Archivi tag: Russian Federation

THE GENERAL OF NAUR – MEMORIES OF APTI BATALOV (Part II)

The first meeting with Maskhadov

My first meeting with Aslan Maskhadov, Chief of the General Staff of the Armed Forces of the Chechen Republic took place a few days after my appointment. That day I was summoned to Grozny for a meeting of the commanders of the military units. When I arrived in Grozny, I introduced myself to his office, which if I remember correctly was on the second floor of the building that housed the Headquarters. After a short wait I was called by one of his guards and invited to enter. Maskhadov’s office, then still a Colonel, was not large. He was sitting on his desk and writing. I greeted him with the usual Chechen greeting, he got up from his chair and replied with a counter greeting. When he had finished, he looked at me and asked me what the purpose of my visit was.

I introduced myself, and Merzhuyev ‘s order regarding my appointment as Commander of the districts of Naursk and Nadterechny was placed on the table. Maskhadov took the document, read it, crossed out a sentence with his pen and said to me: Have it wright again, I don’t have enough cops. And he gave me back my order. I took the paper and looked at what he had erased. After seeing his correction the blood went to my head, my face started to burn with anger. Maskhadov had ticked “Police Captain”. Holding back the indignation with difficulty, I replied: I did not ask for this position, I will not go to anyone and I will not write anything! To be honest, in a way, I was satisfied with this “entry” into the ChRI authorities. Now I could legitimately refuse my appointment and go home in peace. But as I reached the door Maskhadov called me back: The meeting will start in an hour, please go to the Central Control Center. I didn’t know what he was talking about and so, after taking my leave, I asked a guard what the Central Control Center ( TsKP ) was, and where it was. The guard told me that it was the Central Command Post, and that I could reach it on the first floor of the Presidential Palace, in the right wing. I headed for my destination, keeping the order in my pocket. I still keep it in my personal archive. As I walked, I thought to myself: Something is rotten in the state of Denmark. The subsequent history of the Republic confirmed the validity of my hypothesis.

False alarms. Luckly!

Between 29 and 30 August , at the Ishcherskaya checkpoint , we arrested a boy of about 25 from the Stavropol District. Subjected to inspection, in his backpack we found a T-shirt, underwear, a black mask and a full-face balaclava, as well as a silk rope of about one meter in length. In his pocket we found a letter which, we discovered, was addressed to his sister. We questioned him about the purpose of his trip to Chechnya, and he replied without hesitation that he had come to join the opposition and protect the Russians from the oppression and violence of the Dudaevites. He said that he had already fought in Yugoslavia, on the side of the Serbs, and that the mask and the rope he had already used there. He said that once he reached his destination he would send the letter to his sister, the only one who loved him, to inform her of his arrival. After detaining him, I called for ad AN – 2 from Khankala delivered him to Grozny. A few days later the “volunteer” was shown on TV and President Dudaev, in front of the reporters, after showing the mask and the cordon, read aloud the “letter from a volunteer”.

As I wrote earlier, all settlements in the region were equipped with radio stations, there was a consolidated link between the district and the village commander’s offices, at any time of day I could contact the commander of each village and know the situation in this settlement. In addition to ensuring the safety of the Naur region from the Avturkhanov opposition, we, through our local supporters in the village of Znamenskoye , who were not few, monitored what was happening in the opposition camp, and relayed reports to Grozny. We had a signalman who knew radio stations well once he served in Afghanistan as radio operator in a GRU sabotage detachment.

One day, the operator tuned in to the opposition radio station in Znamenskoye , and listened to a radio conversation of our opponents that was endlessly repeated: Tonight , at zero – zero, the time X arrives. Fearing to be heard, I decided to deliver the report personally, and went to Grozny myself. Arriving at the Presidential Palace, I went to the Central Command Post, but found no one. It was late at night, but the news was too important, so I went to the sixth (or possibly seventh) floor, where Colonel Merzhuyev ‘s office was located . After listening to me, he confirmed my fears: Apparently tonight, or early in the morning, something will happen. The Ingush [I don’t know who he was referring to] received orders from Moscow to block the Rostov – Baku highway and to keep it ready for the mass advance of military vehicles.

Merzhuyev was visibly agitated by my message. Before leaving, he asked me to warn Abu Arsanukaev , commander of the Presidential Guard, to strengthen security around the Palace. Having found Arsanukaev , I sent him Mershuyev ‘s order , and he began to tinker with the armored vehicle parked at the entrance, a BRDM armed with a machine gun. After a brief check, it became clear that the vehicle’s machine gun was unable to fire. The guards present began to look for an alternative: it seems that a tank was available, stationed around a nearby corner, but that it was unable to move and that they should have towed it.

I thought, disconsolately, about the conversation with Merzhuyev , while observing the readiness or rather, the non-readiness of the defense of the Presidential Palace in the event of an attack. I returned to Ishcherskaya , waiting for the impending attack. Fortunately, neither that day nor the next day did anything happen. A week or two later Mershuyev apparently quit for health reasons.

Musa Merzhuyev (left) attends the Independence Day military parade, September 6, 1993

The hardest two hours of my life

On 23 August 1994 an opposition unit, mounted on trucks and escorted by two T – 64s, appeared near Chernokozovo, a few kilometers from Naurskaya. Waiting for him was a crowd of local residents, led by the Prefect, Aindi Akhaev , who literally seized the tanks, disarmed the avturkhanovites and sent them back, with a promise never to come back armed. Shortly thereafter, I received an ultimatum from Avturkhanov: either we would return the wagons to him and remove the roadblocks, or, in his words, he would march into the district in bloody boots . Receiving no response from us, he sent a messenger and asked me for a meeting on the bridge between Ishcherskaya and Znamenskoye . I accepted, and went to the birdge. Halfway there was a Volga, from which first a tall man with blond hair got out, then Avturkhanov.

