Archivi tag: Doku Zavgaev

L’ECONOMIA AGRICOLA DELLA CHRI – SECONDA PARTE

Per approfondire, leggi il libro “Libertà o Morte! Storia della Repubblica Cecena di Ichkeria, acquistabile QUI.

DALLA RIVOLUZIONE ALLA GUERRA

Il 1° Luglio 1989 Doku Zavgaev, già Ministro dell’Agricoltura, fu eletto Primo Segretario del Partito. Fu il primo ceceno dai tempi della deportazione del 1944 a ricoprire una carica di vertice nella RSSA Ceceno – Inguscia, e non era certo un caso che fosse proprio un Ministro dell’Agricoltura: questo dato, forse più di ogni altro, dimostra come il sistema di “apartheid socioeconomica” applicato nel Paese fosse rodato.  L’elezione di Zavgaev fu vista dai ceceni come l’opportunità per accorciare la distanza con la minoranza russa, cui fino ad allora erano state riservate le migliori opportunità lavorative e politiche. Il nuovo leader ceceno cercò di ammansire i più esagitati, senza tuttavia cedere al nazionalismo: del resto egli era ben cosciente che la componente russa della repubblica costituiva la stragrande maggioranza della popolazione culturalmente e professionalmente qualificata, e sapeva che se questa fosse di colpo venuta a mancare la Repubblica si sarebbe trovata in pessime acque.

D’altra parte Zavgaev era anche assai desideroso di aumentare e mantenere il suo potere personale, cosicché si mise a puntellare la sua posizione con una profusione di nomine clientelari e familiari, sfruttando poi le alleanze conseguite con questa politica per farsi eleggere Presidente del Soviet Supremo Ceceno – Inguscio. In questo modo egli assommò su di sé la suprema carica politica e la suprema carica amministrativa della Repubblica: essendo ancora in vigore il sistema del partito unico, ciò significava acquisire un potere quasi illimitato. Questa escalation fu sancita in maniera ancora più netta quando, a seguito degli eventi innescati dal Congresso Nazionale del Popolo Ceceno (ne abbiamo scritto profusamente QUI) Zavgaev si risolse a deliberare la Dichiarazione di Sovranità, con la quale fu sancita la predominanza delle leggi varate in Cecenia su quelle dell’URSS.

Questa repentina assunzione di potere garantì a Zavgaev una libertà di manovra senza precedenti, ma d’altro canto lo privò dell’appoggio che il regime sovietico poteva fornirgli qualora i nazionalisti radicali avessero preso il controllo della piazza. Ciò fu chiaro nell’Agosto del 1991, quando a seguito del cosiddetto “Putsch di Agosto” i secessionisti al seguito del Generale Dudaev presero il controllo delle istituzioni e lo estromisero dal governo in quella che fu chiamata “Rivoluzione Cecena” (Agosto – Novembre 1991). Zavgaev abbandonò il Paese sotto minaccia di morte, lasciandolo nelle mani di Dudaev.

Doku Zavgaev. Ex Ministro dell’Agricoltura, venne eletto alla guida del PCUS locale nel 1989 . Nel Marzo 1990 fu eletto anche Presidente del Soviet Supremo Ceceno – Inguscio, assommando su di sè le massime cariche politiche del partito e dello Stato.

I

L GOVERNO RIVOLUZIONARIO

Il composito fronte politico che acquisì il controllo delle istituzioni cecene nel Novembre 1991 era tutt’altro che concorde sull’idea di cosa si dovesse fare per costruire la “nuova Cecenia”. Tra i rivoluzionari c’erano i moderati, per lo più di estrazione intellettuale e borghese, che volevano negoziare con la Russia un nuovo trattato federativo in cambio di laute concessioni economiche e politiche, c’erano i secessionisti laici, sostenitori di una trasformazione del paese in una democrazia parlamentare di stampo occidentale, ed i secessionisti radicali, fautori di un sistema politico fortemente incentrato sulla tradizione islamica del Paese. Anche sotto il profilo economico il rassemblement rivoluzionario era diviso tra i sostenitori della liberalizzazione, rappresentanti dal capo del “gabinetto degli imprenditori” Yaragi Mamodaev ed i fautori del “socialismo islamico”, contrari alla privatizzazione delle terre e disposti ad accettare l’introduzione della proprietà privata soltanto a condizione che la direzione dell’economia rimanesse subordinata all’autorità statale. Questi ultimi erano i seguaci di Zelimkhan Yandarbiev, leader del Partito Democratico Vaynakh (il principale movimento nazionalista radicale) ed intimo confidente del nuovo Presidente della Repubblica, Dzhokhar Dudaev.

Concentriamoci su questi ultimi, giacché fu la fazione dei radicali a vincere la battaglia per il potere. Il Partito Democratico Vaynakh era nato dallo sforzo di alcuni intellettuali (tra i quali lo stesso Yandarbiev) ma si rivolgeva prima di tutto alle masse popolari rurali, e in particolar modo proprio a quelle “eccedenze” delle quali abbiamo parlato nell’articolo precedente. Si trattava di persone che vivevano ai margini del sistema, e per questo se ne sentivano escluse. Il sentimento più forte in loro era il nazionalismo revanscista, tipico delle masse colonizzate desiderose di riappropriarsi del potere politico e invidiose del benessere delle élite al quale non partecipavano. Dal loro punto di vista lo stato ceceno doveva tornare nelle loro mani, così come tutti i mezzi di produzione dell’economia. Lo Stato avrebbe dovuto garantire casa e lavoro ai ceceni, se necessario sacrificando le componenti “estranee” all’etnia Vaynakh, ed avrebbe dovuto salvaguardare le ricchezze del Paese dalla privatizzazione selvaggia che stava aggredendo tutte le repubbliche dell’impero sovietico.

Una volta preso il potere, Dudaev iniziò a dar forma al nuovo stato partendo dalle posizioni dei radicali: a differenza di quanto stava accadendo in Russia, dove la proprietà pubblica stava venendo parcellizzata e privatizzata in maniera veloce e brutale, il governo rivoluzionario si rifiutò di svendere il patrimonio pubblico, opponendo un secco rifiuto alle proposte avanzate da Mamodaev e dal suo “Gabinetto degli imprenditori”. Una particolare rigidità riguardo questo tema fu dimostrata nel caso della privatizzazione delle aziende agricole di stato, detentrici dei più vasti e produttivi appezzamenti di terreno, nonché della maggior parte dei sistemi meccanizzati. Dudaev si oppose dal primo all’ultimo giorno alla vendita delle fattorie collettive, senza tuttavia avere le risorse per mantenerle: come abbiamo visto, infatti, l’agricoltura cecena era fortemente sovvenzionata dal governo sovietico, e gravata da una mole di debiti gigantesca. L’ostinatezza con la quale il governo separatista si mise di traverso a qualsiasi privatizzazione lasciò queste aziende esposte all’insolvenza ed al fallimento nel giro di pochi mesi dalla proclamazione dell’indipendenza. Le proprietà pubbliche, abbandonate a sé stesse, finirono saccheggiate, o furono occupate abusivamente e lavorate come fossero proprietà private.

