Archivi tag: New York Times

MASSACRES, SPIES AND NUCLEAR WEAPONS: THE ASSASSINATION OF FRED CUNY

Frederick Carl Cuny (November 14, 1944, April 14, 1995) was an American citizen who throughout his life committed himself, officially for humanitarian reasons, to supporting the populations of countries in war, humanitarian and environmental crises. Active since 1969 in the consultancy and coordination of humanitarian services, he had worked in Biafra, Pakistan, Nicaragua, Guatemala, El Salvador, and dozens of other contexts, often very difficult, in which he had to deal not only with the difficult situation on the field, but also with the inefficiencies of humanitarian associations and the corruption of local governments. At the end of 1994 Cuny was contacted by George Soros’ Open Society Institute and sent to Chechnya with the aim of organizing a humanitarian plan for the safety of the inhabitants of Grozny. Returning the following March from his mission, during which he had witnessed the terrible siege of Grozny and made friends with Aslan Maskhadov, he had tried to involve the United States government in order to force Russia to stop military operations, negotiating a humanitarian truce. He held numerous conferences, public and private meetings with high-level politicians, and his article Killing Chechnya [1], in which he accused Russia of unleashing a war of aggression with genocidal purposes,went around the world. Despite his efforts and the support of some politicians in Congress, Cuny had failed to convince any of the high offices of state to intercede for him [2]. So he returned to Chechnya, to restart his mission on behalf of the Open Society. On April 1 , 1996, while on his way to Maskhadov’s headquarters in Orekhovo [3], he was captured in Starye Achkoy together with two Russian doctors and an interpreter [4], with whom he was crossing the country in an ambulance, after which he was lost traces completely. His search lasted for many months, after which his son and brother communicated that they had received reliable information according to which he would have been killed almost immediately after his arrest, presumably carried out by men of the Department of State Security, at that time directed by Abusupyan Mosvaev . His body and that of his colleagues would never be found. Charges regarding his killing fell on Colonel Rizvan Elbiev , State Defense Department officer in Achkhoy –Martan district. The latter, according to Cuny ‘s driver (the only one of the group left alive) after the ambulance had been stopped near Starye Achkhoy by a detachment of the State Department of Defense, requested that the members of the team of Cuny presented themselves to him to provide the personal details, and then accompany them to the Headquarters of Maskhadov. The volunteers sent the driver back with a note intended for Open Society in which they said they were fine, to postpone the scheduled appointments by 3 days and to alert the authorities if they did not return within the established time [5].

Days passed, then weeks, and no trace of Cuny was found. Family members involved the FBI, the US government, and even the Soros Foundation, which had financed the mission, began his research, spending up to eighty thousand dollars a month to obtain information [6]. Calls for the release of the American came from the American president Clinton, from the Russian Yeltsin and even from the Chechen one, Dudayev.

The following August, after months of unsuccessful attempts to locate Cuny and his friends, his family publicly announced that they had learned of the death of their relative, and all members of his group. Cuny ‘s son and brother publicly accused the Chechen government of responsibility for the murder, and likewise accused the Russian authorities of presenting Cuny as a spy. In the confidential report sent to the US government, the family specifically named Elbiev , whose name was given by the State Security Department soldier who had taken custody of the group. According to what they reported , Elbiev had all four shot on April 14th . This information was confirmed to the driver of the Cuny family , an ex combatant, in August 1995, on the basis of an indication given to him by a certain “A”, Bamut defense field officer [7].

In August 1996, a bloody bundle was found in the ruins of a house in Starye Achkhoy , and inside it were found the documents of all four members of Cuny ‘s team . Besides these there was a note, addressed to Maskhadov, in which was written: Esteemed Aslan, We have tried to come to you, with the medicines and the two doctors we had promised. With me is Fred Cuny , the American you already know, who came to hold the meeting that didn’t take place last time. to confirm that you are aware of us and our mission. Respectfully, Galina Oleinik . Soros Foundation. Being certain that it was Elbiev who seized the documents, it is quite probable that he was responsible for the deaths of Cuny and the others [8].

It is possible that Eldiev was only the material executor of the murder. According to what an anonymous Chechen source reported to Scott Anderson, journalist of the New York Times, and confirmed by Memorial in one of its reports, [9]the order to shoot Cuny and his friends would have come directly from the Director of the State Defense Department, Abusupyan Mosvaev who would have been deceived by a list of spies circulated by the FSB around Bamut, to push Chechen fighters into a false step [10]. The choice of Mosvaev , however, could also have been determined by another factor, a suspicion that opens up to a rather imaginative theory, based exclusively on a rumor: that in those parts, and precisely in the surroundings of Bamut, a short distance from Starye Achkhoy , the Chechen government was hiding radioactive material , or even a nuclear weapon. Let’s start again: these are theses that have no basis for proof, and we report them solely for the record.