We shook hands. His was sweaty, and visibly trembling. I mocked him, asking: What is it, Umar, don’t you have reliable Chechens to use as bodyguards? He muttered back to me, then moved on to threats. He asked me to return the tanks to him, and to my refusal he replied: I’ll give you two hours, otherwise I’ll reduce you to dust! He did not insist again on the dismantling of the roadblock, perhaps he had forgotten. I replied aloud, in Russian: we’ll see who cancels whom. We are waiting for you. I went back to my companions and told them about our conversation. We prepared to repel the attack. Fifteen minutes later, on the other side of the river we noticed a great commotion: civilian cars were massing at the checkpoint, a ZPU-2 anti-aircraft gun had appeared out of nowhere, and its turret rotated left and right, aimed at ours. locations.

The moment was very tense, and some of us started running away. A police officer who was with me along with four of his fellow soldiers stated that he had been urgently recalled to the District Police Department, and that they should leave us. I couldn’t resist, and I let them go. Other militiamen also left. I had to do something, so I ordered one of the tanks we had seized to be placed at the entrance to the Checkpoint, and aimed the gun at our opponents. At the sight of the tank, the opposition militants on the other side began to fidget, running back and forth. Two painful hours passed while we awaited the attack. If there had been a well-organized attack, we would never have been able to keep the bridge. They would have taken the tank back from us, and no one could have helped us. The difference between our forces and theirs was too great, we barely had two magazines each, and neither of us had military experience. If Avturkhanov had persisted, the bridge would have fallen. At the time I did not understand why he considered it so important to enter the Naursk District, being able to use the road from Lomaz – Yurt to Znamenskoye , along the right side of the Terek, to get to Grozny. Only some time ago, in a conversation with a guy who was an opposition militant at the time, I learned that the anti – Dudaevites had trouble getting the equipment through that street, because the inhabitants of Lomaz – Yurt (now Bratskoye ) they were for the most part supporters of Dudaev, and opposed arms in hand to the passing of arms against the government. Avturkhanov wanted to check the bridge in order to use the road on the left bank of the Terek. But these things I learned only later. I was not aware of this at the time, and I did not understand what this opposition showdown was for.

Eventually Avturkhanov gave up. There was no attack. The Avturkhanovites limited themselves to undermining their side of the bridge and damaging it, leaving only a narrow pedestrian passage. That day I learned about who was with me: I was very proud of the companions who remained. To be honest, these two hours were perhaps the hardest hours of my life for me. The most difficult because for the first time, I had to make a decision that could have had serious consequences. In those days the Chechens were not so indifferent to the bloodshed of their compatriots, they were not yet hardened by the hatred due to political differences!

After the war, when I was director of the National Security Service, I learned from an inmate that the Provisional Council had organized the August 23 Raid to try to take over the entire district. The raid on Naurskaya, stopped by Akhaev in Chernokozovo , was supposed to induce the population of the district to surrender, taking the militia behind while they were busy defending the checkpoints. What Avturkhanov’s strategists had not considered was the courage of the people of Naursk and Mekenskaya . They were simple people, but very determined, who with their courage made the plan of our adversaries fail.

Dudaev (left) Maskhadov (centre) Edilov (Right)

VERSIONE ITALIANA

PARTE II

Il primo incontro con Maskhadov

Il mio primo incontro con Aslan Maskhadov, Capo di Stato Maggiore Generale delle Forze Armate della Repubblica Cecena è avvenuto pochi giorni dopo la mia nomina. Quel giorno fui convocato a Grozny per una riunione dei comandanti delle unità militari. Arrivato a Grozny, mi presentai nel suo ufficio, che se non ricordo male si trovava al secondo piano dell’edificio che ospitava il Quartier Generale. Dopo una breve anticamera fui chiamato da una delle sue guardie ed invitato ad entrare. L’ufficio di Maskhadov, allora ancora Colonnello, non era grande. Egli era seduto sulla sua scrivania e scriveva. Lo salutai con il consueto saluto ceceno, lui si alzò dalla sedia e rispose con un contro saluto. Quando ebbe finito di scrivere, mi guardò e mi chiese quale fosse lo scopo della mia visita.

Mi presentai, e l’ordine di Merzhuyev riguardo la mia nomina a Comandante dei distretti di Naursk e Nadterechny gli fu posto sul tavolo. Maskhadov prese il documento, lo lesse, barrò una frase con la penna e mi disse: Fallo rifare, non ho abbastanza poliziotti. E mi restituì l’ordine. Io presi il foglio e guardai che cosa avesse cancellato. Dopo aver visto la sua correzione il sangue mi andò alla testa, il mio viso iniziò a bruciare di eccitazione. Maskhadov aveva barrato “Capitano della Polizia”. Trattenendo a fatica l’indignazione, risposi: Non ho chiesto io questa posizione, non andrò da nessuno e non scriverò nulla! Ad essere onesti, in un certo modo, ero soddisfatto di questo “ingresso” nelle autorità della ChRI. Ora potevo legittimamente rifiutare la mia nomina e tornare a casa in pace. Ma come raggiunsi la porta Maskhadov mi richiamò: La riunione comincerà tra un’ora, fatti trovare al Centro di Controllo Centrale. Io non sapevo di cosa stesse parlando e così, dopo essermi congedato, chiesi ad una guardia che cosa fosse il Centro di Controllo Centrale (TsKP), e dove si trovasse. La guardia mi precisò che si trattava del Posto di Comando Centrale, e che avrei potuto raggiungerlo al primo piano del Palazzo Presidenziale, nell’ala destra.

Dopo aver salutato, mi avviai verso la mia destinazione, tenendo l’ordine in tasca. Lo conservo ancora, nel mio archivio personale. Mentre camminavo, pensai tra me e me: “C’è del marcio in Danimarca”. La successiva storia della Repubblica confermò la validità di questa mia ipotesi.

Falsi allarmi. Per fortuna!