Come riportato nel nostro saggio “Libertà o Morte! Storia della Repubblica Cecena di Ichkeria” (Acquistabile QUI):

La situazione, nel complesso, era piuttosto tragica: nel novembre del 1991 il 40% dei ceceni in età da lavoro non possedeva un’occupazione stabile, e le cosiddette “eccedenze rurali” riuscivano a sopravvivere soltanto tramite i lavori stagionali all’estero la cui richiesta, come abbiamo detto, era quasi sparita. Questa massa di “disoccupati militanti” non aveva letteralmente di che sopravvivere, ed alla dichiarazione di indipendenza si dette al saccheggio delle proprietà statali. Non si trattò di un processo organizzato: fu piuttosto un “effetto collaterale”, nel quale l’euforia della ribellione si confuse con una corsa alla “privatizzazione fai da te” dei beni e dei macchinari agricoli delle fattorie collettive. Dalle aziende di stato sparirono animali, prodotti agricoli, trattori, utensili e macchine di ogni tipo, che riapparirono nei campi delle famiglie private. Molte aziende rimasero senza braccianti e senza patrimonio, andando in malora, mentre la mancanza di agronomi qualificati produsse danni enormi alla produzione agricola. Il giornalista Timur Muzaev, uno dei più attenti osservatori della situazione sociopolitica cecena in quegli anni, riportò nel suo periodico “monitoraggio politico” del paese la progressiva spoliazione delle proprietà pubbliche. Giusto per citarne un esempio, nei distretti settentrionali del paese:

“La dissoluzione delle ex strutture economiche ha portato al sequestro del bestiame delle fattorie collettive. […] Le informazioni ricevute su ciò che sta accadendo nel vicino distretto di Naursk possono, a nostro avviso, chiarire il quadro generale: delle 153.000 pecore che erano nelle fattorie statali nel 1990, solo 49.000 sono rimaste entro la fine dell’ultimo inverno [1992 – 1993] il numero di suini è diminuito di 8 volte e quello del bestiame di 3 volte. […] La popolazione […] si è rivelata impreparata a prendersi cura delle mandrie. Il raccolto è stato coltivato su centinaia di ettari nell’estate del 1992, ma i bovini randagi lo hanno quasi completamente distrutto, calpestando riso e mais pronti per la raccolta. Tutto il lavoro investito dalle persone è stato distrutto sul nascere. […] Vi è un rapido saccheggio del parco agricolo delle aziende collettive. Di conseguenza, anche dove arrivano le forniture di benzina, il lavoro sul campo non viene eseguito, perché le attrezzature vengono saccheggiate, ed i sequestratori chiedono un riscatto alle amministrazioni locali per restituirle. Le fattorie collettive “Chervlennaya”, “Kavkaz” e Vinogradny” sono rimaste senza macchine agricole. Secondo alcuni esperti, in Cecenia nel 1992 non è stato seminato grano. […] Le difficoltà economiche sono aggravate dal crimine dilagante da un lato, dal caos istituzionale delle autorità locali dall’altro.”

Per effetto di questo meccanismo di “esproprio proletario”, il sistema agricolo Ceceno si avviò su un “doppio binario” assolutamente peculiare: da una parte c’erano le aziende collettive, formalmente detentrici della maggior parte delle terre, che tuttavia erano improduttive a causa della mancanza di fondi e venivano spogliate di tutte le loro proprietà dai privati cittadini affamati e senza lavoro. Dall’altra c’era la piccola e piccolissima impresa agricola, quasi sempre sommersa, molto spesso dedita ad un’economia familiare di sussistenza e priva delle risorse per mandare avanti un vero e proprio business, che deteneva la stragrande maggioranza della ricchezza reale del settore agricolo pur non avendone i diritti ed il riconoscimento statale. Si trattava, in sostanza, di un meccanismo totalmente abusivo il quale, senza controlli, spogliava il legittimo sistema di produzione pubblico, trasformandolo in un guscio vuoto. Giusto per citare qualche numero, dieci anni dopo gli eventi della Rivoluzione Cecena nel paese erano formalmente attive 722 imprese agricole registrate, detentrici del 75,5% dei terreni agricoli le quali tuttavia amministravano appena il 14% del bestiame presente nella repubblica, mentre le 436 cooperative contadine (anch’esse società di origine socialista) ne contavano appena il 2,40%. L’83,5% del bestiame era distribuito tra la popolazione rurale, che ne faceva per lo più un uso familiare.

Si può dire che la privatizzazione dell’agricoltura cecena fu fatta dai contadini nonostante lo Stato, e non grazie ad esso, e fu fatta per regressione, non cioè affidando la terra ad investitori intenzionati a sfruttarla per profitto, ma lasciando che i contadini se ne appropriassero come se fosse un open field, un “campo aperto” di medievale memoria. Il Ministro dell’Economia di allora, Taymaz Abubakarov ricorda nel suo libro di memorie “Il Regime di Dzokhar Dudaev” che già nel 1992, attraverso il sequestro spontaneo delle terre, circa centomila ettari di campi arabili erano scomparsi dalla disponibilità delle aziende pubbliche, e di come queste fossero oggetto di un vivace mercato fondiario illegale.

Per approfondire, leggi il libro “Libertà o Morte! Storia della Repubblica Cecena di Ichkeria, acquistabile QUI.

Isa Akyadov, futuro Commissario alle Dogane della Repubblica Cecena di Ichkeria, posa sui resti della statua di Lenin, abbattuta dai rivoluzionari nell’autunno del 1991.