Grozny in 1995

Bamut was one of the strongholds of the Chechen defense. The village, and the missile base located nearby, withstood a long and exhausting siege, which lasted from April 18 , 1995 to May 24, 1996. The Chechens defended that position with great fury, apparently out of the way of the heart of the Chechen defense system. It so happens that the village’s main point of interest was a base for launching ballistic missiles capable of carrying nuclear warheads. The Russians had already abandoned the base in 1992, solemnly declaring that they had stolen all unconventional weapons, and that they had brought all the radioactive material back to Russia . In mid- November , following a communication sent from Chechnya, the Russian authorities found a container containing an explosive sprinkled with radioactive material in a park in Moscow . There was talk of non-military material, therefore not coming from an atomic warhead, but the case produced a search for psychosis among the federal security forces. The other element that raises doubts is the route taken by Cuny to reach Yandi . Instead of taking a main road, perhaps passing through Rostov – Baku, for you to turn towards Katar – Yurt and from there you can easily reach Maskhadov’s headquarters, Cuny decided to cross Bamut and climb up a path that is very difficult to do by car, facing voluntarily an already difficult journey in itself, complicated by the fact that the village garrison, notoriously reluctant to collaborate with journalists and foreign volunteers, was about to end up under siege [11].

The cover of the Frontline program dedicated to Fred Cuny

Neither of these two leads, in any case, appears completely convincing. It seems strange, in fact, that a man with such extensive connections and knowledge as Fred Cuny would end up shot just because he was mentioned in a fabricated FSB document. And likewise the story of the investigation into the “Dudaev atomic bomb” is totally devoid of evidence (after all, no atomic warhead, nor box containing atomic material has ever been found). What happened then? A third theory is provided by Kommersant, in his April 21, 1999 edition:

This time [on his second trip, ed .] Cuny presented a specific plan for a truce between Moscow and Grozny. And therefore, he certainly had to meet with General Dudayev . That is why the inspection by the Chechen State Security Department did not worry him at all. However, on April 7 – this is the date Galina Oleinik feared – [in the note found in 1996, ed .] the Russian army began the famous “cleansing” of Samashki, the ancestral village of the Chechen president. The shootings continued there for two days. And they couldn’t help but ruin Cuny and his mission. By then Kewney was getting in the way of everyone: Russian hawks, Chechen warlords, and even his own country’s politicians. Kewney has not overestimated the extent of his influence and authority in the American establishment. Suffice it to say that US military doctrine changed largely under his influence […] not surprisingly, the “missionary” activities of Fred Cuny and that of the US military began to go hand in hand after the Gulf War. However, if at first Cuny and American politicians successfully cooperated, trying not to interfere in each other’s sphere of competence, very soon they began to compete. […] The death of a competitor has allowed politicians to become monopolists. And they reversed his plan: Cuny , starting from the elimination of the consequences of military operations, tried to build an international mechanism to prevent humanitarian catastrophes. Politicians have transformed his doctrine into “humanitarian wars” in which a humanitarian catastrophe is caused.

Whatever the reason that led to Cuny’s death, this will presumably be buried together with his body and that of his travel companions. Precisely with regard to his remains, in November 1998 unknown criminals tried to contact Fred’s family to return the body, which they claimed to have. As evidence, they sent a photo of a metal pin that had been inserted into Cuny ‘s leg many years earlier after he had been hit by a taxi. The family replied that they would never pay a ransom for the body, following the will of the father, who stated: you don’t pay for the body, with reference to the practice of ransom of corpses. Cuny was convinced that the practice of paying ransoms for kidnapped people or getting their remains back was one of the main drivers of kidnappings for ransom, and that if the ransoms were not paid, this heinous criminal activity would soon disappear from Chechnya [12].

SOURCES

Frontline article at www.pbs.org

https://www.pbs.org/wgbh/pages/frontline/shows/cuny/kill/

February 25, 1996 – What happened to Fred Cuny ?