Tra il 29 ed il 30 Agosto, al posto di blocco di Ishcherskaya, fermammo un ragazzo di circa 25 anni proveniente dal Distretto di Stavropol. Sottoposto ad ispezione, nel suo zaino trovammo una maglietta, della biancheria, una maschera nera ed un passamontagna integrale, oltre ad una corda di seta di circa un metro di lunghezza. In tasca gli trovammo una lettera che, scoprimmo, era indirizzata alla sorella. Lo interrogammo riguardo lo scopo del suo viaggio in Cecenia, e lui rispose senza esitazione che era venuto per unirsi all’opposizione e proteggere i russi dall’oppressione e dalla violenza dei dudaeviti. Disse che aveva già combattuto in Jugoslavia, dalla parte dei serbi, e che la maschera e la corda li aveva già usati lì. Disse che una volta giunto a destinazione avrebbe inviato la lettera alla sorella, l’unica che gli volesse bene, per comunicarle il suo arrivo. Dopo averlo trattenuto, feci arrivare un AN – 2 da Khankala e lo feci consegnare a Grozny. Pochi giorni dopo il “volontario” fu mostrato alla TV ed il Presidente Dudaev, davanti ai giornalisti,  dopo aver mostrato la maschera ed il cordone, lesse ad alta voce la “lettera di un volontario”.

Come ho scritto in precedenza, tutti gli insediamenti della regione erano dotati di stazioni radio, c’era un collegamento consolidato tra il distretto e gli uffici del comandante del villaggio, a qualsiasi ora del giorno potevo contattare il comandante Di ogni villaggio e conoscere la situazione in questo insediamento. Oltre a garantire la sicurezza della regione di Naur da parte dell’opposizione di Avturkhanov, noi, attraverso i nostri sostenitori locali nel villaggio di Znamenskoye, che non erano pochi, monitoravamo quanto stava accadendo nel campo dell’opposizione, e trasmettevamo rapporti a Grozny. Avevamo un segnalatore che conosceva bene le stazioni radio, una volta ha attraversato l’Afghanistan dove era un operatore radio in un distaccamento di sabotaggio del GRU.

Un giorno, l’operatore si sintonizzò sulla stazione radio dell’opposizione a Znamenskoye, ed ascoltò una conversazione radio dei nostri avversari che si ripeteva incessantemente: Questa notte, a zero – zero, arriva l’ora X. Temendo che anche le nostre conversazioni fossero ascoltate, decisi di recapitare il rapporto personalmente, e mi recai di persona a Grozny. Giunto al Palazzo Presidenziale, mi recai al Posto di Comando Centrale, ma non trovai nessuno. Era notte fonda, ma la notizia era troppo importante, così mi recai al sesto (o forse al settimo) piano, dove si trovava l’ufficio del Colonnello Merzhuyev. Dopo avermi ascoltato, questi confermò i miei timori: A quanto pare questa notte, o al mattino presto, succederà qualcosa. L’Inguscio [non so a chi si riferisse] ha ricevuto ordini da Mosca di bloccare l’autostrata Rostov – Baku e di tenerla pronta per l’avanzata in massa di mezzi militari.

Merzhuyev era visibilmente agitato dal mio messaggio. Prima di prendere commiato, mi chiese di avvisare Abu Arsanukaev, comandante della Guardia Presidenziale, di rafforzare la sicurezza intorno al Palazzo. Trovato Arsanukaev, gli trasmisi l’ordine di Mershuyev, e questi si mise ad armeggiare con il mezzo blindato parcheggiato all’ingresso, un BRDM armato di mitragliatrice. Dopo un breve controllo, fu chiaro che la mitragliatrice del veicolo non era in grado di sparare. Le guardie presenti si misero a cercare un’alternativa: pare che fosse disponibile un carro armato, appostato dietro ad un angolo lì vicino, ma che non fosse in grado di muoversi e che avrebbero dovuto rimorchiarlo.

Ripensai, sconsolato, alla conversazione con Merzhuyev, mentre osservavo la prontezza o meglio, la non prontezza della difesa del Palazzo Presidenziale in caso di attacco. Tornai ad Ishcherskaya, aspettando l’attacco imminente. Fortunatamente, né quel giorno, né il giorno successivo accadde nulla. Una o due settimane dopo Mershuyev si licenziò a quanto pare per motivi di salute. Non l’ho più visto

Le due ore più difficili della mia vita

Il 23 Agosto 1994 un reparto dell’opposizione, montato su camion e scortato da due T – 64 comparve nei pressi di Chernokozovo, a pochi chilometri da Naur. Ad attenderlo c’era una folla di residenti locali, guidati dal Prefetto, Aindi Akhaev, i quali letteralmente sequestrarono i carri armati, disarmarono gli avturkhanoviti e li rispedirono indietro, con la promessa di non tornare mai più armati. Poco dopo ricevetti un ultimatum da Avturkhanov: o gli restituivamo i carri e rimuovevamo i posti di blocco, oppure, citando le sue parole, egli avrebbe marciato sul distretto con gli stivali insenguinati. Non ricevendo da noi alcuna risposta, inviò un messaggero e mi chiese un incontro sul ponte tra Ishcherskaya e Znamenskoye. Io accettai, e mi recai sul ponte. A metà strada c’era una Volga, dalla quale scese dapprima un uomo alto, coi capelli biondi, poi Avturkhanov.

Ci stringemmo la mano. La sua era sudata, e visibilmente tremante. Lo irrisi, chiedendogli: Che c’è, Umar, non hai ceceni affidabili da usare come guardie del corpo? Quello mi rispose bofonchiando, poi passò alle minacce. Mi chiese di restituirgli i carri armati, e al mio rifiuto rispose: ti do due ore, altrimenti vi riduco in polvere! Non insistette nuovamente sullo smantellamento del posto di blocco, forse se n’era dimenticato. Io gli risposi ad alta voce, in russo: vedremo chi cancellerà chi. Vi aspettiamo. Tornai dai miei compagni e raccontai loro della nostra conversazione. Ci preparammo a respingere l’attacco. Quindici minuti dopo, dall’altra parte del fiume notammo un gran trambusto: auto civili si stavano ammassando al posto di blocco, un cannone antiaereo ZPU – 2 era apparso dal nulla, e la sua torretta ruotava a destra e a sinistra, diretta contro le nostre posizioni.