GLI EFFETTI ECONOMICI

Gli effetti economici di questo progressivo deterioramento del sistema agricolo furono evidenti fin dal 1992: a metà dell’anno la produzione di carne era diminuita dell’82,5%, quella degli insaccati dell’81,2%, e quella dei prodotti lattiero – caseari del 75,1%. Il meccanismo economico si era di fatto inceppato, e la situazione aggravava ulteriormente la già critica situazione dei prezzi di mercato, che dal gennaio 1992 erano stati lasciati liberi di fluttuare, raggiungendo talvolta incrementi dell’800%. Per cercare di calmierare i prezzi Dudaev aveva introdotto una serie di garanzie statali sull’acquisto dei beni alimentari di base, come il pane: lo Stato avrebbe garantito l’acquisto del pane al costo fisso e simbolico di 1 rublo al chilo, come meglio spiegato nel libro “Libertà o Morte! Storia della Repubblica Cecena di Ichkeria” (Acquistabile QUI). Ne riportiamo un breve passo:

Una conseguenza del sentimento socialista di Dudaev era l’interventismo economico a favore delle fasce deboli. Il primo intervento in politica economica di Dudaev fu la creazione di Comitato dei Prezzi che sovrintendesse alla calmierazione delle tariffe. “Il prezzo non può essere spontaneo, dovrebbe essere adeguato alla possibilità della gente” ripeteva. Per questo motivo Dudaev decretò che il pane venisse venduto alla cifra simbolica di 1 rublo al chilo. Lo Stato si sarebbe fatto carico della spesa. Nel giro di 12 mesi il bilancio pubblico non avrebbe potuto più sopportare un simile meccanismo assistenziale, che fra l’altro generava una fortissima speculazione (i ceceni prendevano il pane ad un rublo al chilo ed andavano a rivenderlo all’estero, o al mercato nero, a prezzi maggiorati).

Il tentativo di Dudaev di bloccare la regressione dell’economia cecena verso un sistema di autosostentamento medievale cozzava contro la cronica insolvenza del bilancio statale, il quale poteva fare affidamento su poche, magre entrate, sufficienti a mala pena al pagamento degli stipendi dell’esoso e pervasivo comparto statale di epoca sovietica. Nel giro di pochi mesi i negozi pubblici deputati alla distribuzione di generi alimentari rimasero vuoti, con i prodotti che raramente riuscivano a resistere sugli scaffali per più di qualche ora dall’apertura.  La popolazione, in assenza di sicurezza, si dedicò alla coltivazione degli orti ed all’allevamento di piccole quantità di animali da cortile, per avere di che sfamarsi.

Per cercare di frenare l’anarchia del comparto agricolo, che come abbiamo visto stava producendo nefasti effetti sulla produttività e sui prezzi, Dudaev intervenne alla fine del 1992 con una sorta di “esproprio generale” delle proprietà pubbliche e cooperative, e con la loro irregimentazione in un “supeministero” dell’Agricoltura responsabile della gestione delle aziende collettive, degli impianti di produzione di materiali e macchinari, e persino delle banche, per le quali fu istituito l’obbligo di accorpare i flussi di cassa a quello della neonata Banca Nazionale Cecena. Tutti i proventi delle attività pubbliche non necessari al funzionamento delle aziende avrebbero dovuto essere versati sul fondo governativo ivi istituito, dal quale il governo avrebbe poi diretto la distribuzione delle risorse al fine di razionalizzare le spese e riprendere il controllo della produzione nazionale.

Il vantaggio gestionale acquisito da questa radicale presa di posizione, la quale per certi versi superava lo stesso meccanismo socialista reintroducendo una sorta di “economia pianificata di guerra” venne tuttavia presto dilapidato dalla politica dudaevita di supporto alle fasce deboli della popolazione, con l’intestardito ricorso alla calmierazione dei prezzi del pane, il quale divorava una significativa parte del budget repubblicano ed avvantaggiava l’acquisto per speculazione sul mercato nero. In sostanza, il sistema del sovvenzionamento sovietico al settore agricolo fu sostituito da un sovvenzionamento indiretto da parte dello stato secessionista, il quale continuò ad acquistare prodotti agricoli dalle aziende pubbliche a costo di mercato ed a distribuirlo alla popolazione a prezzi di gran lunga inferiori, accumulando ulteriore debito e mantenendo le casse dello Stato in un continuo stato di insolvenza.

Col tempo, data la scarsità di risorse economiche (e in certi momenti addirittura di cartamoneta) il governo iniziò ad utilizzare la stessa produzione agricola come moneta alternativa al pagamento di stipendi e pensioni, ritirando direttamente dalle aziende pubbliche il prodotto agricolo e distribuendolo ai beneficiari come contropartita per il salario che non era in grado di corrispondere. Mentre Dudaev e Abubakarov tentavano di mantenere il controllo della produzione agricola, i direttori delle aziende agricole portavano avanti un vivace mercato sommerso, sfruttando il diritto concesso loro dal governo di vendere parte della produzione per il pagamento degli stipendi prendendosi sovente la libertà di vendere quote ben superiori, intascando i proventi e facendoli sparire. Gli stessi generi alimentari di base, calmierati per legge, venivano regolarmente contrabbandati in Russia sfruttando la scarsa capacità del governo di controllare i confini. Sherip Asuev, corrispondente della ITAR – TASS e autore del libro “Così è stato” (una raccolta di bollettini giornalistici che ripercorre giorno per giorno gli anni 1992 – 1994 scaricabile QUI ) scriveva nel 1992:

Il congelamento artificiale dei prezzi sta già creando molti problemi nella repubblica. Da qui i prodotti da forno vengono trasportati in sacchi e la benzina con le autocisterne. Si presume che il controllo doganale ai confini della repubblica sarà rafforzato.”

E ancora

“La legge sulla responsabilità amministrativa per alcuni tipi di reati presuppone una punizione rigorosa per il tentativo di esportare illegalmente beni di consumo, prodotti industriali, attrezzature e macchinari dalla repubblica. E’ inoltre vietata l’esportazione di tutti i tipi di alimenti. Multe salate, o arresti da uno a tre mesi, minacciano i lavoratori che hanno cercato di nascondere beni e prodotti o di venderli in modi illeciti. A molte persone, a quanto pare, piaceranno queste misure, ma è improbabile che garantiscano abbondanza sugli scaffali. Nel commercio statale ora a Grozny e nelle zone rurali della Repubblica è possibile acquistare solo pane e verdura in scatola. E nei mercati i prezzi aumentano letteralmente di ora in ora. Un pacchetto di sigarette sovietiche costa 20 rubli. Puoi comprare patate, carote, cavoli solo per un pezzo d’oro al chilogrammo. Il Consiglio degli Anziani della Repubblica ha vietato di aumentare il prezzo della carne oltre i 25 rubli. Naturalmente nessuno la venderà ad un prezzo del genere e la carne è praticamente scomparsa dai mercati.[…]”.

