdizione delle attività del Soviet Supremo provvisorio e di qualsiasi altro organismo della dissolta ASSR Ceceno – Inguscia su tutto il territorio nazionale. Inoltre proclama la nazionalizzazione di tutte le strutture, le proprietà ed i beni afferenti all’Unione Sovietica.

Al Ministero degli Affari Interni si tengono negoziati tra i sostenitori del Comitato Esecutivo ed i funzionari del dicastero, con l’obiettivo di garantire la lealtà delle forze dell’ordine alle nuove istituzioni.

CONFLITTI SOCIALI – I rappresentanti della comunità russa in Cecenia annunciano un congresso generale per il 12 Novembre.

6 Novembre

RIVOLUZIONE CECENA – In risposta al rifiuto da parte di Mosca di riconoscere le elezioni popolari del 27 Ottobre, il neoeletto Parlamento emette un appello ai cittadini, nel quale si chiede il loro sostegno contro le ingerenze del governo russo.

7 Novembre

PRIMA CRISI RUSSO/CECENA – Il Presidente russo Eltsin proclama lo Stato di Emergenza in Cecenia. Il Parlamento ceceno ordina la mobilitazione della Guardia Nazionale. Migliaia di persone si radunano nelle piazze delle principali città della Cecenia, volontari armati bloccano le strade e gli accessi ferroviari.

8 Novembre

PRIMA CRISI RUSSO/CECENA- Il Parlamento ceceno concede a Dudaev i pieni poteri, mentre la Guardia Nazionale si posiziona a difesa dei quartieri governativi e circonda la base militare di Khankala, dove presumibilmente atterreranno le forze federali inviate ad arrestare gli insorti. Dudaev proclama la legge marziale e mobilita tutte le forze armate disponibili. Tuttavia il Presidente dell’URSS, Gorbachev, si rifiuta di ordinare all’esercito di occupare la Cecenia, ed anche il Ministro degli Interni, Barannikov, si astiene dall’ordinare un attacco. Le forze russe inviate a Khankala si trovano ben presto in inferiorità numerica e prive di armamento pesante, e non possono avanzare fuori dal perimetro della base. Una folla di sostenitori dell’indipendenza assedia da giorni il palazzo del Ministero degli Interni, chiedendo al personale di mettersi a disposizione della repubblica indipendente.

9 Novembre

TERRORISMO – Un aereo della Aeroflot diretto ad Ekaterinburg viene dirottato da un commando di tre terroristi, tra i quali Shamil Basayev. Il gruppo fa atterrare l’aereo ad Ankara e pretende il ritiro dello Stato di Emergenza in cambio dell’incolumità dei passeggeri.

CONFEDERAZIONE DEL CAUCASO – Il Parlamento si riunisce in seduta congiunta con il Parlamento della Confederazione dei Popoli Montanari del Caucaso (KGNK), organismo pancaucasico sostenitore della causa indipendentista cecena, tra i cui principali rappresentanti vi è Yusup Soslambekov, già animatore del VDP e Deputato al Parlamento.

POLITICA NAZIONALE – Nel tentativo di risolvere la crisi in atto all’interno del Ministero degli Affari Interni, il Parlamento nomina al vertice del dicastero Umalt Alsultanov, ex Ministro degli Interni della RSSA Ceceno – Inguscia. Al dicastero dell’Economia viene inoltre confermato Ministro Taymaz Abubakarov, il quale ricopriva lo stesso ruolo nell’ultimo governo della RSSA Ceceno – Inguscia.

Dudaev presta il giuramento di stato come Presidente della Repubblica. Decine di migliaia di volontari affluiscono nella capitale per assistere alla cerimonia del giuramento e mettersi a disposizione della Guardia Nazionale. Molti di loro sono armati. Il nuovo Presidente della Repubblica appunta Yusup Soslambekov alla guida del neocostituito Ministero della Difesa. Alla notizia di un possibile intervento armato della Russia molti esponenti dell’opposizione democratica si schierano dalla parte di Dudaev.

PRIMA CRISI RUSSO/CECENA – A Grozny la popolazione scende in piazza in massa. Migliaia di volontari, molti dei quali armati, si mettono al servizio del Ministero della Difesa. Un corrispondente della ITAR – TASS definisce il centro di Grozny “un mare umano”.

L’aereo della Aeroflot dirottato ad Ankara dal commando di sequestratori ceceno.

10 Novembre

TERRORISMO – L’aereo della Aeroflot dirottato dal commando terrorista di cui fa parte Basayev atterra senza incidenti all’aereoporto di Grozny. I dirottatori vengono accolti festosamente dalla popolazione. 