Kommersant of 21 April 1999

https://www.kommersant.ru/doc/217216?query=%D0%A7%D0%B5%D1%87%D0%BD%D1%8F

New York Times of July 26 , 1999


[1]https://www.nybooks.com/articles/1995/04/06/killing-chechnya/

[2]In particular, according to an article by Kommersant dated April 24 , 1999, the US ambassador in Moscow, Thomas Pickering, responded to Cuny ‘s requests that the United States had no strategic interest in this region and that if the Soros Foundation wanted to act in Chechnya he would have done so at his own peril.

[3]Today’s Yandi .

[4]The interpreter was Galina Oleinik , the two doctors were Sergei Makarov and Andrei Sereda .

[5]The contents of the ticket, like all the other circumstances described so far can be found in the Frontline article, Who killed Fred Cuny ? available at www.pbs.org

[6]February 25, 1996 – What happened to Fred Cuny ?

[7] Mr. “A” could be Captain Shirvani Albakov , Bamut’s Chief of Defense Staff, shot in the neck on 16 June 1995. In this sense, it could be a settlement of accounts due precisely to the cover-up of the affair in question.

[8] Frontline, Who Killed Fred Cuny ? available on the site www.pbs.org

[9]The account is quoted by Kommersant in an April 21 , 1999 article

[10]The news of the “list” presumably circulated by the FSB around Bamut to induce the Chechens to doubt foreign humanitarian agents would have been provided not only by the family of the deceased Cuny, but also by a witness interviewed by the New York Times , whose memoirs were published in the February 25, 1996 article What happened to Fred Cuny ? The circumstance is doubtful, because Cuny had arrived in Chechnya only a few days earlier, and the FSB would hardly have been able to organize such an operation in such a short time. On the other hand, it is strange that the Chechen government, always very helpful towards Western supporters at that stage of the conflict, had on its own initiative betrayed a consolidated relationship of trust with one of the most famous humanitarian workers in all of the West.

[11]New York Times of February 25 , 1996.

[12]New York Times of July 26 , 1999.

VERSIONE ITALIANA

STRAGI, SPIE ED ARMI NUCLEARI: L’ASSASSINIO DI FRED CUNY

Frederick Carl Cuny (14 Novembre 1944, 15 Aprile 1995) era un cittadino americano che per tutta la vita si impegnò, ufficialmente per motivi umanitari, nel sostegno alle popolazioni di paesi in crisi bellica, umanitaria ed ambientale. Attivo fin dal 1969 nell’attività di consulenza e coordinamento dei servizi umanitari, aveva lavorato in Biafra, Pakistan, Nicaragua, Guatemala, El Salvador, e dozzine di altri contesti, spesso molto difficili, nei quali doveva confrontarsi non soltanto con la difficile situazione sul campo, ma anche con le inefficienze delle associazioni umanitarie e la corruzione dei governi locali. Alla fine del 1994 Cuny era stato contattato dall’Open Society Institute di George Soros ed inviato in Cecenia con lo scopo di organizzare un piano umanitario per la sicurezza degli abitanti di Grozny. Rientrato nel Marzo successivo dalla sua missione, durante la quale aveva assistito al terribile assedio di Grozny ed aveva stretto amicizia con Aslan Maskhadov, aveva cercato di coinvolgere il governo degli Stati Uniti ad entrare in campo per costringere la Russia ad interrompere le operazioni militari, negoziando una tregua umanitaria. Tenne numerose conferenze, incontri pubblici e privati con politici di alto livello, ed il suo articolo Killing Chechnya[1], nel quale accusava la Russia di aver scatenato una guerra di aggressione con scopi genocidi,fece il giro del mondo. Nonostante il suo impegno e l’appoggio di alcuni politici al Congresso, Cuny non era riuscito a convincere nessuna delle alte cariche dello stato ad intercedere per lui[2]. Così era tornato in Cecenia, per ricominciare la sua missione per conto della Open Society. Il 1 Aprile 1996, mentre si dirigeva al Quartier Generale di Maskhadov, ad Orekhovo[3], venne catturato a Starye Achkoy insieme a due medici russi ed un interprete[4], con i quali stava attraversando il paese a bordo di un’ambulanza, dopodiché di lui si persero completamente le tracce. Le sue ricerche si protrassero per molti mesi, dopodichè il figlio ed il fratello comunicarono di aver ricevuto informazioni affidabili secondo le quali egli sarebbe stato ucciso quasi subito dopo il suo arresto, operato presumibilmente da uomini del Dipartimento per la Sicurezza dello Stato, a quel tempo diretto da Abusupyan Mosvaev. Il suo corpo e quello dei suoi colleghi non sarebbero mai strati ritrovati. Le accuse riguardo la sua uccisione ricaddero sul Colonnello Rizvan Elbiev, ufficiale del Dipartimento per la Difesa dello Stato nel distretto di Achkhoy – Martan.  Questi, secondo quanto riferito dall’autista di Cuny (l’unico del gruppo rimasto in vita) dopo che l’ambulanza era stata fermata nei pressi di Starye Achkhoy da un distaccamento del Dipartimento per la Difesa dello Stato, richiese che i componenti della squadra di Cuny si presentassero da lui per fornire le generalità, per poi accompagnarli al Quartier Generale di Maskhadov. I volontari rimandarono l’autista indietro con un biglietto destinato ad Open Society nel quale dicevano di stare bene, di spostare gli appuntamenti in programma di 3 giorni e di allertare le autorità qualora non fossero rientrati entro il tempo stabilito[5].