Per approfondire, leggi il libro “Libertà o Morte! Storia della Repubblica Cecena di Ichkeria, acquistabile QUI.

Una donna cerca di vendere qualche salsiccia in un mercato di Grozny, praticamente vuoto.

IL SISTEMA COLLASSA

Le misure di contenimento adottate dal governo Dudaev tra il 1992 e il 1993 non produssero risultati tangibili, un po’ per via della crisi economica che attanagliava l’intera zona – rublo, un po’ a causa della scarsa capacità di controllo del governo centrale, nel frattempo finito ostaggio delle bande militari che lo sostenevano. Esasperato, Dudaev giunse nel Dicembre del 1993 a vietare a qualsiasi struttura commerciale ed agli stessi cittadini di cuocere il pane senza una specifica licenza statale, ed  a vietare completamente la vendita dei prodotti da forno da parte di qualsiasi impresa o cittadino privato che non fossero autorizzati dal governo. Le pene per la violazione di tale obbligo furono elevate al sequestro di tutte le materie prime e dei mezzi di produzione, e alla condanna penale fino a due anni. In ordine ad evitare una “fuga del pane” a scopi speculativi, venne proibita la vendita dei prodotti da forno a coloro che non fossero cittadini della Repubblica.

Nel frattempo la produzione agricola continuava a calare a ritmi vertiginosi, man mano che le attrezzature si deterioravano o venivano deliberatamente saccheggiate, per essere rivendute fuori dalla Cecenia. Il ricercatore S.A. Lipina, nel suo “Repubblica Cecena: potenziale economico e sviluppo strategico” scriveva nel 1998:

Rispetto al 1991, il parco macchine è diminuito di quattro volte. La fornitura di trattori al settore agricolo è diminuita di 3,3 volte, le mietitrici di cereali 4 volte, i camion 4,2 volte, una situazione simile si registra con le altre macchine agricole. Sfortunatamente non solo quantitativamente, ma anche qualitativamente. L’attrezzatura tecnica dei lavoratori agricoli è estremamente carente, il lavoro agricolo viene svolto in violazione dei protocolli di qualità, il che a sua volta porta naturalmente a perdite significative durante la raccolta.

L’esiguità delle risorse a disposizione dei lavoratori agricoli impediva un utilizzo costante di fertilizzanti e prodotti fitosanitari, riducendo ulteriormente la già scarsa produttività dei terreni. Così, al netto della crisi economica che attanagliava tutto lo spazio post sovietico, le perdite di produttività del settore agricolo ceceno raggiunsero tra il 1993 e il 1994 numeri spaventosi. Mettendo a confronto lo stato della produzione agricola in Russia tra il 1991 ed il 1994 (rispetto al periodo 1986 – 1990) con il medesimo dato ceceno, notiamo che mentre l’agricoltura russa era ancora in grado di produrre circa il 90% di quanto prodotto nel periodo pre – collasso politico, l’agricoltura cecena riusciva a mala pena a raggiungere la metà del prodotto (53%) in un momento in cui la produzione agricola era pressochè l’unica attività, dopo il petrolio, in grado di tenere in piedi l’economia del paese.

Miliziano separatista trasporta filoni di pane sequestrato

Lo stato di prostrazione economica si acuì ulteriormente nel corso del 1994, quando il fronte antigovernativo passò dall’opposizione politica alla lotta armata, innescando una vera e propria guerra civile. Questa esplose nell’estate del 1994, protraendosi a fasi alterne fino al Dicembre dello stesso anno quando, dopo che l’opposizione armata fu sconfitta sul campo dalle forze lealiste, la Federazione Russa invase il paese dando avvio alla Prima Guerra Cecena.

Per approfondire, leggi il libro “Libertà o Morte! Storia della Repubblica Cecena di Ichkeria, acquistabile QUI.

LA VERSIONE DI BISLAN: INTERVISTA A BISLAN GANTAMIROV

Bislan Gantamirov

Bislan Gantamirov fu uno dei protagonisti della Rivoluzione Cecena. Tra l’Agosto e il Settembre del 1991 armò i primi reparti della Guardia Nazionale, e dopo il rovesciamento del governo Zavgaev fu nominato Sindaco di Grozny. Nel 1993, entrato in contrasto con Dudaev, passò all’opposizione, portando con sé la sua milizia personale, la “Polizia Municipale” (a differenza della denominazione “civile” un vero e proprio corpo militare) ad Urus – Martan ed unendosi al Consiglio Provvisorio nell’intento di rovesciare il Presidente. Dopo aver tentato inutilmente di prendere Grozny il 26 Novembre 1994, si mise al servizio del governo di occupazione russo, amministrando la Capitale in rovina fino alla primavera del 1996, quando fu arrestato per appropriazione indebita di fondi federali. Graziato da Eltsin alla vigilia della Seconda Guerra Cecena, tornò a far parte dell’amministrazione provvisoria durante i primi anni di occupazione, per poi essere marginalizzato da Akhmat Kadyrov e ritirarsi a vita privata. Questa intervista è stata rilasciata alla rivista “Spark” nel 1998, quando ancora era sotto processo con l’accusa di essersi appropriato di 25 miliardi di rubli destinati alla ricostruzione del paese. Ne pubblichiamo alcuni estratti.

Bislan, sei uno dei pochi a sapere tutto sulla guerra cecena e sui suoi segreti finanziari. Quando sono arrivati i primi soldi per sostenere l’opposizione anti – Dudaev? In quale quantità?

Chiunque, probabilmente, capisce che la guerra è prima di tutto denaro. Uno scontro di un giorno, anche sulla scala della piccola Cecenia, costa almeno 200 – 300 mila dollari. I combattimenti in Cecenia iniziarono molto prima dell’introduzione delle truppe federali – in Cecenia, a quel tempo, vi fu una feroce guerra civile. Inoltre, il denaro proveniente dalla Russia era già destinato ad entrambi i partiti combattenti, sia al regime di Dudaev che all’opposizione. Inoltre l’opposizione ha iniziato a ricevere sostegno finanziario molto più tardi del regime di Dudaev. La Russia non ha notato l’opposizione per molto tempo, non ha voluto sostenerla.