PRIMA CRISI RUSSO/CECENA – L’aereoporto Sheikh Mansur viene bloccato dalla Guardia Nazionale, ed è consentito un solo decollo da Grozny verso Mosca, per trasportare una delegazione intenzionata a tenere colloqui con i rappresentanti del Soviet Supremo della RSFSR.

A Mosca il Soviet Supremo della RSFSR discute il Decreto di Eltsin sull’introduzione dello Stato di Emergenza.

POLITICA NAZIONALE – Dudaev nomina Daud Akhmadov, membro del Comitato Esecutivo, rappresentante presidenziale. Alla conferenza stampa di presentazione, il Presidente dichiara che “La Repubblica Cecena sarà uno Stato sovrano e indipendente che costruirà su base paritaria i rapporti con tutti i paesi vicini, compresa la Russia.”

CONFEDERAZIONE DEL CAUCASO – Il Parlamento della Confederazione dei Popoli Montanari del Caucaso (KGNK) indice una mobilitazione generale a sostegno della causa cecena. Il Parlamento della Repubblica vota la costituzione di un Consiglio di Difesa della Repubblica sotto la presidenza di Dudaev.

11 Novembre

PRIMA CRISI RUSSO/CECENA – Il Soviet Supremo della RSFSR non autorizza il decreto di Elstin, che in questi giorni è all’Assemblea delle Nazioni Unite ed è mediaticamente esposto. L’esercito si ritira dalla base di Khankala.

NEGOZIATI RUSSO/CECENI – Dudaev si dichiara pronto ad aprire un ciclo di negoziati di massimo livello con il governo di Mosca.

CONFLITTI SOCIALI – Il Ministro degli Affari Interni, Umalt Alsultanov, dichiara che la situazione sociale nel Paese è sotto controllo, che i detenuti fuoriusciti dalle colonie penali nei giorni dell’insurrezione sono a disposizione del Comitato Esecutivo, e che una volta rientrato lo stato di emergenza saranno nuovamente ricondotti sotto la custodia delle autorità. Riguardo al loro destino, Alsultanov ventila l’ipotesi di un’amnistia per coloro che parteciperanno alla difesa della Repubblica.  

12 Novembre

CONFLITTI SOCIALI – Mentre i centri detentivi nella repubblica entrano in stato di agitazione, bande armate si approfittano del caos per mettere a segno audaci colpi criminali. Nella notte il Rettore dell’Università Statale viene rapito, ed il Prorettore, accorso sulla scena del rapimento, ferito a morte.

La situazione sociale è incandescente: i lavoratori del servizio telefonico entrano in sciopero, chiedendo alle istituzioni garanzie di sicurezza personale di fronte al continuo aumento della criminalità ed alla presenza perniciosa di bande armate.

POLITICA NAZIONALE – A Grozny il governo nomina Lecha Yahyaev direttore del Servizio Stampa repubblicano. Questi tiene una conferenza stampa nella quale denuncia l’infiltrazione di numerosi agenti del KGB entro i confini della Repubblica, citando l’arresto, appena effettuato, di un ufficiale di quel corpo, Viktor Tolstenev, armato e in abiti civili, nel pieno centro della capitale.

13 Novembre

POLITICA NAZIONALE – Il Presidente istituisce il COFEC, Comitato per la Gestione Operativa dell’Economia, con lo scopo di gestire la pianificazione economica in attesa della formazione di un governo di unità nazionale. Al suo vertice viene nominato il giovane imprenditore Yaragi Mamodaev.

NEGOZIATI RUSSO/CECENI – Riguardo i negoziati con la Russia, Dudaev dichiara in una conferenza stampa che questi potranno avere luogo soltanto dopo il riconoscimento da parte di Mosca delle istituzioni costituite con le elezioni del 27 Ottobre. Riguardo l’ipotesi di un blocco economico da parte della Russia, Dudaev risponde che la Repubblica Cecena si riserva di attuare le medesime misure coercitive, qualora Mosca decida di procedere sulla via del confronto.

POLITICA NAZIONALE – Viene decretato l’obbligo per gli ex agenti del KGB ceceno di registrarsi presso il Ministero della Difesa entro 24 ore, pena il loro riconoscimento come agenti sovversivi ed il loro conseguente arresto.

PRIMA CRISI RUSSO/CECENA – Il Presidente russo Eltsin licenzia Akhmed Arsanov dalla carica di Rappresentante Presidenziale in Cecenia, in relazione alle “errate informazioni” che hanno portato all’introduzione dello Stato di Emergenza nel Paese. Dudaev si congratula pubblicamente con lui “per un’altra vittoria sulla via della giustizia e della democrazia.”.