Passarono i giorni, poi le settimane, e di Cuny non si trovò traccia. I familiari coinvolsero l’FBI, il governo americano, ed anche la Fondazione Soros, che aveva finanziato la missione, iniziò le sue ricerche, spendendo fino ad ottantamila dollari al mese per ottenere informazioni[6]. Appelli alla liberazione dell’americano giunsero dal presidente americano Clinton, da quello russo Eltsin e perfino da quello ceceno, Dudaev.

Nell’Agosto successivo, dopo mesi di inutili tentativi di rintracciare Cuny ed i suoi amici, la sua famiglia annunciò pubblicamente di essere venuta a conoscenza della morte del loro congiunto, e di tutti i membri del suo gruppo. Il figlio ed il fratello di Cuny accusarono pubblicamente il governo ceceno della responsabilità dell’omicidio, e parimenti accusarono le autorità russe di aver presentato Cuny come una spia. Nel rapporto confidenziale inviato al governo degli Stati Uniti, la famiglia fece precisamente il nome di Elbiev, il cui nome era stato fatto dal militare del Dipartimento per la Sicurezza dello Stato che aveva preso in custodia il gruppo. Secondo quanto riferito da questi, Elbiev avrebbe fatto fucilare tutti e quattro il 14 Aprile. Tale informazione fu confermata all’autista della famiglia Cuny, un ex combattente, nell’Agosto del 1995, sulla base di un’indicazione a questi fornita da un certo “A”, ufficiale di campo della difesa di Bamut[7].

Nell’Agosto del 1996, tra le rovine di una casa di Starye Achkhoy fu rinvenuto un fagotto insanguinato, e all’interno di questo furono trovati i documenti di tutti e quattro i membri della squadra di Cuny. Oltre a questi c’era un biglietto, indirizzato a Maskhadov, nel quale c’era scritto: Stimato Aslan, Abbiamo cercato di passare da te, con le medicine e i due dottori che avevamo promesso. Con me c’è Fred Cuny, l’americano che già conosci, che è venuto per tenere l’incontro che l’altra volta non c’è stato. per confermare che sei a conoscenza di noi e della nostra missione. Con rispetto, Galina Oleinik. Fondazione Soros. Essendo certo che fu Elbiev a sequestrare i documenti, è piuttosto probabile che fosse lui il responsabile della morte di Cuny e degli altri[8].

E’ possibile che Eldiev fosse soltanto l’esecutore materiale dell’omicidio. Secondo quanto riferito da una fonte anonima cecena a Scott Anderson, giornalista de New York Times, e confermato da Memorial in uno dei suoi resoconti[9] l’ordine di fucilare Cuny ed i suoi amici sarebbe venuto direttamente dal Direttore del Dipartimento per la Difesa dello Stato, Abusupyan Mosvaev il quale sarebbe stato tratto in inganno da una lista di spie fatta circolare dall’FSB nei dintorni di Bamut, per spingere i combattenti ceceni ad un passo falso[10]. La scelta di Mosvaev, tuttavia, avrebbe potuto essere determinata anche da un altro fattore, un sospetto che apre ad una teoria piuttosto fantasiosa, basata esclusivamente su una diceria: che da quelle parti, e precisamente nei dintorni di Bamut, a poca distanza da Starye Achkhoy, il governo ceceno nascondesse materiale radiattivo, o addirittura un’arma nucleare. Premettiamo nuovamente: si tratta di tesi che non hanno alcun fondamento di prova, e le riportiamo unicamente per dovere di cronaca.