Il momento era molto teso, ed alcuni di noi iniziarono a darsela a gambe. Un ufficiale di polizia che era con me insieme a quattro suoi commilitoni dichiarò che era stato richiamato urgentemente al Dipartimento di Polizia Distrettuale, e che avrebbero dovuto lasciarci. Non potevo oppormi, e li lasciai partire. Anche altri miliziani se ne andarono. Dovevo fare qualcosa, e allora ordinai che uno dei carri che avevamo sequestrato fosse posizionato all’ingresso del Checkpoint, e che puntasse il cannone contro i nostri avversari.  Alla vista del carro, dall’altra parte i militanti dell’opposizione iniziarono ad agitarsi, correndo avanti e indietro. Passarono due ore dolorose, mentre attendevamo l’attacco. Se ci fosse stato un attacco ben organizzato, non avremmo mai potuto tenere il ponte. Loro ci avrebbero ripreso il carro armato, e nessuno avrebbe potuto aiutarci. La differenza tra le nostre forze e le loro era troppo grande, noi avevamo appena due caricatori a testa, e nessuno di noi aveva esperienza militare. Se Avturkhanov avesse insistito, il ponte sarebbe caduto. Sul momento non capivo perché ritenesse così importante penetrare nel Distretto di Naursk, potendo utilizzare la strada che da Lomaz – Yurt procede pe Znamenskoye, costeggiando il lato destro del Terek, per arrivare a Grozny. Soltanto qualche tempo da, conversando con un tizio che a quel tempo era un militante dell’opposizione, ho saputo che gli anti – dudaeviti avevano problemi a far passare l’equipaggiamento da quella strada, perché gli abitanti di Lomaz – Yurt (oggi Bratskoye) erano per la maggior parte sostenitori di Dudaev, e si opponevano armi in pugno al passaggio di armi contro il governo. Avturkhanov voleva controllare il ponte per poter usare la strada sulla sponda sinistra del Terek. Ma queste cose le ho sapute soltanto dopo. All’epoca non ne ero informato, e non capivo a cosa servisse questa prova di forza da parte dell’opposizione. 

Alla fine Avturkhanov desistette. Non ci fu alcun attacco. Gli avturkhanoviti si limitarono a minare il loro versante del ponte e a danneggiarlo, lasciando soltanto uno stretto passaggio pedonale. Quel giorno imparai a conoscere chi era con me: fui molto orgoglioso dei compagni che erano rimasti. Ad essere sincero, per me  queste due ore sono state forse le ore più difficili della mia vita. Le più difficili perché per la prima volta, dovetti prendere una decisione che avrebbe potuto produrre gravi conseguenze. A quei tempi i ceceni non erano così indifferenti allo spargimento di sangue dei loro compatrioti, non erano ancora induriti dall’odio dovuto alle differenze politiche!

Dopo la guerra, quando ero direttore del Servizio di Sicurezza Nazionale, seppi da un detenuto che il Consiglio Provvisorio aveva organizzato il Raid del 23 Agosto per tentare di impossessarsi dell’intero distretto. Il raid su Naur, fermato da Akhaev a Chernokozovo, avrebbe dovuto indurre la popolazione del distretto ad arrendersi, prendendo la milizia alle spalle mentre era impegnata a difendere i posti di blocco. Quello che gli strateghi di Avturkhanov non avevano considerato era il coraggio delle popolazioni di Naursk e di Mekenskaya. Si trattava di persone semplici, ma molto determinate, che con il loro coraggio fecero fallire il piano dei nostri avversari.

Le parole di Dudaev sull’Ucraina

Nel 1995, durante la Prima Guerra Cecena, Dzhokhar Dudaev rilasciò un’intervista (della quale alleghiamo il link) che, alla luce degli eventi in corso in Ucraina, potremmo definire profetica. Parlando degli appetiti imperiali di Mosca, da lui definiti “Russismo”, Previde uno scontro “mortale” tra Russia e Ucraina. Ne riproponiamo oggi una traduzione in Inglese, a cura di Inna Kurochkina, e la sua trascrizione in italiano.

Of course, Russia’s plans and appetites have been always wide. But they stopped in Afghanistan.

You know, as in a joke: An Ant goes bandaged, and a mosquito asks. “What’s the matter with you, Murik, dear? What happened?” – “Yes … There was a case … I wanted to taste a firefly, but I ran into a cigarette butt.”

That’s how they ran into Afghanistan. And their appetite has waned a bit. And when they failed in Afghanistan, they decided to change their policy, to win Europe over to their side, ideologists and politicians. And Russia started to flirt with Europe. To intensify their influence up to the Indian Ocean, the Middle East, the Bosphorus, the Red Sea, and then slap Europe as well. Then Afghanistan, and then other difficulties, and now also Ichkeria. Ichkeria reduced Russia’s appetite a little, but did not stop.

There will still be a massacre in Crimea. Ukraine will still clash with Russia…deadly…  As long as “Rusism” exists, it will never give up its ambitions. Right now, “Slavic” plan is there … under this brand, they want to crush Ukraine and Belarus again, as in the old days. Russia wants to get stronger. Now no one wants to be with Russia and in an alliance, either in the military… not only in the military… in the economic, and in the political, and even in the trade sense.

Because they have studied well.

TRADUZIONE ITALIANA

Ovviamente, i piani e gli appetiti russi sono sempre stati voraci. Ma furono frustrati in Afghanistan.

Sai, come in quella barzelletta: una formica si aggira, tutta bendata, ed una zanzara gli chiede: “Che ti succede, Murik Caro? Cosa è successo?” – “Si, è successa una cosa…volevo assaggiare una lucciola, ma sono finito addosso ad un mozzicone di sigaretta”

E’ così che finirono in Afghanistan. E il loro appetito fu ridotto un po’. A quando fallirono in Afghanistan, decisero di cambiare la loro politica, per battere l’Europa sul suo terreno, ideologico e politico. E la Russia iniziò a flirtare con l’Europa, per intensificare la sua influenza nell’Oceano Indiano, nel Medio Oriente, nel Bosforo, nel Mar Rosso, per poi prendere a schiaffi per bene l’Europa. Poi l’Afghanistan, e ancora altre difficoltà, e ora anche l’Ichkeria. l’Ichkeria ha ridotto un po’ gli appetiti russi, ma non li ha fermati.