Sono stato nominato comandante delle forze armate dell’opposizione nel Giugno del 1994 al Congresso del Popolo Ceceno nel distretto di Nadterechny. Ma effettivamente ho comandato il gruppo militante dell’opposizione dall’inizio del 1993. Certo, non potevo mantenere un gruppo militare di mille persone con il mio stipendio di un milione e mezzo di rubli. Avevo veicoli blindati, aerei. Per inciso, l’assistenza riguardo gli armamenti non è arrivata soltanto dalla Russia ma anche da Turchia, Giordania e Stati Uniti. Si tratta, ovviamente, della diaspora cecena in questi paesi.

Quali armi venivano dall’estero?

Quasi tutto, tranne le armi pesanti.

Come arrivavano?

Tramite canali consolidati, attraverso Azerbaijian e Daghestan. Per inciso, questi canali sono stati utilizzati anche da Dudaev. E l’FSB ne era ben consapevole.

Carri armati dell’opposizione giacciono distrutti per le strade di Grozny, Novembre 1994

E’ noto che l’FSB ha assunto personale militare pagando da 2 a 5 milioni di rubli per partecipare all’Assalto di Novembre a Grozny. Quanto hai pagato i mercenari russi? O si sono arruolati soltanto grazie agli incentivi dell’FSB?

No, abbiamo pagato anche noi per l’assalto, da 2 a 10 milioni a seconda delle qualifiche, dei gradi e delle specialità del mercenario. Ma non ce n’erano tanti quanto si pensa. La nostra squadra di elicotteri composta da 11 velivoli, ad esempio, era composta interamente da mercenari. E su 42 equipaggi di carri armati, soltanto 9 erano composte da militari russi. Abbiamo adempiuto a tutti i nostri obblighi nei confronti dei creditori. Le famiglie delle vittime hanno ricevuto da noi importi abbastanza significativi. I parenti delle vittime, ad esempio, hanno ricevuto 250 milioni di rubli. Ma ovviamente non puoi compensare la perdita di un caro con dei soldi.

Perché l’assalto a Grozny del Novembre 1994 è fallito?

Voglio ricordarti che prima dell’Assalto di Novembre c’era stato un altro assalto: il 15 Ottobre. Ad Ottobre abbiamo occupato la città senza grossi scontri. Settecentocinquanta dei miei combattenti entrarono a Grozny. Di questi ne ho persi solo due. Ma fui costretto a ritirare le truppe, perché apprendemmo che i dudaeviti avevano piazzato circa 80 tonnellate di TNT per far esplodere la città se avessero dovuto abbandonarla. Per quanto riguarda l’Assalto di Novembre, non posso dire molto al riguardo. Perché appena prima dell’inizio dell’assalto sono stato rimosso dalla direzione dell’operazione. Poche persone ancora sanno questa cosa. Il gruppo di Nadterechny era già riuscito a catturare il Distretto di Staropromislovsky, quando improvvisamente l’esercito russo si chiuse in una riunione in cui mi fu chiesto di abbandonare il comando ed il controllo. Dissi al gruppo militare di Urus – Martan che non gestivo più l’operazione, in modo che prendessero tutte le misure per preservare gli uomini e l’equipaggiamento. E la sera l’aviazione russa bombardò. Questo è quello che è realmente accaduto. Nonostante ciò le truppe a me fedeli non hanno lasciato la città il 26 Novembre, ma il 28 Novembre. Nel frattempo i media russi hanno riferito che la sera del 26 Novembre i dudaeviti avevano il controllo della città.

Perché sei stato rimosso dal comando?

Non vorrei parlare dei motivi, nonché del generale russo che si è occupato della cosa.

Gantamirob in mimetica tiene un’intervista televisiva

A seguito dell’Assalto di Novembre è seguito l’Assalto di Capodanno, con perdite ancora più gravi. Perché tu e i militari russi non avete imparato alcuna lezione dal fallimento di Novembre?

Non ho partecipato all’Assalto di Capodanno, ero a Urus – Martan. Le ragioni del suo fallimento sono che ogni generale si immaginava di essere un grande comandante, ognuno badava soltanto a sé stesso.

In Russia non cessano i discorsi riguardo le armi lasciate dall’esercito russo in Cecenia nel 1992. Yandarbiev, ex Vice Presidente della Cecenia, le stima in quarantamila unità. “Nella sola guarnigione militare di Grozny” scrive nelle sue memorie, “Sono rimaste trentasettemila mitragliatrici”. Forse qualcuno dei funzionari russi ha avuto una tangente per questo?

All’epoca ero Presidente della Commissione Militare, praticamente il Ministro della Difesa della Cecenia, e non ero responsabile nei confronti di nessuno, né del Congresso né del Presidium, ma solo di Dudaev. I problemi con le armi sono stati risolti con la mia partecipazione personale. Le armi in Cecenia non furono lasciate senza l’aiuto di Barbulis e di Pavel Grachev. Quali motivi li hanno mossi, non lo so. Ma affinchè le armi rimanessero in Cecenia in quantità così significative ho fatto molti sforzi, compresi quelli materiali.

Dove sono andate queste armi allora? Dicono che venivano commerciate al mercato nero in Cecenia.

Alcune delle armi sono state trasferite in Abkhazia su voli civili. Non so dove sono andate da lì. E anche molte munizioni. L’arsenale delle nostre unità militari ha ricevuto una parte molto piccola di ciò che era rimasto. E non c’erano così tante armi come si pensa, al mercato nero. Fondamentalmente sono state cedute.

Vendute?

Non voglio mentire…ho solo gli incarichi di Dudaev riguardo a chi consegnare le armi, non so se le ha vendute o donate.

Eri una persona vicina a Dudaev. Si è sentito dire che hai litigato per i soldi.

Ci siamo separati per ragioni completamente diverse, puramente ideologiche. All’inizio degli anni ’90 la gente con le mie stesse idee era fanatica, ingenua, non aveva nemmeno la minima esperienza politica. Siamo stati guidati da idee puramente nazionaliste, non lo nascondo. Ma poi, quando finalmente arrivò la tanto attesa libertà, gradualmente rimanemmo delusi. I nostri sogni erano nettamente divergenti dalla realtà. Abbiamo visto che i leader della rivoluzione cecena stavano seguendo una rotta opposta rispetto a quanto promesso. Eravamo indignati per il fatto che avevano inviato distaccamenti di combattimento ceceni a combattere in Abkhazia, e per molto altro.

Quando hai sostenuto il tuo primo combattimento tra i ranghi dell’opposizione?