Bamut era uno dei capisaldi della difesa cecena. Il villaggio, e la base missilistica situata nei suoi pressi, resistettero ad un lungo ed estenuante assedio, protrattosi dal 18 Aprile 1995 al 24 Maggio 1996. I ceceni difesero con grande accanimento quella posizione, apparentemente defilata rispetto al cuore del sistema difensivo ceceno. Il caso vuole che il punto di interesse principale del villaggio fosse una base per il lancio di missili balistici capaci di trasportare testate nucleari. I russi avevano abbandonato la base già nel 1992, dichiarando solennemente di aver sottratto qualsiasi arma non convenzionale, e di aver riportato in Russia tutto il materiale radiattivo. A metà Novembre, a seguito di una comunicazione inviata dalla Cecenia, le autorità russe rinvennero in un parco di Mosca un contenitore contenente un esplosivo cosparso di materiale radiattivo. Si parlava di materiale non militare, quindi non proveniente da una testata atomica, ma il caso produsse una cerca psicosi tra le forze di sicurezza federali. L’altro elemento che solleva dei dubbi è il percorso fatto da Cuny per raggiungere Yandi. Anziché prendere una strada principale, magari passando dalla Rostov – Baku, per voi svoltare verso Katar – Yurt e da lì raggiungere agilmente il Quartier Generale di Maskhadov, Cuny decise di attraversare Bamut e di inerpicarsi su un sentiero molto difficile da fare in automobile, affrontando volontariamente un viaggio già difficile di per sé, complicato dal fatto che la guarnigione del villaggio, notoriamente poco incline a collaborare con giornalisti e volontari stranieri, stava per finire sotto assedio[11].

Nessuna tra queste due piste, in ogni caso, appare completamente convincente. Appare strano, infatti, che un uomo con agganci e conoscenze così vaste come Fred Cuny finisse fucilato soltanto perché citato in un documento artefatto dall’FSB. E parimenti la storia dell’indagine sulla “atomica di Dudaev” è totalmente priva di elementi di prova (del resto nessuna testata atomica, né scatola contenente materiale atomico è mai stata ritrovata). Che cosa successe, quindi? Una terza teoria è fornita da Kommersant, nella sua edizione del 21 Aprile 1999:

Questa volta [durante il suo secondo viaggio, ndr.] Cuny ha presentato un piano specifico per una tregua tra Mosca e Grozny. E quindi, doveva certamente incontrare il generale Dudayev. Ecco perché l’ispezione da parte del Dipartimento per la sicurezza dello Stato ceceno non lo impensieriva affatto. Tuttavia, il 7 aprile – questa è la data che temeva Galina Oleinik – [nel biglietto ritrovato nel 1996, ndr.] l’esercito russo ha iniziato la famosa “pulizia” di Samashki, il villaggio ancestrale del presidente ceceno. Le sparatorie sono continuate lì per due giorni. E non potevano fare a meno di rovinare Cuny e la sua missione. A quel punto Kewney stava intralciando tutti: falchi russi, signori della guerra ceceni e persino i politici del suo stesso paese. Kewney non ha sopravvalutato la portata della sua influenza e autorità nell’establishment americano. Basti dire che la dottrina militare degli Stati Uniti è cambiata in gran parte sotto la sua influenza […] non sorprende che l’attività “missionarie” di Fred Cuny e quella dell’esercito americano, dopo la Guerra del Golfo, abbiano cominciato ad andare di pari passo. Tuttavia, se all’inizio Cuny e i politici americani hanno collaborato con successo, cercando di non interferire nella sfera di competenza l’uno dell’altro, molto presto hanno iniziato a competere. […] La morte di un concorrente ha permesso ai politici di diventare monopolisti. E hanno ribaltato il suo piano: Cuny, partendo dall’eliminazione delle conseguenze delle operazioni militari, ha provato a costruire un meccanismo internazionale per prevenire le catastrofi umanitarie. I politici hanno trasformato la sua dottrina in “guerre umanitarie” in cui si provoca una catastrofe umanitaria.