Yaragi Mamodaev

14 Novembre

POLITICA NAZIONALE – Dudaev ritira nelle caserme la Guardia Nazionale, ed invita tutti i cittadini a presentarsi agli uffici preposti per registrare le armi in loro possesso.

Il Parlamento della Repubblica stabilisce valide le leggi in vigore in Cecenia fino al 27 Ottobre scorso, che non violino la Dichiarazione di Indipendenza.

IRREDENTISMO INGUSCIO – In Inguscezia continuano le manifestazioni a favore dei reintegro del Distretto di Prigorodny, in applicazione della Legge sulla Riabilitazione dei Popoli Oppressi.

Il Presidente ceceno Dudaev interviene dichiarando che il problema può essere risolto soltanto con una mediazione tra i popoli del Caucaso, e che la Russia in ogni caso non si sforzerà per garantire agli ingusci il ritorno delle loro terre irredente.

15 Novembre

POLITICA ESTERA – Dudaev incontra delegazioni dalla Georgia e dall’Ossezia del Nord. Dal Kazakistan il Presidente Nursultan Nazarbayev comunica la sua disponibilità a dare supporto al popolo ceceno in nome dell’antica amicizia che lega le due nazioni, maturata durante il periodo dell’Ardakh.

POLITICA NAZIONALE – Uno degli agenti del KGB arrestati nei giorni precedenti, Viktor Tolstenev, viene ritrovato morto con la gola tagliata nell’edificio dei servizi segreti, ora sede del neocostituito Servizio di Sicurezza Nazionale. La situazione nel paese resta tesa, e la Legge Marziale proclamata da Dudaev rimane in vigore.

Un decreto proposto dal Parlamento, nel quale si nominano amministrazioni locali provvisorie in attesa di elezioni amministrative, viene bloccato da Dudaev, il quale sostiene che un simile provvedimento possa portare divisione tra i cittadini. Ad oggi il Parlamento conta 33 deputati su 41, in quanto ancora non si sono svolte le elezioni suppletive per gli 8 posti ancora vacanti.

Il Muftì della Cecenia Magomed Arsanukaev, invia un appello alla popolazione nel quale chiede ai fedeli di non cedere alle passioni e di contribuire a riportare nel Paese un clima di concordia e collaborazione.

Magomed Arsanukaev, Muftì di Cecenia durante la rivoluzione.

16 Novembre

POLITICA NAZIONALE – Il Presidente del Comitato di Stato per la Gestione dell’Economia, Yaragi Mamodaev, comunica di aver concluso i primi accordi per la fornitura di zucchero alle regioni montane, e di star organizzando il lavoro di immagazzinamento dei raccolti in vista dell’inverno. A margine della dichiarazione, Mamodaev afferma: “Non ci allontaneremo da nessuno, né economicamente, né politicamente”. Quest’ultima frase lascia intendere la possibilità che la crisi politica con la Russia possa ricomporsi in presenza di condizioni favorevoli per la Cecenia.

Anche il Ministro dell’Economia, Taymaz Abubakarov dichiara che la situazione sotto il profilo dell’approvvigionamento invernale è sotto controllo.

CONFLITTI SOCIALI – La situazione sociale permane difficile: una banda armata penetra nella caserma delle truppe del Ministero degli Affari Interni nel sobborgo di Chernorechye, alla periferia di Grozny, saccheggiando numerose attrezzature militari. La caserma era stata da poco abbandonata, lasciando i magazzini incustoditi. Nei giorni seguenti la Guardia Nazionale prenderà il controllo della struttura.

18 Novembre

NEGOZIATI RUSSO/CECENI – Galina Starovoitova, emissario personale di Eltsin, telefona a Dudaev, cercando una sponda per l’apertura di negoziati. Dudaev subordina qualsiasi accordo al parere positivo del Parlamento. Il negoziato si arena.

19 Novembre

POLITICA NAZIONALE – Nella prima riunione plenaria del Comitato per la Gestione dell’Economia Nazionale, Yaragi Mamodaev dichiara che il blocco economico russo, per quanto non dichiarato, è già in atto, e dai confini con la Federazione non passano più numerose merci. Si dice tuttavia fiducioso nel fatto che il Paese abbia sufficienti riserve per sopportare il blocco, e che le risorse petrolifere a disposizione possano essere una buona merce di scambio per mantenere l’iniziativa economica ed eludere gli effetti nefasti dell’assedio messo in atto dal governo russo.