Ci sarà ancora un massacro in Crimea. L’Ucraina si scontrerà nuovamente contro la Russia, mortalmente…finchè esisterà il Russismo, questo non rinuncerà mai alle sue ambizioni. In questo momento, il piano “Slavo” è lì…sotto questo marchio, vogliono schiacciare un’altra volta Ucraina e Bielorussia, come ai vecchi tempi. La Russia vuole diventare più forte. Adesso nessuno vuole stare in un’alleanza con la Russia, nè militare, nè economica, nè politica, nè commerciale.

Perchè hanno studiato bene.

LA VOCE DEL NEMICO: L’ICHKERIA SECONDO TROSHEV (PARTE 1)

Gennady Troshev è stato uno dei protagonisti delle due guerre russo – cecene: comandò le forze federali durante il primo conflitto, guidò la difesa del Daghestan dall’invasione islamista dell’Agosto 1999 e poi di nuovo la seconda invasione della Cecenia. Su questa esperienza ha scritto tre libri: “La mia guerra: Diario di un Generale in Trincea” (2001) “Recidiva Cecena: Note del Comandante” (2003) e “Pausa Cecena: Diari e Ricordi (2008).  Si tratta di raccolte di documenti, resoconti, riflessioni, che fanno somigliare i tre libri più ad un diario personale che ad un memoriale organico.

Troshev fu uno dei più accaniti oppositori della Repubblica Cecena di Ichkeria. Le sue memorie, come vedremo, lasciano trasparire in maniera chiara il suo punto di vista non soltanto come militare, ma anche come funzionario leale alla causa della Federazione Russa, fiero oppositore del secessionismo ceceno e implacabile critico dei suoi leaders. Le sue parole non sono quelle dello storico, o dell’analista politico: forse proprio per questo spiegano in maniera più efficace (in quanto non – neutrale) le ragioni di chi prese le armi contro la ChRI.

Lo slideshow mostra le copertine dei tre libri scritti da Troshev

SERVIZI SEGRETI

Troshev ebbe fin dall’inizio una pessima opinione di Dudaev. Lo considerava come una sorta di “gangster in divisa”, e biasimava il governo russo per averlo indirettamente favorito rispetto a Zavgaev, del quale apprezzava il pragmatismo e la visione di prospettiva. Secondo lui Dudaev aveva avuto più di un alleato “non convenzionale”: il neonato governo Eltsin, come dicevamo, ma anche i servizi segreti di molti paesi, desiderosi a vario titolo di indebolire la posizione della Russia.

“E’ anche assolutamente indiscutibile che molti servizi segreti stranieri abbiano “ereditato” la Cecenia. Soprattutto quelli mediorientali. Sotto la “copertura” di varie compagnie, hanno svolto il loro lavoro praticamente alla luce del sole, con lo scopo non tanto di raccogliere informazioni, quanto di preparare il conflitto militare tra la Cecenia e la Russia. Ciò è dimostrato da numerose intercettazioni di informazioni di intelligence e dalle testimonianze degli stessi agenti. Mosca ha reagito lentamente a queste circostanze. Come mi ha detto a Grozny uno degli alti rappresentanti delle forze dell’ordine russe, questa passività è stata associata alla corruzione dei vertici del governo federale ed all’instabilità della situazione politica nel paese nel suo complesso.”

La guerra, quindi, fu procurata secondo Troshev anche dall’intervento di forze esterne intenzionate ad aumentare l’attrito tra i nazionalisti ceceni ed il governo federale.

Dzokhar Dudaev in abito

IMPREPARAZIONE DELL’ESERCITO FEDERALE

Troshev fu inviato a guidare le unità dell’esercito federale poco dopo l’ingresso delle truppe in Cecenia. Come comandante dovette confrontarsi fin da subito con la carenza organizzativa e morale dell’esercito che era stato inviato a guidare.

“l’operazione [l’assalto a Grozny, ndr.] è iniziata il 31 dicembre 1994. Secondo alcuni generali l’iniziativa per l’assalto “festivo” di Capodanno sarebbe stata ideata da persone appartenenti alla cerchia ristretta del Ministero della Difesa, desiderose di far coincidere la cattura della città con il compleanno di Pave Sergeevich [Grachev, Ndr.]. Non so quanto ci sia di vero qui, ma il fatto che l’operazione sia stata davvero preparata in fretta, senza una reale valutazione delle forze e dei mezzi del nemico è un dato di fatto. Non si fece in tempo neanche a dare un nome all’operazione.

Sulla base dei dati operativi sul gruppo a difesa della città, era necessario avere almeno 50/60 mila persone per l’assalto. Questi calcoli hanno una propria logica, dimostrata dall’esperienza storica. […] Al 3 Gennaio non c’erano più di cinquemila persone a Grozny e, lasciatemelo ricordare, c’erano il doppio dei militanti!

Le comunicazioni radio nelle unità che assaltavano Grozny erano quasi paralizzate a causa della confusione che regnava nell’aria. Non c’era praticamente alcuna integrazione tra le unità, l’inesperienza affliggeva la maggior parte dei guidatori dei carri armati e dei veicoli da combattimento per fanteria. […] Colonne miste (automobili e mezzi blindati) si allungavano su strade strette senza margini di manovra. Di conseguenza, fanteria ed equipaggiamento furono colpiti dagli edifici a bruciapelo. I comandanti, a partire dal comandante di battaglione a seguire, in realtà non avevano una mappa di Grozny, da qui le frequenti “interruzioni” del percorso, e la perdita di orientamento. E se qualcuno aveva le mappe, erano nella migliore delle ipotesi modelli del 1980, molto obsoleti e mancanti di interi microdistretti.