4 Giugno 1993, quando la Guardia di Dudaev circondò la Polizia Municipale di Grozny e l’Assemblea Comunale della città, che allora dirigevo. Siamo stati colpiti dall’artiglieria. Ricordava molto quello che accadde a Mosca poco dopo, nell’Ottobre del 1993, alla Casa Bianca. Nel sanguinoso massacro organizzato da Dudaev morirono diverse centinaia di persone. Sono riusciti a portarmi fuori da Grozny tra i feriti.

soldati della Guardia Preisdenziale

Un’altra domanda sul passato prebellico. Per favore, raccontaci del destino dei vecchi rubli russi consegnati in Cecenia per via aerea dall’Estonia. Ce n’erano 18 tonnellate. Dove sono andati?

Sono stati gestiti dal Ministro della Giustizia della Cecenia, Imaev – in seguito Presidente della nostra banca centrale e Procuratore Generale della Cecenia. Lo abbiamo catturato in uno dei combattimenti. Tre giorni dopo, su richiesta dell’FSB sono stato costretto a rilasciarlo. L’ho consegnato in elicottero a Modzok e lo lasciato a specialisti russi. Dopo 11 giorni era di nuovo con Dudaev, in Cecenia. Era una persona del genere ad essere responsabile dei vecchi rubli russi. Non potrei assolutamente dire dove sono finiti. E’ chiaro: sono stati impiegati. Nessuno li ha bruciati in un falò.

A giudicare dalla storia che hai raccontato su Imaev, l’FSB ha avuto un ruolo di primo piano negli eventi ceceni.

Quando Stephasin e Sevostyanov erano impegnati in Cecenia, l’influenza dell’FSB sul corso degli eventi nella Repubblica era significativa. Ma quando l’FSB fu diretto da Barsukov, l’agenzia perse di influenza e autorità.

I leader militari russi erano collegati con uomini d’affari in Cecenia?

Per non dare adito a nuovi casi penali vorrei rispondere alla tua domanda in questo modo: senza un “tetto” militare nessuna singola struttura commerciale potrebbe arrivare in Cecenia. Si, anche per arrivarci, per non parlare della sua esistenza lì, per la conduzione dell’attività.

Perché le truppe di Dudaev erano meglio equipaggiate di quelle federali? Da dove ha attinto risorse Dudaev?

Da qui, da Mosca. Abbiamo ripetutamente attenzionato il Ministro degli Interni ed i servizi speciali, indicato le fonti ed i canali di ricezione specifici. Ma tutto inutilmente.

Se possibile, cita fatti specifici.

Ricordiamo gli eventi di Budennovsk. In precedenza avevamo notificato ai servizi di sicurezza le imminenti azioni. Conoscevamo perfino le persone che avrebbero dovuto accompagnare i dudaeviti nel raid. Il Ministro degli Interni della Cecenia è stato informato di questo. Tutto invano. Molte persone sapevano che il raid era in fase di preparazione, compresi anche i residenti di Budennovsk: è arrivata la voce. Alcuni cittadini hanno persino lasciato la città pochi giorni prima dell’attacco. Se Mosca non ha reagito a questo, allora cosa possiamo dire della reazione alle segnalazioni secondo le quali Dudaev riceveva, ad esempio, dieci fucili d’assalto?

Potresti fare dei parallelismo? Gli eventi di Budennovsk mostrano semplice negligenza, niente di più.

Ti stai sbagliando. La negligenza ed il tradimento sono secondari qui. Gli eventi di Budennovsk sono la prova della lotta per il potere. In partiolare, la lotta per la presidenza del Ministero degli Interni. Era necessario “sostituire” Erin con Kulikov.

Torniamo alle armi di Dudaev, Trasmetti tutto  a Mosca, ma leggo nel tuo diario le due parole indignate sul tuo compagno d’armi Avturkhanov, che ha venduto quattro mezzi blindati ai dudaeviti. Si scopre che la tua gente ha aiutato Dudaev ad armarsi?

E’ triste, ma si. Quando mi sono imbattuto in tali fatti mi ha fatto infuriare così tanto che ho alzato un polverone. Ho addosso tanti di quei peccati che forse non mi riabiliterò fino alla fine della vita. Ma non riesco proprio a capire come puoi vendere le armi alla parte avversaria, con le quali tu stesso potresti essere ucciso domani. Se fossero state “spinte” verso alcuni mafiosi cabardino – balcari avrei capito e perdonato. Ma quando le armi vengono vendute al nemico, non lo capisco. A differenza dei federali il mio esercito era formato esclusivamente da volontari, persone libere, che potevano mandare all’inferno. Quindi è successo tutto, ma ho notato: solo quelli che non erano associati alla faida (contro Dudaev, ndr.) vendevano armi ai dudaeviti.

Quanto era sviluppato il commercio di armi tra i federali?

Era un fatto comune di tutti i giorni.

A quanto venivano vendute le armi? Quanto costava, ad esempio, un fucile automatico?

Tutto dipendeva dalla situazione, dal contesto, dalla necessità. Era possibile comprare un fucile per centomila rubli come per un milione.

Quanto costava un carro armato?

Il carro armato era costoso. Dieci, quindici, ventimila dollari, anche se il suo presso reale è molto più alto. Ma in combattimento è stato così per molto tempo. Il commercio di cui sto parlando era al livello dei blocchi stradali, cioè un livello poco profondo. L’obiettivo era quello di sopravvivere, non congelare, non morire di fame. Chi commerciava a livello generale voleva diventare ricco. Ecco altri giochi più seri. Potrebbe, ad esempio vendere e comprare complessi antiaerei. Le cose a volte hanno raggiunto l’assurdo. Dopo l’introduzione delle truppe federali non ci furono date ufficialmente le armi, perché ci eravamo sciolti. Sono stato costretto ad acquistare armi ai federali tramite uomini di Dudaev!

Dudaev passa in rassegna della Polizia Municipale di Gantamirov, 1992

I testimoni oculari hanno detto che le proprietà private saccheggiate sono state portate via con le automobili. E’ un’esagerazione?