20 Novembre

POLITICA NAZIONALE – Bislan Gantemirov, figura di spicco del movimento indipendentista e leader del movimento Via Islamica, viene nominato Sindaco di Grozny.

Bislan Gantamirov, Sindaco di Grozny dal 20 Novembre 1991, passò all’opposizione antidudaevita nel 1993

21 Novembre

PRIMA CRISI RUSSO/CECENA – La legge marziale viene revocata in tutta la Cecenia. Yusup Soslambekov si dimette dalla carica di Ministro della Difesa.

22 Novembre

POLITICA NAZIONALE – Si tiene a Grozny il primo Congresso Nazionale dei Teip, tramite il quale Dudaev tenta di ricompattare il fronte politico interno, diviso tra i radicali indipendentisti ed i moderati favorevoli al ripristino del vecchio sistema costituzionale.

IRREDENTISMO INGUSCIO – In Inguscezia si tiene un raduno nazionale in vista del Referendum con il quale la piccola repubblica deciderà se aderire o meno alla Federazione Russa.

25 Novembre

MANIFESTAZIONI POLITICHE – L’opposizione ai secessionisti manda in onda una trasmissione televisiva nella quale denuncia le irregolarità del voto del 27 Ottobre e dichiara di non riconoscere l’autorità del nuovo presidente e del nuovo parlamento. Gli autori della trasmissione sono personaggi ben noti nei distretti settentrionali di Naursk e dell’Alto Terek.

26 Novembre

POLITICA NAZIONALE – Il Parlamento vara la riforma della governance locale, prevedendo la costituzione di consigli locali eletti direttamente ogni tre anni, e consigli distrettuali formati dalle delegazioni dei consigli locali.

Vengono inoltre estesi i poteri di emergenza accordati al Presidente della Repubblica in ragione della difficile situazione interna che il Paese sta affrontando.

Alcuni parlamentari si dichiarano contrari alle nomine dirigenziali fatte da Dudaev, ma il Parlamento non prende alcuna iniziativa, temendo contraccolpi nell’opinione pubblica.

27 Novembre

POLITICA NAZIONALE – Con Decreto Presidenziale Dudaev nazionalizza i presidi militari delle forze armate sovietiche in tutta la Repubblica.

IRREDENTISMO INGUSCIO – Il Consiglio del Popolo di Inguscezia, autorità pro – tempore della piccola repubblica, decreta che il 30 Novembre successivo i cittadini voteranno un referendum nel quale viene chiesto il loro parere circa la costituzione di una repubblica autonoma, federata con la Russia, comprendente l’irredento Distretto di Prigorodny.

Il Parlamento ceceno definisce “Illegale” la proposta del Consiglio del Popolo dell’Inguscezia, in quanto la consultazione si terrebbe anche su territori attualmente rivendicati dalla Repubblica Cecena, non essendo ancora stati definiti i confini tra le due nuove repubbliche. Inoltre i secessionisti considerano fallace la prospettiva di una mediazione da parte della Russia nel conflitto politico per il controllo del Distretto di Prigorodny, sostenendo la posizione dei nazionalisti radicali ingusci, guidati da Isa Kodzoev.

29 Novembre

CONFLITTI SOCIALI – Centinaia di ex detenuti usciti dalle carceri durante la Rivoluzione Cecena manifestano sotto il Palazzo Presidenziale chiedendo l’amnistia e dichiarandosi “vittime del regime comunista”.

Il previsto congresso della popolazione di lingua russa in Cecenia viene annullato, ufficialmente a causa del fatto che i negoziati tra il governo separatista e quello di Mosca non sono ancora ad un livello soddisfacente. Dudaev rassicura tutti i cittadini russofoni che il nuovo governo non attuerà alcuna politica discriminatoria nei loro confronti.

POLITICA NAZIONALE – Il Parlamento, che ad oggi ha prodotto quasi cinquanta provvedimenti legislativi, vota la costituzione del Comitato Investigativo di Stato, riunendo una serie di piccoli uffici una volta autonomi al tempo della RSSA Ceceno – Inguscia.

30 Novembre

IRREDENTISMO INGUSCIO – In Inguscezia si tiene il referendum per la secessione dalla Cecenia e per il suo reintegro nella Federazione Russa insieme al Distretto di Prigorodny. Il 97,4% vota a favore di tale decisione.

4 Dicembre

POLITICA NAZIONALE – In attuazione della legge parlamentare sull’autogoverno locale, le vecchie istituzioni distrettuali sovietiche vengono smantellate, ed i direttori della autorità locali esautorati.