I numeri citati da Troshev riguardo la consistenza delle unità attaccanti non devono essere mal interpetati: per lui erano da considerarsi unità combattenti soltanto gli uomini inquadrati nell’esercito, e tra questi soltanto i reparti che guidarono il primo assalto alla città. L’opinione del Generale qui è sostanzialmente quella sostenuta dalla maggior parte degli analisti militari: l’invasione della Cecenia e l’assalto a Grozny furono improvvisati e guidati dalla convinzione che una semplice prova di forza sarebbe bastata a far fuggire i separatisti.

CRIMINI DI GUERRA

La Prima Guerra Cecena vide la Russia sconfitta prima di tutto sul fronte dell’informazione. Impreparati a gestire la mediaticità dei nuovi conflitti, i comandi russi si trovarono a doversi proteggere da un fuoco di critiche, essendo incapaci di seguire un’efficace strategia comunicativa. Il fulcro della propaganda separatista furono i costanti resoconti delle atrocità commesse dall’esercito federale, ma soprattutto dalla polizia OMON, sui civili ceceni. Nelle sue memorie Troshev racconta una sua versione dei crimini di guerra compiuti dai separatisti, dei quali i media e l’opinione pubblica sembravano, a suo parere, non curarsi:

“Uno degli spettacoli preferiti dai militanti della prima guerra erano i combattimenti tra schiavi. Penso che valga la pena menzionare anche questo. I militanti spesso organizzavano qualcosa di simile ai combattimenti di gladiatori: se vinci vivrai, se perdi, tu stesso avrai scelto la morte. Per salvarsi la vita alcuni dei prigionieri hanno accettato di convertirsi all’Islam. Successivamente i “convertiti” hanno affermato nelle interviste che essere musulmani significava servire la verità, che la Russia era un aggressore che stava compiendo un’ingiusta azione in Cecenia, e che i ceceni (cioè i banditi) erano giusti, stavano conducendo una guerra santa contro gli infedeli. […] L’adozione dell’Islam era cosparsa di sangue: prima di accettare l’Islam il prigioniero doveva sparare o pugnalare il suo compagno di prigionia […].

Anche rispetto agli eccessi compiuti dai militari russi, Troshev aveva una sua idea piuttosto chiara: i “suoi” uomini si comportarono sempre piuttosto bene, e laddove ci furono crimini, questi furono compiuti essenzialmente dalle unità dipendenti dal Ministero degli Interni, e dalla Polizia OMON:

“La prolungata presenza di truppe federali nei punti di schieramento, la passività nel disarmo dei gruppi di banditi e l’aumento del numero delle cosiddette perdite non combattenti hanno avuto un effetto deprimente sul personale. I casi di saccheggi sono diventati più frequenti, sempre più spesso si è cominciato a licenziare “soldati a contratto” per ubriachezza… […] Di quali standard etici possiamo parlare se i residenti di alcuni insediamenti classificano le forze federali a modo loro “per gradi”? Il primo scaglione combatte principalmente i banditi e condivide pane e cibo in scatola con i civili (si tratta principalmente di uomini dell’esercito). Il secondo scaglione fa una “pulizia”, non condivide nulla, ma non entra in casa finchè non lancia una granata per ogni evenienza, schiacciando tutto ciò che gli sta intorno (truppe interne). Il terzo “scaglione” passa per il villaggio con grandi borse in spalla e ruba tutto ciò che ha valora dai residenti locali (questa è principalmente la polizia). Questo “scaglionamento”, ripeto, non è stato inventato da me o dal quartier generale delle forze federali. Questa è la terminologia dei civili in Cecenia. Non voglio denigrare i rappresentanti delle truppe interne e della polizia (sono nostri fratelli d’armi) ma non ho nemmeno il diritto di chiudere gli occhi su tali fatti, poiché queste rapine possono in un attimo annullare enormi sforzi e vittorie di tutte le forze federali, compreso il Ministero degli Affari Interni, ottenute nelle battaglie con i banditi.”

Militari russi posano davanti ad una abitazione data alle fiamme.

ORGANIZZAZIONE MILITARE DEI SEPARATISTI

A dispetto dell’immagine descritta a posteriore dai separatisti, secondo la quale l’esercito dei difensori era poco più che un’accozzaglia di giovani volontari armati alla meno peggio e animati soltanto dal sacro dovere di resistere, Troshev descrive quanto invece, secondo lui, il fronte militare avversario forze forte e ben organizzato (nonché fiancheggiato da migliaia di mercenari), e di quanto difficile sarebbe stato per qualsiasi esercito piegarlo in battaglia:

Al 1° Marzo 1995 il numero totale del personale dei gruppi armati illegali, escluse le potenziali riserve nelle zone montuose, raggiungeva più di novemila persone, tra le quali più di tremilacinquecento erano mercenari e volontari provenienti dall’estero, vicino e lontano. Erano armati con più di 20 carri armati, 35 veicoli blindati per il trasporto della fanteria, 40 cannoni e mortai, 5 – 7 installazioni GRAD, 20 sistemi antiaerei. Allo stesso tempo, nel solo mese di Febbraio, il numero dei veicoli corazzati è raddoppiato a seguito delle riparazioni avviate nelle rimesse di Shali e Gudermes, ed anche la fornitura di armi attraverso Azerbaijan e Georgia è aumentata. I dudaeviti continuarono a raggruppare le loro forze ed i loro mezzi, preparandosi per le future battaglie. L’attenzione principale era posta al rafforzamento della difesa dei fronti di Gudermes e Shali. I gruppi militanti, qui, sono diventati i principali, poiché il baricentro della resistenza alle truppe federali si era spostato nelle regioni orientali e sudorientali della Repubblica. […] I militanti avevano preparato le basi con armi, munizioni, medicinali e cibo in anticipo, il che permise loro di condurre operazioni di combattimento in autonomia per lungo tempo. Nell’Est della Repubblica spiccavano le unità di difesa di Argun, Shali e Gudermes. La posizione geografica militarmente favorevole e la presenza di barriere d’acqua ramificate […] rafforzava i già potenti centri di resistenza. Ad esempio, la piazzaforte di Shali includeva due linee di difesa ben separate. La prima, su entrambe le rive del fiume Argun, sul lato di Chechen – Aul, Starye Atagi e Belgatoy. La seconda dentro Shali e nei sobborghi più vicini, con una rete sviluppata di strade di accesso che consentiva al nemico, se necessario, di manovrare prontamente con uomini e mezzi. Secondo le nostre informazioni qui erano concentrati fino a 1700 militanti, carri armati, artiglieria e mortai, oltre a diversi lanciarazzi. Non era escluso che da un momento all’altro potessero essere supportati da distaccamenti di militanti (fino a 500 persone) con attrezzatura provenienti dalla regione di Vedeno e dagli insediamenti di Kurchaloy e Avtury.