Quale che fosse il motivo che portò Cuny alla morte, questo rimarrà presumibilmente sepolto insieme al suo cadavere ed a quello dei suoi compagni di viaggio. Proprio riguardo ai suoi resti, nel Novembre del 1998 ignoti criminali cercarono di contattare la famiglia di Fred per restituire il cadavere, che dichiaravano di detenere. Come prova inviarono una foto che ritraeva un perno di metallo che era stato inserito in una gamba di Cuny molti anni prima, dopo che era stato investito da un taxi. La famiglia rispose che non avrebbe mai pagato un riscatto per il corpo, seguendo la volontà del padre, il quale affermava: non si paga per il corpo, con riferimento alla pratica del riscatto dei cadaveri. Cuny era convinto che la prassi di pagare i riscatti per persone rapite o per riavere i loro resti era uno dei motori principali dei sequestri a scopo estorsivo, e che se i riscatti non fossero stati pagati ben presto tale odiosa attività criminale sarebbe sparita dalla Cecenia[12].

FONTI

Articolo di Frontline su www.pbs.org

https://www.pbs.org/wgbh/pages/frontline/shows/cuny/kill/

New York Times Magazines del 25 Febbraio 1996 – What happened to Fred Cuny?

Kommersant del 21 Aprile 1999

https://www.kommersant.ru/doc/217216?query=%D0%A7%D0%B5%D1%87%D0%BD%D1%8F

New York Times del 26 Luglio 1999


[1] https://www.nybooks.com/articles/1995/04/06/killing-chechnya/

[2] In particolare, secondo quanto riportato da un articolo di Kommersant del 24 Aprile 1999, l’ambasciatore statunitense a Mosca, Thomas Pickering, rispose alle sollecitazioni di Cuny che gli Stati Uniti non avevano interessi strategici in questa regione e che se la Soros Foundation avesse voluto agire in Cecenia lo avrebbe fatto a proprio rischio e pericolo.

[3] Odierna Yandi.

[4] L’interprete era Galina Oleinik, i due medici si chiamavano Sergei Makarov e Andrei Sereda.

[5] Il contenuto del biglietto, al pari di tutte le altre circostanze finora descritte sono reperibili sull’articolo di Frontline, Who killed Fred Cuny? disponibile sul sito www.pbs.org

[6] New York Times Magazines del 25 Febbraio 1996 – What happened to Fred Cuny?

[7] Il Signor “A” potrebbe essere il Capitano Shirvani Albakov, Capo di Stato Maggiore della Difesa di Bamut, ucciso con un colpo alla nuca il 16 Giugno 1995. In questo senso potrebbe trattarsi di un regolamento di conti dovuto proprio all’insabbiamento della vicenda in questione.

[8] Frontline, Who killed Fred Cuny? disponibile sul sito www.pbs.org

[9] Il resoconto è citato da Kommersant in un articolo del 21 Aprile 1999

[10] La notizia della “lista” fatta circolare presumibilmente dall’FSB nei dintorni di Bamut per indurre i ceceni a dubitare degli agenti umanitari stranieri sarebbe stata fornita, oltre che dalla famiglia del defunto Cuny, anche da un testimone intervistato dal New York Times, le cui memorie sono state pubblicate sull’articolo del 25 Febbraio 1996 What happened to Fred Cuny? La circostanza è dubbia, perché Cuny era arrivato soltanto pochi giorni prima in Cecenia, e difficilmente l’FSB sarebbe stato in grado di predisporre una simile operazione in così poco tempo. D’altra parte è strano che il governo ceceno, sempre molto disponibile verso i sostenitori occidentali in quella fase del conflitto, avesse di propria iniziativa tradito un rapporto consolidato di fiducia con uno degli operatori umanitari più celebri di tutto l’Occidente.

[11] New York Times del 25 Febbraio 1996.

[12] New York Times del 26 Luglio 1999.

LE ELEZIONI DEL 1997 SULLE PAGINE DEL NEW YORK TIMES

Il 27 Gennaio 1997 in Ichkeria si tennero le prime elezioni dalla fine della guerra: la popolazione si recò in massa alle urne, vivendo quell’esperienza con grande passione e spirito partecipativo. La contesa vide confrontarsi i principali leader politici e militari della repubblica: Basayev, Yandarbiev, Ugudov, Zakayev, Arsanov, e ovviamente il grande favorito: l’ex Capo di Stato Maggiore dell’esercito separatista Aslan Maskhadov. Allineato su posizioni moderate, cui aderiva la maggioranza della popolazione civile (oltre che parte dell’establishment militare) egli fu in testa fin dall’inizio della campagna elettorale, conquistando infine quasi il 60% dei voti e lasciando in minoranza sia i dudaeviti radicali (rappresentati dall’ex Presidente ad Interim Zelimkha  Yandarbiev) sia l’ala militare oltranzista (rappresentata da Shamil Basayev). Un ciclo di articoli editi dal New York Times, dei quali pubblichiamo una traduzione, racconta le impressioni che il mondo occidentale ebbe di quei momenti così fatali per la storia postbellica della Repubblica Cecena di Ichkeria. Il link agli articoli in lingua originale sono reperibili quì:

Principali preoccupazioni degli elettori ceceni: ordine e stabilità

di Alessandra Stanley

24 GENNAIO 1997 – La guerra è finita ed ora la battaglia per il controllo della repubblica secessionista della Cecenia si sta conducendo sulle onde radio. In un piccolo canale di proprietà privata, Aslan Maskhadov, primo ministro e capo di stato maggiore delle forze cecene durante la guerra, fissa la telecamera indossando un maglione ed una giacca civile, e racconta lentamente la storia della sua vita, a partire dalla sua nascita e dalla giovinezza ai tentativi di entrare in un’accademia militare sovietica contro la volontà di sua madre. In un altro, il suo principale avversario, Shamil Basayev, il comandante ceceno che ha guidato la tragica presa di ostaggi nell’ospedale di Budennovsk nel giugno 1995, vie mostrato in una sorta di video musicale sulla jihad.  Immagini audaci di lui che affronta il governo russo a Budennovsk e che guida le truppe in battaglia a Grozny in stile montaggio – flash sullo sfondo di una musica popolare e marziale cecena.

Dopo 21 mesi di incessanti bombardamenti aerei e d’artiglieria, la Cecenia è un mosaico di edifici bruciati e macerie. Non c’è ancora acqua corrente e la gente fa la fila per ore per riempire i secchi dalle colonnine in strada. Ma l’elettricità è tornata nella maggior parte delle zone e le persone la usano principalmente per alimentare i loro televisori. Le elezioni cecene, [previste per] lunedì sono una campagna elettorale in stile anni ’90,  sullo sfondo di alcune delle peggiori distruzioni urbane dalla Seconda Guerra Mondiale.

Manifesto elettorale di Aslan Maskhadov

Ci sono 16 candidati alla presidenza, e tutti sostengono l’indipendenza dalla Russia. Sui volantini e i manifesti incollati sulle finestre sbarrate e gli edifici bombardati in tutta Grozny, i cinque principali candidati della campagna promettono tutti di ristabilire l’ordine. E tutti dicono di voler favorire l’instaurazione di una società islamica. Ma il background ed il temperamento dei due candidati più noti e favoriti, il signor Maskhadov ed il signor Basayev forniscono un netto contrasto.

Il signor Basayev, 32 anni, che è ancora il nemico pubblico numero 1 in Russia, simboleggia la sfida e il rischio. Il signor Maskhadov, 46 anni, che ha negoziato e firmato l’accordo che ha portato al ritiro della truppe russe, è a favore della moderazione e del compromesso. Stanche della guerra, per persone stanno affrontando una sconcertante, e a volte sgradevole competizione tra ex alleati che hanno combattuto insieme i russi e che ora combattono tra di loro. L’indipendenza, che la Russia rifiuta di accettare ma che la maggior parte dei ceceni da già per scontata, non è il tema principale della campagna. Lo sono l’ordine e la stabilità. I ceceni che sono sopravvissuti a malapena alla guerra ora sono terrorizzati dalla pace. “Ogni notte viviamo nella paura che i banditi battano alla nostra porta” dice Tarabek Dejetayeva, 40 anni, una donna cecena il cui quartiere, dove metà degli edifici rimangono rovine bombardate e dove non c’è più acqua corrente, è stato ripetutamente colpito da colpi dai colpi di arma da fuoco dei ladri. “Dobbiamo scegliere un uomo forte che possa fermarlo”. Dice che voterà per Mr. Basayev.

I pochi occidentali che ancora lavorano a Grozny sperano che un presidente democraticamente eletto possa ristabilire l’ordine. “Queste elezioni non cambieranno nulla riguardo lo status della Cecenia: lo stallo con la Russia rimarrà, non importa chi sarà il vincitore” dice Tim Guildimann, capo della missione a Grozny dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa [OSCE] che sta aiutando ad organizzare ed a monitorare le elezioni. “Al vincitore daranno la legittimità per garantire la stabilità all’interno della Repubblica”. Quando 60 osservatori dell’organizzazione europea arriveranno in Cecenia questo fine settimana per monitorare le elezioni, questi saranno scortati da guardie armate del governo ceceno.