5 Dicembre

MANIFESTAZIONI POLITICHE – I rappresentanti di venticinque villaggi nel nord della Cecenia dichiarano di non riconoscere come regolari le elezioni del 27 Ottobre, alle quali dichiarano di non aver, di fatto, partecipato. A guidarli c’è il neoeletto Governatore del distretto dell’Alto Terek, Umar Avturkhanov. Gli anti – dudaeviti chiedono lo svolgimento di un referendum sulla falsariga di quanto avvenuto in Inguscezia, e non intendono ubbidire alle decisioni del governo separatista. Squadre armate si organizzano nel Nord del paese, pronte a respingere eventuali interventi della Guardia Nazionale.

NEGOZIATI RUSSO/CECENI – A Grozny, una delegazione di parlamentari russi tenta di aprire un negoziato con Dudaev, ma questi caldeggia loro di rientrare in Russia quanto prima, accusandoli di “provocazione”.

6 Dicembre

CULTURA – Si tiene a Grozny l’esposizione “Arte del Caucaso”, mostra – mercato di opere tradizionali e di lavori dei più stimati pittori, scultori e disegnatori del paese.

7 Dicembre

POLITICA ESTERA – Dudaev garantisce asilo politico all’ex Presidente della DDR Erich Honecker. In una dichiarazione alla stampa il presidente ceceno dichiara il paese disponibile ad accoglierlo, qualora questi decida di espatriare dalla Germania.

8 Dicembre

UNIONE SOVIETICA – A Belavezha i leader di Russia, Bielorussia ed Ucraina dichiarano che l’Unione Sovietica “sta cessando di esistere” e predispongono le prime misure per l’abolizione dell’URSS.

Accordi di Belavezha

9 Dicembre

POLITICA NAZIONALE – Con Decreto Presidenziale gli uffici della Procura Generale e del Ministero degli Affari Interni vengono diffidati dal trasmettere informazioni all’estero senza autorizzazione. Tale misura è volta ad evitare fughe di informazioni o deliberate mistificazioni della realtà in ordine a favorire la “guerra dell’informazione” che si profila all’orizzonte tra Mosca e Grozny.

10 Dicembre

POLITICA NAZIONALE – Per evitare una fuga di prodotti calmierati e di generi di prima necessità fuoriescano dalla repubblica tramite speculatori il COFEC impone il blocco delle esportazioni per una grande quantità di articoli, imponendo la licenza governativa per la vendita all’estero delle merci.  La Benzina ed altri prodotti di consumo quotidiano subiscono la calmierazione dei prezzi, in forza della quale tali beni sono venduti ad un prezzo fisso stabilito dal governo.

11 Dicembre

POLITICA NAZIONALE – Per evitare che la benzina venduta a prezzi calmierati in Cecenia venga contrabbandata a prezzi maggiorati in Russia il COFEC impone un deciso aumento dei prezzi al consumo: da oggi il costo della benzina passa da 1 a 3 (e in alcuni casi da 1 a 4) rubli al litro.

Il Presidente Dudaev emette un decreto nel quale riordina le forze armate e stabilisce un salario per i suoi membri. Viene istituito il Quartier Generale delle Forze Armate, e la Guardia Nazionale ottiene lo status di persona giuridica. Viene ordinata la preparazione di divise ufficiali da presentarsi entro il 15 Gennaio successivo.

Inoltre viene stabilito che le istituzioni culturali e artistiche, siano considerate bene pubblico, e poste “sotto la protezione dello Stato.”

12 Dicembre

UNIONE SOVIETICA – Il Soviet Supremo Russo accoglie gli Accordi di Belavezha firmati da Russia, Bielorussia e Ucraina e ritira i suoi rappresentanti dal Congresso dei Deputati del Popolo.

POLITICA ESTERA – Lo svedese Jak Ewald Konan  ottiene dal Presidente della Repubblica la cittadinanza cecena.

13 Dicembre

CONFEDERAZIONE DEL CAUCASO – Dudaev dichiara la sua disponibilità alla costituzione di una realtà politica pancaucasica nella quale confluiscano in qualità di stati sovrani tutte le repubbliche non russe. Questa dichiarazione suscita la reazione del governo russo, il quale teme che l’indipendenza della Cecenia possa rappresentare il primo passo di un “effetto domino” insurrezionale in tutta la regione.