DOPO BUDENNOVSK

Il Raid su Budennovsk fu l’evento che determinò una svolta radicale nel primo conflitto ceceno. L’azione, ideata a portata a termine da Basayev e dai suoi luogotenenti, costrinse il governo federale a negoziare un cessate – il – fuoco, creando le premesse di quella “strana guerra” che, trascinandosi fino all’autunno del 1995, avrebbe permesso ai separatisti di riorganizzarsi e di preparare la riscossa del 1996.

“Avendo abbandonato il confronto diretto e utilizzando un accordo su un cessate il fuoco reciproco, i militanti hanno fatto affidamento sulle tattiche di guerriglia, del sabotaggio e delle attività terroristiche. Molti uomini ceceni ripresero nuovamente le armi. In montagna di formarono gruppi per compiere sabotaggi, vennero create nuove basi dei militanti, dove venivano addestrati i sabotatori. In particolari, “scuole” simili erano situate nelle vicinanze di Bamut, di Orekhov, di Roshni – Chu. Un centro di formazione operava sul territorio della vicina Inguscezia – presso il dipartimento regionale degli affari interni della regione di Dzheyrakh, nell’edificio del sanatorio “Armkhi”. Durante la moratoria, il comando dei militanti provenienti da distaccamenti sparsi e demoralizzati è riuscito a riunire quattro gruppi relativamente grandi, rifornirli di “volontari”, armi e munizioni, ripristinare il sistema di controllo e dispiegare un nuovo sistema di comunicazione cellulare.

Alla fine di Agosto i gruppi di banditi, fino a cinquemila, si erano concentrati in quattro regioni principali: est, sud, ovest e centro. Erano armati con 10 carri armati, 12/14 veicoli da combattimento per la fanteria e veicoli blindati, 15/16 cannoni e mortai, diversi lanciarazzi a lancio multiplo, due dozzine di sistemi missilistici antiaerei. Attrezzature e armi arrivavano dall’estero attraverso Azerbaijan, Georgia e Inguscezia. La comunicazione tra i posti di controllo dei gruppi armati illegali era garantita da un sistema ad onde ultracorte a sette frequenze fisse, utilizzando stazioni radio della società Motorola. Per garantire la segretezza, il comando militare cambiò i nominativi degli ufficiali e dei comandanti sul campo che lavoravano nella rete radio del controllo operativo.

Mentre le nostre truppe erano sulle montagne, il nemico iniziò a ritirare le sue truppe nella pianure, inclusa Grozny. Gli attacchi con armi leggere, mortai e lanciagranate ai posti di blocco e alle basi dei federali non si fermava, La “guerra contro le mine” si svolgeva su larga scala. Anche nel processo di consegna delle armi da parte della popolazione, i militanti cercavano di ottenere il massimo beneficio per loro stessi: portavano per lo più armi vecchie o difettose e ricevevano una discreta ricompensa in denaro per ogni carico. Poi persone fidate dei militanti compravano armi nuove ai bazar con questo denaro. Questa è una scena abbastanza tipica. Si capiva sempre più chiaramente che gli accordi firmati con i capi delle formazioni di banditi erano una formalità, e non venivano praticamente rispettati.

Da sinistra a destra: Isa Madae (con il basco)v, Gennady Troshev (con il cappello), Aslan Maskhadov

IL SUPPORTO DELLA DIASPORA ALLA RESISTENZA CECENA

Contrariamente a quanto affermato dai separatisti, Troshev valutava come “determinante” l’appoggio fornito dai sostenitori esterni alla resistenza armata. Si riferiva certamente non soltanto alle donazioni volontarie dei ceceni all’estero, ma anche al supporto interessato dei governi in attrito con la Russia, e dai loro servizi segreti. In questo passo Troshev parla delle organizzazioni appartenenti alla diaspora Vaynakh che sostenevano i dudaeviti durante la Prima Guerra Cecena e della resistenza durante la Seconda:

“Caratteristiche distintive dei membri delle diaspore cecene sia nei pasi della CSI che nel lontano estero sono il pregiudizio anti  -russo, tradizioni storiche e religiose comuni, idee ed obiettivi nazionalisti, il che determina il loro sostegno al movimento separatista in Cecenia. La diaspora cecena in Turchia, ad esempio, è una delle più numerose, contando oltre trentamila persone, alcune delle quali occupano posizioni di rilievo nei più alti organi statali e nelle forze armate. Secondo le stime circa 50.000 Vaynakh si trovano in Giordania, Siria ed Iraq. Una colonia cecena di diverse decine di migliaia di persone risiede permanentemente negli Emirati Arabi Uniti. Ci sono circa 2.000 ceceni in Israele. Nelle aree nelle quali la loro presenza è più massiccia i ceceni dimostrano un alto livello di coesione nazionale con i loro compatrioti nella loro terra natale. Subito dopo l’inizio della seconda campagna militare cecena, diversi milioni di dollari sono stati inviati solo dall’Arabi Saudita ai “fratelli della fede”: Un altro tipo di assistenza è il reclutamento di mercenari tra i rappresentanti delle diaspore negli stati del Vicino e Medio Oriente.