Non solo in automobile, ma addirittura con gli aereoplani. Io stesso sono stato testimone quando sono volato a Krasnodar con un aereo da trasporto militare, quando due “Zighuli” espropriati ai ceceni sono stati portati in Russia. Il saccheggio ha raggiunto proporzioni tali che sono stato costretto il 1 Marzo 1996 a radunare i fedeli dipendenti della Polizia Municipale ed istruirli a sparare ai saccheggiatori sul posto, indipendentemente da chi fossero, residenti locali o militari. E questo ordine è stato eseguito. Tutti saccheggiavano, sia i federali che i dudaeviti. Come durante la guerra civile nel 1918. Arrivavano quelli rossi e prendevano tutto, arrivavano quelli bianchi e lo facevano anche loro. In una parola, il caos. Anche il mondo criminale era impegnato nel saccheggio. Chiunque tu arrestassi, ti facevano arrivare i documenti che chiedevi sotto il naso. Sia federali, sia zavgaeviti, l’inferno sa chi. Appena messo in prigione iniziavano a chiamare. Una chiamata, un’altra, una terza chiamata. Quindi inziava lo scambio. Vi diamo i vostri e voi date i nostri a noi. Alla fine ero stanco di tutto questo. Ho dato il mio ordine: sparare sul posto senza processo. Ho parlato ufficialmente contro il saccheggio, ho registrato il mio ordine su una videocassetta – è stato riprodotto in televisione. Ho deciso di fare un elenco di criminali di guerra e di coinvolgere tutti coloro che violano le leggi della guerra. Così finii tra due fuochi, incontrando l’ostilità sia de predoni di Dudaev che dei predoni federali.

In che modo i generali hanno tratto profitto dal bottino? Com’è successo?

Non pensi che ci siamo concentrati abbastanza sui furti dei generali? A proposito, io stesso sono accusato di appropriazione indebita. Te ne sei dimenticato? (ride). Ma comunque darò degli esempi, poiché insisti. Il gruppo di forze federali doveva ricevere benzina, olio, gasolio, cherosene. Posso dirti, come ex sindaco di Grozny, che i federali riempivano carri armati, mezzi corazzati, aerei e veicoli dai depositi ceceni, senza alcun rapporto. Sono centinaia di migliaia di tonnellate di carburante! E ufficialmente il combustibile proveniente da Mozdok era impiegato per le unità militari. Ma queste sono briciole! Qualcun ha riferito di aver cancellato il carburante non utilizzato. Sai come ho formato il mio reggimento di Polizia Municipale? Secondo i rapporti ufficiali Kulikov ha vestito questo reggimento, gli ha dato le scarpe, lo ha saziato. In effetti ho fatto tutto con i miei soldi. Chiedi al comandante del reggimento se non ci credi. Interroga i combattenti, vedrai che confermeranno.

Secondo te che parte dei fondi stanziati per il ripristino della Cecenia sono andati rubati? Un terzo? La metà?

Non parlerò di “rubati”, parlerò di “sperperati”: circa il 90%.

Le ruberie erano più sotto il governo di Hadjiev o sotto quello di Zavgaev?

Sotto Hadjiev il furto era probabilmente al livello di unità di base. Sotto Zavgaev i soldi non facevano neanche in tempo a raggiungere questo livello, venivano saccheggiati prima ancora di entrare in Cecenia.

Chi era all’origine di questo fiume di soldi?

Barsukov, Korzhakov, Kulikov, Grachev. Erano i principali, ma non i soli e questo non è stato detto da nessuna parte. L’intero meccanismo finanziario è stato diretto verso di loro. Prima di tutto, ovviamente, tutto dipendeva da Korzhakov. In qualche modo mi ha persino mandato un suo uomo per evitare che ficcassi il naso nella sfera finanziaria. Questi fu catturato dallo stesso Kulikov.

E’ cambiato qualcosa quando Zavgaev è salito al potere?

Non appena Zavgaev salì al potere cambiarono il Procuratore della Cecenia Prima di questo era Procuratore un mio compagni. Lo invitai da me e gli dissi: sai, la tua posizione è stata venduta per 200.000 dollari. Tra due settimane ci sarà un nuovo Procuratore in Cecenia. Lui risponde: lo so. In due settimane abbiamo avuto un nuovo procuratore, per la cui nomina hanno pagato duecentomila dollari.

Come ha reagito Zavgaev al tuo racconto?

Dietro di me c’era un’enorme forza armata. Non poteva chiudermi la bocca. Ma ha fatto tutto a modo suo. Non soltanto il Procuratore, ma anche il nuovo Ministro degli Interni della Cecenia è stato nominato per denaro. Tutti lo sapevano, indicando il cognome di un moscovita di alto rango, cui furono dati duecentomila dollari per l’approvazione del candidato desiderato.

Perché se l’unico che è finito in prigione con accuse così gravi?

Ho già iniziato a rispondere a questa domanda, dicendo che ero tra due fuochi. Andai contro Zavgaev. Andai i televisione e invitai i ceceni a votare contro Eltsin nelle imminenti elezioni presidenziali. Il mio slogan era “Cecenia senza Dudaev ed Eltsin”. Questo ha giocato contro di me.

09/11/1991 – LA PRIMA “IMPRESA” DI BASAYEV: IL DIROTTAMENTO DI ANKARA

Shamil Basayev è noto in tutto il mondo per aver pianificato o fiancheggiato la realizzazione di drammatici sequestri, come quello dell’ospedale di Budennovsk nel 1995 o quello della scuola di Beslan nel 2004. Tuttavia la lunga lista di operazioni terroristiche da questi ordite o messe in atto ebbe origine molti anni prima dei suoi più tristemente noti colpi di mano, e precisamente il 9 Novembre 1991.

La cosiddetta “Rivoluzione Cecena” era appena scoppiata, il 27 Ottobre si erano svolte le elezioni popolari ed il Generale Dzhokhar Dudaev era stato eletto Presidente della Repubblica indipendente. Eltsin era intenzionato a porre fine quanto prima a questa situazione, ed il 7 Novembre aveva decretato lo Stato di Emergenza, mobilitando le unità del Ministero dell’Interno e predisponendo un piano per soffocare l’insurrezione dei ceceni. Mentre la popolazione si radunava in massa nelle piazze di Grozny e Dudaev arringava le folle, esortando i suoi concittadini ad armarsi per difendere l’indipendenza, un piccolo drappello di volontari costituì il primo nucleo combattente della repubblica, la Guardia Nazionale. Tra questi c’era Shamil Basayev, appena rientrato da Mosca (dove aveva preso parte alla difesa della Casa Bianca) e pronto ad entrare in azione.

(di sopra le foto di Basayev, Chachayev e Satuyev (quest’ultima successiva agli eventi)

Mentre i ceceni si mobilitavano, a Mosca la “questione cecena” sollevava un gran polverone politico, perché a fronte della volontà di Eltsin di intervenire subito e porre fine alla secessione, numerosi esponenti del governo e lo stesso Presidente Gorbachev si schieravano contro un’azione di forza dell’esercito. La situazione era estremamente tesa, il rischio di una guerra era sempre più concreto, ed in questa circostanza i secessionisti tentarono di giocarsi tutte le carte a loro disposizione: Dudaev cercava di saldare il fronte interno mobilitando le piazze, il Presidente del neoeletto Parlamento, Hussein Akhmadov, tentava di trovare sponde tra i politici russi. Basayev decise di giocare un ruolo meno politico e più congeniale al suo carattere. Fu in questo contesto che egli decise di mettere a segno il sequestro di un aereo civile.