POLITIZA NAZIONALE – Il Primo Vicepresidente del COFEC, Hussein Marayev, legge una relazione nella quale si parla delle appropriazioni indebite di capitali proventi dalla lavorazione dei prodotti petroliferi, delle quali si sarebbero macchiati i più alti quadri della RSSA Ceceno – Inguscia prima della Rivoluzione Cecena. Il danno erariale calcolato è di 400 milioni di dollari. Dudaev assicura in una conferenza stampa che i colpevoli saranno presto giudicati in tribunale.

Bandiera della Confederazione dei Popoli Montanari del Caucaso

14 Dicembre

POLITICA NAZIONALE – Dudaev nomina Shamil Beno, imprenditore di origini ceceno – giordane, Ministro degli Esteri, ed Aslanbek Akbulatov, giornalista, Segretario di Stato.

15 Dicembre

CONFLITTI SOCIALI – In tutto il paese si registra un’ondata di crimini violenti. Le unità dipendenti dal Ministero dell’Interno, ridotte alla paralisi dal confronto tra la fazione lealista nei confronti del Ministro Umalt Alsultanov (tornato in carica al posto di Vakha Ibragimov) e la fazione che non riconosce la sua autorità, sembrano impotenti.

Anche il Servizio di Sicurezza Nazionale lamenta l’impossibilità di operare a causa del fatto che elementi della Guardia Nazionale stazionano nell’edificio dell’ex KGB, impedendone l’utilizzo ai funzionari.

16 Dicembre

POLITICA NAZIONALE – Con il Decreto Presidenziale numero 05 il Presidente Dudaev stabilisce il diritto di tutti i cittadini di possedere armi da fuoco “Nel rispetto delle tradizioni storiche dei Vaynakh, dello stile di vita sociale e dello stile di vita dei popoli della Repubblica Cecena, riconoscendo il diritto inalienabile e naturale dei cittadini all’autodifesa ed alla protezione dalle aggressioni criminali.”

Con Decreto Presidenziale “Sulla razionalizzazione delle attività di impresa commerciale, specializzate nel settore minerario, della produzione e della lavorazione di beni, materie prime e prodotti strategici per la repubblica” Dudaev impone uno stringente iter autorizzativo sull’esportazione di determinati beni e prodotti, in particolare quelli petroliferi, rispetto ai quali si riserva il diritto di autorizzare personalmente il dispacciamento.

Con il Decreto Presidenziale numero 06 “Sulla collaborazione tra gli enti pubblici ed il Rappresentante del Presidente della Repubblica Cecena” il Presidente chiede la collaborazione di enti e dipartimenti di stato nei confronti del suo rappresentante personale, Sultan Nurn Bauddi.

Secondo quanto riferito dal corrispondente ITAR – TASS Sherip Asuev, Parlamento e Presidente si scambiano reciproche critiche riguardo la velocità nello sviluppare il sistema giuridico del nuovo Stato (Costituzione in primis) e nella formazione di un governo politico che goda della fiducia del corpo legislativo.

POLITICA ESTERA – Con un accordo tra il governo ceceno e la compagnia di bandiera Armena l’aeroporto di Grozny diventa Hub passeggeri della compagnia. Il governo ceceno rifornirà di carburante i velivoli e in cambio la flotta aerea civile armena aprirà una linea di trasporto passeggeri.

19 Dicembre

POLITICA NAZIONALE – In attuazione del blocco delle esportazioni previsto dal Comitato per la Gestione Operativa dell’Economia Nazionale, il pompaggio di prodotti petroliferi dalla Repubblica verso la Russia viene bloccato. La misura è volta principalmente a costringere Mosca ad aprire canali diplomatici ufficiali per il riconoscimento della Repubblica Cecena.

20 Dicembre

ESTERI – In Georgia una frangia dell’esercito mette in atto un colpo di Stato militare ed occupa la capitale, Tbilisi. Il Presidente della Repubblica, Zviad Gamsakhurdia, acceso nazionalista e amico di Dzhokhar Dudaev, fugge dal paese e ripara dapprima in Azerbaijan, poi in Armenia.

POLITICA NAZIONALE – Il Parlamento della Repubblica vara un pacchetto di leggi a tutela della cultura nazionale. In ossequio alla tradizione islamica vengono vietate le autopsie e le sperimentazioni sui corpi dei deceduti (eccezion fatta per quelle disposte dal tribunale) e lo svolgimento dell’attività di ginecologo da parte di professionisti di sesso maschile. Il giorno di riposo settimanale viene spostato da domenica a venerdì, secondo la tradizione religiosa.

Il Presidente Dudaev vara un Decreto nel quale i passaporti sovietici perdono di validità, con la loro progressiva sostituzione ad opera del Ministero degli Affari Interni con documenti ufficiali della Repubblica Cecena, la cui stampa viene prevista entro il 1° Febbraio 1992.