Shamil Basayev tiene un comizio elettorale

I candidati parlano di legge ed orine. Mercoledì, durante una manifestazione a Starye Atagi, Shamil Basayev è salito sui gradini di una moschea e si è lamentato del fatto che il governo, guidato dal Presidente Zelimkhan Yandarbiev, non ha fatto nulla per fermare il crimine dilagante e la corruzione. Il signor Yandarbiev, che è anch’egli candidato di primo piano, sta correndo principalmente sulle orme di Dzhokhar M. Dudaev, il presidente ribelle ceceno che è stato ucciso lo scorso Aprile ed ha nominato Yandarbiev suo successore. In un enorme raduno commemorativo per il signor Dudaev oggi (dove è stato insignito del titolo postumo di Generalissimo) il signor Yandarbiev ha fatto pressione sulla sua forza ribattezzando Grozny, la capitale, in Dzhokhar – Ghala, “Città di Dzhokhar”.

Ma gli elettori parlano di criminalità dilagante e mancanza di controllo da parte del governo. Dal ritiro russo le fazioni rivali sono entrate in guerra per il controllo dei loro territori. Le rapine, i rapimenti e gli omicidi si sono moltiplicati. A Dicembre sei operatori della Croce Rossa sono stati uccisi da uomini armati spingendo tutti gli altri operatori stranieri a lasciare la Cecenia. Un sacerdote ortodosso russo è stato rapito due settimane fa. Due giornalisti russi sono scomparsi la scorsa settimana.

L’esuberante e popolare Mr. Basayev è forse il candidato più visibile, tiene raduni e discorsi in tutta la Cecenia. Il signor Maskhadov è forse il meno in evidenza. Ha interrotto tutte le campagne la scorsa settimana e ora trascorre le sue giornate in una casa pesantemente sorvegliata fuori Grozny, ricevendo gli anziani del villaggio. Oggi, in una breve intervista, era circondato da guardie del corpo armate mentre parlava delle sue preoccupazioni per la sicurezza, promettendo di raggruppare i combattenti ceceni in un esercito organizzato e di sciogliere i reparti che sarebbero rifiutati di arruolarsi. Uno dei suoi migliori aiutanti militari ha detto che Maskhadov aveva smesso di fare  campagna elettorale per motivi di sicurezza. “Secondo me la minaccia viene dalla parte russa”, ha detto l’assistente, Hussein Iskhanov. “Non è nell’interesse della Russia che Maskhadov vinca”.  In realtà i suoi rivali affermano che è una figura fin troppo conveniente per la Russia. Dipingono in signor Maskhadov come qualcuno che piegherà la schiena per compiacere Mosca. Il signor Basayev al contrario dice che solo lui può costringere la Russia a concedere l’indipedenza alla Cecenia. “Con me la Russia ha solo una scelta: lasciarci in pace”, ha detto ai suoi sostenitori. “Con Yandarbiev ne hanno sette, con Maskhadov nove o dieci.”

Movladi Ugudov (a sinistra) e Shamil Basayev (a destra) durante un dibattito per le elezioni del Gennaio 1997

Ma molti in Cecenia favoriscono il signor Maskhadov proprio perché è meno intransigente del signor Basayevv – ed ha meno probabilità di provocare Mosca. “Sono per Maskhadov, è istruito, è civile ed è per la pace: è lui che ha firmato la pace coi russi” dice Leila Khuchiyeva, una donna cecena che vende pane in un mercato di strada. “Basayev è un eroe nazionale, ma non è un presidente”. Tutti i favoriti sono eroi di guerra, ma hanno dimostrato capacità mediatica in tempo di pace. Istruita dagli europei, la commissione elettorale cecena ha stabilito un regolamento che assegna a ciascun candidato circa 3.000 dollari per coprire i costi della campagna elettorale e 20 minuti di trasmissione gratuita alla televisione ed alla radio del governo. C’è un limite di spesa di centomila dollari, ma la commissione ha poca capacità di monitorare le spese effettive. E alcuni candidati hanno più “tempo uguale” di altri. Il signor Basayev ha il suo canale televisivo, una minuscola stazione a basso costo di proprietà di un uomo d’affari. Il signor Maskhadov ha anch’egli una stazione privata a sua disposizione, anch’essa di proprietà di un uomo d’affari che sostiene la sua candidatura. Il signor Yandarbiev si avvale liberamente del canale governativo. Non ci sono sondaggi affidabili, ma alcuni analisti politici affermano che il signor Basayev stia guadagnando rapidamente su Maskhadov.