SEQUESTRO MEDIATICO

L’idea non era né originale né inedita: tra il 1990 ed il Novembre 1991 in Russia erano stati tentati ben 45 dirottamenti, alcuni dei quali riusciti. Il primo sequestro a sfondo politico si era svolto il 18 Aprile 1990, quando un cittadino russo aveva preso il controllo di un aereo civile Tu – 134 in volo da Mosca a Leningrado, sequestrando 76 passeggeri e l’equipaggio e costringendo il pilota ad atterrare a Vilnius, dove intendeva “attirare l’attenzione della comunità mondiale sugli eventi politici in Lituania”. Il 7 Giugno successivo si era avuto il primo dirottamento ad opera di ceceni: un passeggero a bordo di un Tu – 154 dell’Aeroflot (la compagnia di bandiera sovietica) aveva minacciato di farsi esplodere se il jet non avesse abbandonato la rotta per Mosca e non si fosse diretto in Turchia. Giunto a destinazione era stato eliminato dalle forze speciali. Nei mesi seguenti molti cittadini dell’Unione Sovietica avevano portato a termine con successo parecchi dirottamenti a scopo politico, dirigendo gli aerei verso i paesi scandinavi con l’obiettivo di ottenere asilo contro il regime totalitario dell’URSS. Il fenomeno aveva assunto tali proporzioni che un giornalista svedese, commentando gli eventi, era giunto a scrivere: “Gli aerei sovietici, sotto la minaccia di dirottatori iniziano a riversarsi come grandine dal cielo negli aereoporti dei paesi vicini […]”. Man mano che l’impero sovietico collassava era sempre più chiaro che il dirottamento di aerei civili come strumento di pressione politica era diventato non soltanto piuttosto facile, ma anche efficace.

Il velivolo dell’aeroflot sequestrato da Basayev, Satuyev e Chachayev ad Ankara

Abbiamo detto che l’idea di mettere a segno un sequestro eclatante fu di Basayev. In realtà egli non fu che uno dei tre componenti del commando che lo portarono a termine: il regista dell’operazione fu Said – Ali Satuyev, ex pilota civile e ardente sostenitore dell’indipendenza cecena. Ai due si unì Lom Alì Chachayev, un altro giovane ribelle che avrebbe accompagnato Basayev a Budennovsk nel 1995 e sarebbe morto durante le Prima Guerra Cecena. Il 9 Novembre, mentre Dudaev prestava giuramento come Presidente della Repubblica e proclamava la mobilitazione generale, i tre uomini salirono su un Tu – 154 in partenza da Mineralnye Vody e diretto ad Ekaterinburg. I precedenti sequestri avevano visto i terroristi sistemarsi con calma e compostezza nei posti assegnati e poi comunicare con il comandante dell’aereo tramite “pizzini” lasciati alle hostess, in modo che nel velivolo non si scatenasse il panico e che la maggior parte dei civili non si rendesse neanche conto di essere stata sequestrata. Basayev, Satuyev e Chachayev decisero invece di dare un taglio drammatico alla loro azione: penetrarono nel velivolo armi in pugno e costrinsero l’equipaggio a decollare direttamente verso Ankara, cercando di generare quanto più clamore possibile. D’altra parte l’obiettivo era quello di farsi notare.

UN DRAMMATICO SUCCESSO

Uvolta giunti ad Ankara Basayev pretese un salvacondotto per Grozny e la possibilità di tenere una conferenza stampa internazionale, in cambio del rilascio di tutti gli ostaggi. Durante la conferenza stampa affermò di aver dirottato l’aereo in segno di protesta contro lo Stato di Emergenza in Cecenia – Inguscezia introdotto da Eltsin, e di voler “attirare l’attenzione della comunità mondiale sulle azioni imperialiste della Russia” contro la sua piccola patria. Dopo la conferenza stampa i dirottatori risalirono sull’aereo e fecero rotta verso Grozny insieme agli ostaggi. I giornali di tutto il mondo parlarono ampiamente del sequestro, e per la prima volta la Cecenia giunse sulle prime pagine dei principali quoditiani. Il mondo occidentale conobbe per la prima volta quel piccolo angolo di pianeta, quella periferia dell’impero sovietico del quale quasi tutti ignoravano l’esistenza.

(di seguito uno slideshow con le pagine dei giornali occidentali riportanti la notizia del sequestro e presentando gli eventi in corso in Cecenia)

Una volta al sicuro Basayev fece evacuare gli ostaggi su di un altro aereo di linea, diretto (per davvero) ad Ekaterinburg. I ceceni gli tributarono i favori di un eroe. Nel frattempo a Mosca il decreto di Eltsin sull’introduzione dello Stato di Emergenza era saltato: Gorbachev si era rifiutato di autorizzare l’intervento dell’esercito, molti esponenti dello stesso governo si erano opposti all’intervento, ed il mondo iniziava a guardare con apprensione verso il nuovo Presidente della Russia, sperando di non trovare un nuovo Stalin. Eltsin non poteva permettersi un bagno di sangue, e dovette temporaneamente congelare la questione cecena, tornando ad occuparsi dello smantellamento dell’URSS, ormai inevitabile.

Il gesto di Basayev, per quanto pericoloso e moralmente infame, aveva attirato l’attenzione della stampa mondiale sul “problema ceceno” ed aveva certamente contribuito ad ammorbidire la posizione di Eltsin (peraltro già in difficoltà per molte altre ragioni delle quali non parleremo in questo articolo), il quale accondiscese a ritirare lo Stato di Emergenza. Al ritorno dalla sua “Impresa” Basayev fu accolto da un bagno di folla, ed iniziò a salire l’olimpo del separatismo ceceno. Ma soprattutto imparò che per coinvolgere il mondo nella battaglia per l’indipendenza era necessario mettere a segno colpi eclatanti. Incruenti, se possibile, ma senza preoccuparsi troppo riguardo la sorte dei civili. Il sequestro di Mineralnye Vody fu il primo di una lunga serie di attentati terroristici che sarebbero culminati con le infami stragi di Beslan e del Teatro Dubrovka, rendendo Basayev un vero e proprio “principe del terrore”.