POLITICA ESTERA – In serata Parlamento e Presidente emettono una dichiarazione comune nella quale dichiarano che la Repubblica Cecena è disposta ad entrare in qualsiasi organizzazione interstatale a condizioni di parità con qualsiasi altra nazione. Il riferimento è alla Comunità degli Stati Indipendenti (CSI), in procinto di nascere sulle ceneri dell’Unione Sovietica. Nessuna delle nazioni partecipanti al nuovo soggetto giuridico risponderà alla dichiarazione.

Combattimenti per le strade di Tbilisi

21 Dicembre

UNIONE SOVIETICA – Con gli accordi di Alma – Ata l’URSS cessa di fatto di esistere. Al suo posto viene istituita la Comunità degli Stati Indipendenti, della quale faranno parte quasi tutte le repubbliche ex sovietiche ad eccezione di quelle baltiche.

POLITICA NAZIONALE – Nel tentativo di aumentare il controllo sulle unità armate, il Presidente assume il comando della Guardia Nazionale e dei reparti armati delle forze dell’ordine operativi nella Repubblica.

In applicazione del suo stesso decreto, Dudaev si reca a registrare la propria arma personale.

23 Dicembre

NEGOZIATI RUSSO/CECENI  -Un tentativo di apertura dei negoziati annunciato pubblicamente dal Presidente del Soviet Supremo russo Yuri Yarov viene sconfessato dalla dirigenza cecena, la quale dichiara di non essere disposta ad aprire trattative fintanto che la Russia non riconoscerà l’indipendenza della Repubblica Cecena inviando ambasciatori ufficiali. In serata il governo invia un gesto di distensione autorizzando nuovamente il pompaggio dei prodotti petroliferi dalle raffinerie cecene in direzione degli snodi russi di Budennovsk, Armavir e Trudovaya.

POLITICA ESTERA – Parlando ad una conferenza stampa sugli eventi occorsi in Georgia e sull’imminente scioglimento dell’URSS, Dudaev dichiara illegittima la pretesa della Russia di ereditare strutture e impianti sovietici sui territori delle altre repubbliche ex – sovietiche, e conferma la disponibilità della Repubblica Cecena a far parte di un nuovo commonwealth a condizioni di parità tra tutti i suoi membri. Rispetto alle imminenti dimissioni di Gorbachev, Dudaev si dice contrario ad una sua destituzione, considerandolo “un vero democratico” ed auspicando ad una sua conferma alla leadership della nuova Comunità degli Stati Indipendenti. In riferimento al colpo di stato appena occorso in Georgia, il Presidente ceceno ha parlato di “forze oscure” che tenterebbero di condizionare la vita politica del paese, dicendosi comunque sicuro che i ceceni sapranno difendere la loro indipendenza da qualsiasi ingerenza esterna.

POLITICA NAZIONALE – Con il Decreto Presidenziale numero 7 il Presidente della Repubblica introduce una stretta sui viaggi all’estero dei funzionari statali, i quali sembrano fare un utilizzo piuttosto “disinvolto” dei fondi di cassa dedicati. Il decreto cita: Vieto categoricamente a tutti i Ministri, ai Direttori delle grandi imprese ed ai rappresentanti delle istituzioni di compiere viaggi di lavoro all’estero senza la mia preventiva autorizzazione. All’arrivo da un viaggio di lavoro essi dovranno inviarmi una segnalazione. Essi dovranno segnalare giornalmente al mio assistente dalle 9 alle 11 via telefono sui risultati ottenuti e sui piani di lavoro per il giorno seguente.”

Con il Decreto numero 8 del Presidente della Repubblica Cecena Sul pagamento degli stipendi dei dipendenti del Ministero dell’Interno e della Procura della Repubblica Dudaev istituisce un fondo specifico finanziato dai bilanci degli enti locali per il sostentamento economico dei due dicasteri.

24 Dicembre

POLITICA NAZIONALE – Viene promulgata dal Parlamento la Legge sulla Difesa. Vengono istituiti i dipartimenti ufficiali dell’esercito (Guardia Nazionale, Servizio di Frontiera, Truppe Interne, Forze Speciali, Servizio di Lavoro, Riserva) ed introdotta la leva obbligatoria di un anno (per i cittadini con istruzione superiore) e di un anno e mezzo (per coloro che ne sono sprovvisti) per tutti i cittadini tra i 18 ed i 26 anni di età.