Le diaspore cecene sono le più influenti e organizzate nelle repubbliche che facevano parte dell’ex Unione Sovietica. I loro rappresentanti in Bielorussia, Ucraina, Moldavia e Kazakistan mantengono legami con la Cecenia. Queste connessioni sono spesso di natura criminale. In particolare, i “nuovi ceceni” forniscono assistenza finanziaria a gruppi armati illegali. Secondo le forze dell’ordine, una delle fonti di reddito per i “gruppi ceceni” sono i contributi degli imprenditori locali. Anche durante il conflitto armato del 1994 – 1996, le comunità cecene della CSI hanno pagato la cosiddetta “tassa volontaria sugli aiuti ai fratelli belligeranti”. In Kazakistan, ad esempio, questa ha raggiunto il 10% del reddito della diaspora nazionale. Secondo alcuni rapporti, dal 25 al 50 percento dei profitti delle attività degli uomini d’affari ceceni sarebbero stati inviati in Cecenia.

In Russia la diaspora cecena conta circa cinquecentomila persone. Non è un segreto che la maggior parte dei suoi rappresentanti sia coinvolta nel business criminale. Controllano il commercio dei prodotti petroliferi, i servizi ai consumatori, la ristorazione pubblica e la lavorazione dei prodotti agricoli. In alcune regione della Russia, addirittura, controllano completamente l’attività del prestito, ed in alcuni casi influenzano i rappresentanti delle autorità locali. Ci sono prove che nella stessa Russia ci siano banche e aziende che sono state impegnate in transazioni fraudolente nel settore monetario.

Uno  dei partecipanti al finanziamento illegale dei gruppi armati illegali era la Transcreditbank, con sede a Mosca. Secondo la Direzione principale per la Lotta alla Criminalità Organizzata del Ministero degli Affari Interni della Federazione Russa, la direzione della banca ha partecipato alle attività di legalizzazione dei proventi criminali, incassando fondi e incanalandoli verso i combattenti ceceni. Secondo il GUBOP, ogni giorno sono stati incassati fino a cinque milioni di dollari attraverso società appositamente create. E questo è tutt’altro che un esempio isolato.

Alexander Lebed ed Aslan Maskhadov si scambiano una stretta di mano a seguito degli Accordi Di Khasavyurt

GLI ACCORDI DI KHASAVYURT

Troshev fu molto critico verso l’approccio accomodante assunto dal governo federale nei confronti dei Ceceni, durante le trattative che portarono alla firma degli Accordi di Khasavyurt. Nelle sue memorie il Generale russo riporta un aneddoto e le sue riflessioni:

“Gli accordi di Khasavyurt hanno stretto ancora di più il nodo dei problemi caucasici. Difficilmente Alexander Lebed, mettendo la sua firma, avrebbe potuto credere che i militanti si sarebbero disarmati ed avrebbero fermato le loro attività illegali. Le nostre unità militari erano ancora sul territorio della Cecenia, ed i leader di Ichkeria avevano già iniziato a ricostruire il loro esercito, svolgendo l’addestramento dei futuri terroristi in apposite scuole e campi di sabotaggio.

A metà del 1997 in un campo di addestramento di Grozny si consegnarono i “diplomi”. Salman Raduev si rivolse ai diplomati. Cito quasi integralmente il suo discorso, perché è molto simbolico ed ha un carattere programmatico.

“Fratelli, oggi lasciate le mura della nostra scuola. Per quattro mesi i vostri insegnanti vi hanno insegnato l’arte del sabotaggio, della corruzione, della diffusione di voci e molto altro. Avete preso tutti parte alla guerra, santa per l’indipendenza di Ichkeria, e non importa che tra voi non ci siano solo ceceni e musulmani, Ichkeria è diventata comunque la loro vera patria, hanno versato il loro sangue nella lotta per la libertà, vivono secondo le leggi della Sharia, sono nostri fratelli.

Ora Mosca sta cercando di convincere tutti che ci darà il mondo. Non ci credo, così come né Shamil [Basayev, ndr] né Aslan [Maskhadov, ndr] ne molti altri, che hanno guadagnato l’indipendenza con le armi in pugno, ci credono. Tutte le promesse di Mosca sui finanziamenti non sono altro che chiacchiere per stupidi. Il denaro trasferito attraverso le banche russe finirà nelle tasche dei funzionari. Aslan è fantastico. Tiene Eltsij per il naso e, probabilmente, riuscirà ad ottenere i soldi per la nostra banca nazionale. E anche se non ci riuscisse, va bene. Non abbiamo bisogno dei soldi russi. Ci verranno dati da alcuni paesi europei, oltre a Pakistan, Afghanistan e Iran. Da loro riceveremo denaro, armi ed equipaggiamento militare per armare il nostro esercito. Si, e tra i più alti funzionari russi ce ne sono molti pronti a venderci armi, cibo, uniformi […].

Le nostre richieste: completa indipendenza politica di Ichkeria. La Russia, in quanto parte sconfitta in guerra, è obbligata a pagare un’indennità. Ogni centesimo. Senza condizione. Di coloro che hanno sostenuto Mosca nella guerra, ci occuperemo con la Legge della Shari […].

Già domani alcuni di voi inizieranno a svolgere i loro incarichi. Il vostro compito è seminare terrore mortale tra coloro che hanno venduto Allah. Devono sentire la mano fredda della morte ogni ora. Tra tutti i militari che sono ancora sul nostro territorio è necessario seminare confusione e paura. Prendete in ostaggio, e uccideteli. Allah perdonerà tutto, non prestate attenzione alle grida dei politici: questa non è altro che una cortina sonora.

Un compito speciale per chi si stabilisce in Russia e negli stati limitrofi. Il vostro compito è infiltrarvi nelle strutture di potere, negli organi amministrativi e finanziari. Il vostro compito e destabilizzare la situazione, l’economia e le finanze. Create basi, selezionate persone, non dovrete aspettare  a lungo. Se Ichkeria non riceverà la completa libertà e indipendenza entro la primavera, colpiremo quasi tutte le grandi città industriali.

[…] Dovete gettare fango su quei russi che sono patriottici. E’ molto facile accusarli di fascismo, antisemitismo e nazionalismo. Quelli tra i Gentili che vogliono stare sotto al Sacra Bandiera del Profeta devono essere battezzati con il sangue. Allora non avranno modo di tornare indietro. […].