Il Parlamento vara anche la “Legge sull’Attività del Parlamento della Repubblica Cecena” con la quale regolamenta il funzionamento dell’assemblea legislativa. La legge contiene anche la legittimazione del “Consiglio degli Anziani” (Il “Mekhk Khel”) deputato al “controllo morale ed alla supervisione delle attività istituzionali”.

25 Dicembre

UNIONE SOVIETICA – A seguito degli accordi di Alma – Ata, Mikhail Gorbachev si dimette da Presidente dell’URSS.

IRREDENTISMO INGUSCIO – Conseguentemente alla volontà manifestata dagli Ingusci di costituire una repubblica autonoma federata con la Russia, il Parlamento ceceno istituisce una Commissione per delimitare i nuovi confini tra Cecenia e Inguscezia. Il tema centrale di questa risistemazione dei confini saranno i distretti di Malgobek e di Sunzha, storicamente appartenenti alla Cecenia ma popolati principalmente da ingusci.

26 Dicembre

POLITICA ESTERA – Il Parlamento promulga una “Dichiarazione di Neutralità” con la quale la Repubblica Cecena ripudia qualsiasi accordo militare di natura aggressiva nei confronti di terzi, riconoscendo lo strumento bellico soltanto come mezzo legittimo di difesa della propria integrità territoriale. La dichiarazione comprende il riconoscimento ufficiale da parte della Repubblica di tutti gli stati costituiti dalle precedenti repubbliche sovietiche, e chiede contestualmente ad ognuna di loro il riconoscimento della Repubblica Cecena.

Relativamente allo stato di guerra civile che regna nella vicina Georgia, il governo ceceno invia una delegazione di parlamentari a proporre una mediazione tra le parti in conflitto. Anche il Presidente Dudaev invia una sua rappresentanza, dichiarando alla stampa che la Cecenia osserverà una rigorosa neutralità. Interrogato sull’argomento, il Ministro della Stampa e dell’Informazione, Movladi Ugudov, dichiara che nessun militante armato è stato inviato dalla Cecenia a supporto di alcuna delle parti. In serata il Ministro degli Esteri Shamil Beno conferma la posizione neutrale della delegazione cecena, dichiarando che sono in corso negoziati per interrompere i combattimenti tra le parti.

POLITICA NAZIONALE – Con il Decreto numero 9 del Presidente della Repubblica Cecena “Sul finanziamento dell’Ufficio del Presidente della Repubblica” l’Ufficio Presidenziale viene finanziato attingendo alle risorse disponibili nel conto corrente bancario a suo tempo dedicato al Consiglio dei Ministri della dissolta ASSR Ceceno – Inguscia.

28 Dicembre

POLITICA NAZIONALE – Con decreto presidenziale Dudaev cede la proprietà di numerosi appartamenti di edilizia popolare alle famiglie che li occupano, premiando alcune categorie socialmente svantaggiate, come le famiglie numerose, le madri sole, i malati cronici ed i disabili, i lavoratori nel campo dell’arte, della cultura, della medicina e dell’istruzione.

Dzhokhar Dudaev

30 Dicembre

POLITICA NAZIONALE – Nell’ultimo giorno utile dell’anno il Presidente Dudaev vara un pacchetto di decreti volto a garantire la formazione di un governo politico entro il mese di Gennaio, il quale rilevi i compiti dell’attuale governo provvisorio e quelli del Comitato per la Gestione dell’Economia Nazionale. Il primo decreto nomina una Commissione di Stato di Attestazione allo Scopo che si occupi di stilare entro il 15 Gennaio 1992 una lista di persone qualificate da inserire nel Consiglio dei Ministri.

Con un secondo decreto Dudaev interviene sulla pletora di nomine effettuate, spesso frettolosamente, durante il periodo insurrezionale, andando a regolamentare il sistema delle investiture pubbliche. Per effetto del decreto, qualsiasi nomina dirigenziale nel ramo esecutivo dello Stato deve essere preventivamente approvata dal Presidente della Repubblica in persona.

31 Dicembre

POLITICA ESTERA – Di fronte alle accuse di un coinvolgimento indiretto del governo separatista nella guerra civile scoppiata in Georgia, il Presidente della Commissione Esteri del Parlamento, nonché uno dei leader della Confederazione dei Popoli Montanari del Caucaso, Yusup Soslambekov, dichiara pubblicamente che nessun miliziano armato e nessuna arma da guerra sono stati inviati in Georgia a sostegno di alcuna fazione. Soslambekov conferma l’impegno del Parlamento ceceno alla soluzione pacifica del conflitto.